Nulla sia più forte della vostra fede

GIOSUÈ GIANAVELLO

La centralità di Dio nel pensiero della Riforma (Apocalisse 7:9-12) – Culto di domenica 25 ottobre 2020

Ventunesima domenica dopo Pentecoste

Letture bibliche: Salmo 90:1-17; Deuteronomio 34:1-12; 1 Tessalonicesi 2:1-8; Matteo 22:34-46

L’ultima domenica di ottobre è designata tradizionalmente in molte chiese come la “Domenica della Riforma” in commemorazione di quanto è avvenuto, per la provvidenza di Dio, cinque secoli fa in Europa. Nel XVI secolo cristiani di tutt’Europa, con coraggio e determinazione, riscoprendo la Parola autorevole e normativa di Dio, contenuta nella Bibbia, cominciano ad opporsi al cristianesimo corrotto e adulterato del loro tempo, per riportarlo ina conformità con la volontà rivelata di Dio. Condotta, come suoi esponenti più noti, da Martin Lutero, Ulrico Zwingli, e Giovanni Calvino, i nomi più noti della Riforma, ma anche, per noi, da riformatori italiani come Pier Martire Vermigli, Vergerio, ed altri, le chiese ed i cristiani della Riforma si separano dagli errori del Cattolicesimo romano dominante e danno inizio a ciò che oggi conosciamo come il Protestantesimo. Non si tratta di una nuova religione, ma della riscoperta del cristianesimo puro e semplice, liberato dalle scorie che secoli di tradizioni alienanti e varie interferenze avevano accumulato su di esso.

La nota dominante

Qual era la nota dominante dell’antico Protestantesimo, e quale deve essere ancora oggi la nota dominante della fede e della testimonianza riformata, se essa vuole rimanere fedele allo spirito dei suoi fondatori?

Si tratta della nota dominante di tutto ciò che traspare dalla stessa Bibbia, e vorrei che la scoprissimo insieme a partire da un brano del libro dell’Apocalisse, al capitolo 7. Giovanni, autore di questo libro, vede profeticamente ciò che accadrà in cielo, quando finalmente tutto il popolo di Dio sarà riunito davanti a Lui per glorificarlo e per godere per sempre della Sua presenza.

“Dopo queste cose vidi una grande folla che nessuno poteva contare, di tutte le nazioni, tribù, popoli e lingue; questi stavano in piedi davanti al trono e davanti all’Agnello, coperti di vesti bianche e avevano delle palme nelle mani. E gridavano a gran voce, dicendo: “La salvezza appartiene al nostro Dio che siede sul trono e all’Agnello”. E tutti gli angeli stavano in piedi intorno al trono e agli anziani e ai quattro esseri viventi, e si prostrarono sulle loro facce davanti al trono e adorarono Dio, dicendo: “Amen! La benedizione, la gloria, la sapienza, il ringraziamento, l’onore, la potenza e la forza appartengono al nostro Dio nei secoli dei secoli. Amen!” (Apocalisse 7:9-12).

La centralità di Dio

La grande folla degli eletti a salvezza, insieme alle creature celesti, loda e glorifica Dio, proclamando la Sua sovranità, gloria, sapienza, onore e potenza, ringraziandolo e benedicendolo.

Il popolo di Dio, così, è quello che proclama e vive la centralità di Dio…

PER LEGGERE O ASCOLTARE TUTTO IL CULTO CLICCA QUI

La Bibia Piemonteisa – Leture bìbliche për Dominica ël 18 d’Otober 2020 – Dumìnica apress la Pancòsta ch’a fa vint

Leture bìbliche: Salm 99Surtìa 33:12-23; 1 Tessalonicèis 1:1-10Maté 22:15-22

con le vos ëd Paolo Castellina, Marco Moretti, Massimo Marietta, Anin Ferrero, Gianni Marietta.

“La fòrsa d’un bon esempi” a podrìa esse ‘n tìtol adat a gionté ansema le quatr leture bìbliche ‘d costa duminica. Ant ël quàder ëd n’umanità arvirosa, Dé a l’é arzervasse ‘n pòpol ch’a l’é fedel a chiel. Cost pòpol a l’é sortì da la consacrassion a chiel ëd përsonagi eminent tanme Abram, Mosè, Aaron, e Samuel ch’a l’han servilo e che chiel a l’ha stabilìje coma ij sò portavos e model. A l’era nen belfé lòn ch’a l’avìo da fé d’òm coma Mosè: a l’avìo da mné anans un pòpol ch’a l’era soens teston e malarconossent. Lor, contut, a dvento ‘d modèj ‘d fidelità a Nosgnor e determinassion ant sò sërvissi, e parèj a resto ‘dcò për nojàutri. I vëdoma sossì ant le prime leture bìbliche d’ancheuj. Ël carater esemplar dij “amis ëd Dé” i lo vëdoma confërmà ant la tersa letura dj’Epìstole, andova che la coerensa e la fidelità dl’apòstol Pàul a vagna ‘n bon arcòlt ëd cristian ch’a lo ìmito e che, a soa vira, a dvento d’esempi për d’àutri. Ant la quarta letura, cola dij vangej, Gesù a ten testa a d’aversari an malafé e a stabiliss ël prinsipi dl’autorità suprema ‘d Dé dzora qualsëssìa autorità uman-a.

I.

La grandëssa ‘d Nosgnor Dé, Creator e sovran dl’univers antregh, a dovrìa anfonde timor e frisson a minca na përson-a ‘d bon sens. L’arogansa e l’arvira a chiel ëd tanti uman, contut, a riva fin-a a aceté d’esse campà ant l’infern pitost che pieghesse ‘dnans a chiel. Ël timor ëd Nosgnor, contut, a l’é ‘l fondament dla vera sapiensa: tuti coj ch’a-j dan da ment a l’han ëd bon sens (Salm 111:8). Sossì a l’é ‘l cas ëd Mosè, Aaron e Samuel, che Nosgnor a l’ha fàit ij sò portavos e mediator, e che Chiel a l’é compiasusse ëd ciamé “amis” e ‘d parleje facia a facia. I vëdoma tut sossì ant ël Salm 99, che adess i andoma a sente.

“Nosgnor a regna! Le nassion a tërmolo! Chiel a l’é setasse dzora ai cherubin e la tèra a l’é stàita socrolà. Nosgnor a l’é grand an Sion, a l’é dzura a tute le nassion. Che tute le nassion a làudo tò Nom grand e maravijos! Ch’a làudo la fòrsa dël Rè ch’a l’ha cara la giustissia! Ti ‘t fortisse la dritura. Ti ‘t sicure an Giacòb la giustissia e l’equità. Laudé Nosgnor, nòstr Dé! Prostreve dë ‘dnans a sò scagn! Chiel a l’é sant! Mosè e Aaron a l’ero an tra ij sò sacerdot! Samuel a l’era an tra coj ch’a ‘nvocavo Sò Nom! A l’han pregà Nosgnor e Chiel a l’ha scotaje. Chiel a-j parlava da na colòna ‘d nìvole, lor a scotavo lòn ch’a-j comandava, le régole e a j’istrussion ch’a-j dasìa. Nosgnor, nòstr Dé, Ti ‘t l’has scotaje. A l’han trovà ‘n Ti un Dé ch’a përdon-a, ma ‘dcò un ch’a castiga coj ch’a fan ëd pecà. Laudé Nosgnor, nòstr Dé! Rendje onor an sla montagna santa, përché Nosgnor, nòstr Dé a l’é sant!” (Salm 99).

II.

L’incarich che Nosgnor a fida a Mosé a nen pròpi belfé, e as capiss coma Mosé a-j ciama, a Nosgnor, “ëd garansìe” che përdabon chiel a lo compagna e a lo giuta…

Për lesi tut. A i’é ëdcò la registrassion da scoté, con la musica! – Leggi tutto. C’è anche l’audio, con la musica!

«Rendete a Cesare ciò che è di Cesare e a Dio ciò che è di Dio»: che cosa vuol dire? – Culto di domenica 18 ottobre 2020

Ventesima domenica dopo Pentecoste

Letture bibliche:Salmo 99; Esodo 33:12-23; 1 Tessalonicesi 1:1-10; Matteo 22:15-22

Quelli che sono reputati prìncipi delle nazioni le signoreggiano e i loro grandi le sottomettono al loro dominio” (Marco 10:42). Gesù non insegnava a sottomettersi acriticamente ad ogni autorità terrena, ma stabiliva il primato di Dio su qualunque autorità umana che a Lui dovrà rendere conto degli abusi che pèrpetrano. Lo vediamo oggi nell’episodio biblico dove Gesù pronuncia la famosa frase: “Rendete a Cesare quel che è di Cesare e a Dio quel che è di Dio”. La dice in risposta ai suoi oppositori che, gelosi della sua popolarità, lo ritenevano una minaccia per il loro ingiusto potere e coglievano ogni occasione per coglierlo in fallo, discreditarlo ed accusarlo di fronte alle autorità.

La famosa espressione di Gesù: «Rendete a Cesare ciò che è di Cesare e a Dio ciò che è di Dio» appare in tutti e tre i vangeli sinottici (Matteo, Marco e Luca). La comunità apostolica lo considerava la base di un insegnamento importante riguardante il nostro rapporto con le autorità politiche e il nostro rapporto con Dio. Come capirlo e applicarlo precisamente, però, non è specificato. E’ proprio qui che sorgono problemi per chi nella storia ha voluto e vuole comprenderlo rettamente. Perché problemi? Perché a seconda della teologia politica dell’interprete, questa enigmatica risposta di Gesù a una domanda politica posta in malafede dai suoi avversari è stata presa per sostenere o sottoscrivere posizioni molto diverse fra di loro!

C’è chi da essa ha dedotto, per esempio, una gerarchia di autorità visibili, due regni (uno di questo mondo e uno di Dio), la sovranità delle sfere, la resistenza fiscale, il fervore patriottico, l’obbedienza ai dittatori, i “cristiani tedeschi” (i Deutsche Christen, che si sottomettevano a Hitler) e i redattori della Dichiarazione di Barmen (che a quel regime si erano opposti). Queste posizioni non possono essere ritenute ugualmente valide: solo dei relativisti potrebbero sostenerlo.

I testi sinottici chiariscono che la domanda posta a Gesù e che aveva suscitato quella risposta, era per lui intesa come una trappola. Rispondere pubblicamente con un semplice “sì” o “no” sarebbe stato un suicidio politico nella Giudea occupata.

PER LEGGERE O ASCOLTARE TUTTO IL CULTO CLICCA QUI 

La Bibia Piemonteisa – Leture bìbliche për Duminica ël 11 d’Otober 2020 – Dumìnica apress la Pancòsta ch’a fa disneuv

Letùre bìbliche:  Salm 106:1-23; Surtìa 32:1-14Filipèis 4:1-9; Maté 22:1-14

con le vos ëd Pàul Castlin-a, March Moretti, Màssim Marietta, Anin Ferrero, Gianni Marietta

Ël fil ross, ël téma ‘l pì amportant ëd le leture bìbliche dë sta sman-a, a riguarda cola incoerensa ch’a torna mincatant e ch’a-i tomba ‘l pòpol ëd Nosgnor riguard a lòn che Nosgnor a së speta da nojàutri. Pijene cossiensa për ël mojen ëd ël confront con la Paròla ‘d Nosgnor a l’é fondamental. Sossì a deuv portene a la confëssion dij nòstri pecà e al pentiment, tant coma a-j dà l’espression ël Salm 106. Decade ant l’idolatrìa a l’é quajcòsa ‘d motobin séri, coma n’é l’ilustrassion l’episòdi dël vailèt d’òr contà ant la Surtìa. La preghiera d’intercession da part ëd përson-e fidej tanme Mosè, an peul arporté an sla stra giusta. L’angagg ëd nòstra përson-a anvers tut lòn ch’a l’é bon e gradì a Nosgnor a l’è lòn ch’an adressa la letura da la litra ai Filipéis. Coma i vëdoma, a la fin, ant la letura dël vangel, a l’é soens per ël mojen ed le paràbole ‘d Gesù che, con ël tìpich ëstil profètich, a peudo dene col sopatun ch’an fà tant bin! Sia ringrassià Nosgnor per soa paterna e providensial dissiplin-a.

I.

Butesse ‘dnans a la Paròla ‘d Nosgnor për confrontèss-ne, a l’é ‘n dover dël pòpol ëd Nosgnor ant ël servissi divin. Ël Salm 106 a l’é na confëssion coletiva ‘d pecà. La bontà e la fidelità ‘d Nosgnor a sò Pat a l’ha da corësponde a nòstra fidelità e ubidiensa, përché sò Pat a conten ëdcò ‘d conseguense negative për coj ch’as conformo nen ai sò tèrmin. Confëssé nòstre inadempiense e butesse ‘d bon-a veuja për n’ubidiensa arnovà, a l’é nòst dover precis. La misericòrdia ‘d Nosgnor a men-a al përdon e a na vita arnovà.

Salm 106:1-23

Laudé Nosgnor! Rende grassie a Nosgnor, përché Chiel a l’é brav. Soa misericòrdia a dura për sèmper! Chi ch’a podrà mai conté tùit j’at potent che Chiel a l’ha fàit o dé cont ëd tute j’assion degne ‘d làude che Chiel a l’ha compì? A son për dabon beat coj ch’a travajo për fé trionfé la giustissia e ch’a fan sèmper lòn ch’a l’é giust!

Nosgnor! Arcòrd-te ‘d mi quand ch’it mostre toa benevolensa a tò pòpol! Ancòrz-te ‘d mi quand ch’it dlibere, parèj ch’i vëdda la prosperità ‘d coj ch’it l’has sernù, ch’im arlegra con toa nassion e ch’im gloria ansema con la gent ch’at aparten.

I l’oma pecà tant coma ij nòstri vèj, i l’oma fàit lòn ch’a l’é nen giust, i l’oma fàit lòn ch’a l’é mal. Ij nòstri vej ant l’Egit a l’han nen tenù an bon cont ij miràcoj ch’it l’avìe fàit, a l’han pì nen arcordasse dla gran quantità ‘d favor che ti ‘t l’avie faje, e a son arvoltasse contra ‘d ti dacant al mar Ross. Con tut lòn, Chiel a l’ha delivraje a càusa ‘d soa arputassion, për fé conòsse soa potensa. A l’ha crijà contra ‘l Mar Ross e ‘l mar a l’é suvasse. A l’ha mnaje a travers ël fond dël mar coma s’a fussa ‘n desert. A l’ha delivraje da la potensa ‘d coj ch’a-j l’avìo an ghignon e a l’ha salvaje da la potensa ‘d sò nemis. J’aque a l’han quatà ij sò nemis e gnanca un ëd lor a l’é survivuje. A l’han chërdù a soe promësse e a l’han cantaje ‘d làude.

Con tut lòn a l’han prest dësmentià lòn che Chiel a l’avìa fàit, a l’han nen vorsù speté soe istrussion. Ant ël desert a l’han avù anvìa ‘d carn, tant che a’n n’avìo mai pro, e a l’han dësfidà Nosgnor ant ël desert. Chiel a l’ha daje la contenta, peui, nopà, a l’ha faje ciapé na maladìa. Ant ël campament a son pijass-la mal contra ‘d Mosè e contra ‘d Aaron, ël sant sacerdot ëd Nosgnor, ma la tèra a l’é duvertasse e a l’ha travondù Dathan; a l’ha quatà tuta la banda d’Abiram. Ël feu a l’ha brusà tut col grup, le fiame a l’han consumà tuta cola canaja.

An Horeb a l’han fasse la mistà d’un vailèt e a son butasse an ginojon dëdnans a ‘n buracio ‘d metal. A l’han baratà sò Dé majestos con na mistà d’un beu ch’a mangia dl’erba. A l’han arfudà ‘l Dé ch’a l’avìa liberaje, Col ch’a l’avìa fàit grande còse an Egit,  d’assion maravijose ‘nt ël pais ëd Ham, d’assion potente dacant al Mar Ross. Anlora Nosgnor a l’ha mnassà ‘d anienteje, ma Mosè, Sò sernù, a l’ha ‘ntërcedù për lor parèj che Soa rabia a chitèissa e a-j anientèissa pì nen.

II.

Ël cheur ëd l’òm dësdà a l’é na fòrgia d’ìdoj – costa-sì a l’era l’oservassion bin centrà dël Reformator Gioann Calvin. Soens a l’é ‘dcò la dirigensa dla cesa ch’a n’ha compiasensa e ch’a dà la contenta a coste tendense idolàtriche, coma ch’a l’é mostrà ant ël contegn colpèivol dël sacerdot Aaron ant l’episòdi dël vailèt d’òr.

Për lesi tut. A i’é ëdcò la registrassion da scoté, con la musica! – Leggi tutto. C’è anche l’audio, con la musica!

 

 

Modi diversi per respingere un invito, ma sempre fatali (Matteo 22:1-14) – Culto di domenica 11 ottobre 2020

Domenica 11 Ottobre 2020 – Diciannovesima domenica dopo Pentecoste

Letture bibliche:  Salmo 106:1-23; Esodo 32:1-14; Filippesi 4:1-9; Matteo 22:1-14

Siete mai stati invitati ad un matrimonio di un esponente di una famiglia reale? Beh, se non avete re o regine come rappresentanti della vostra nazione, immaginate di essere invitati a pranzo dal presidente della repubblica. Improbabile, direte voi. Non importa, immaginatelo solo. Come reagireste? Lo considerereste un onore e posporreste ogni altro vostro impegno per parteciparvi, oppure rifiutereste l’invito con qualche scusa? Oppure ancora ci verreste, ma …solo alle vostre condizioni (non alle sue!). E se quel re o presidente, di fronte al vostro rifiuto reagisse …facendovi condannare a morte?

Per quanto assurda e implausibile sia una situazione come quella che ho or ora descritta, essa corrisponde ad una parabola che Gesù un giorno aveva raccontato di fronte ai suoi avversari,  che avrebbe causato, anche allora, parecchie perplessità fra chi lo ascoltava. Eppure, dopo averne rilevato l’assurdità, essi si erano resi conto come la parabola, di fatto, descrivesse proprio il loro atteggiamento ed intenzioni di fronte alla predicazione ed opere di Gesù. Il loro era un rifiuto netto e insensato, e le loro giustificazioni per respingerlo non erano meno inaccettabili di quelle descritte nella parabola. Ascoltiamola.

Parabola delle nozze.  “E Gesù, riprendendo la parola, di nuovo parlò loro in parabole, dicendo:  «Il regno dei cieli è simile a un re, il quale preparò le nozze di suo figlio. E mandò i suoi servi a chiamare gli invitati alle nozze, ma questi non vollero venire. Di nuovo mandò altri servi dicendo: “Dite agl’invitati: Ecco, io ho apparecchiato il mio pranzo, i miei vitelli e i miei animali ingrassati sono ammazzati ed è tutto pronto; venite alle nozze”. Ma essi, non curandosene, se ne andarono chi al proprio campo, chi ai propri affari. E gli altri, presi i suoi servi, li oltraggiarono e li uccisero. Il re allora, udito ciò, si adirò e mandò i suoi eserciti per sterminare quegli omicidi e per incendiare la loro città. Disse quindi ai suoi servi: “Le nozze sono pronte, ma gl’invitati non ne erano degni. Andate dunque agli incroci delle strade e chiamate alle nozze chiunque troverete”. E quei servi, usciti per le strade, radunarono tutti coloro che trovarono, cattivi e buoni, e la sala delle nozze si riempì di commensali. Ora il re, entrato per vedere i commensali, vi trovò un uomo che non indossava l’abito da nozze; e gli disse: “Amico, come sei entrato qui senza avere l’abito da nozze?”. E quegli rimase con la bocca chiusa. Allora il re disse ai servi: “Legatelo mani e piedi, prendetelo e gettatelo nelle tenebre di fuori. Lì sarà il pianto e lo stridor di denti”. Poiché molti sono chiamati, ma pochi eletti»” (Matteo 22:1-14).

Il rifiuto della chiamata

L’ambientazione della parabola del banchetto di nozze è una festa organizzata in un regno dal re per suo figlio. Era consuetudine a quel tempo mandare gli inviti aspettandosi la risposta se si avesse l’intenzione di partecipare. Questa sarebbe stata seguita da una seconda chiamata: l’annuncio che il banchetto era pronto e che gli invitati dovevano ora venire alla festa. Sappiamo che, a quel tempo era spesso considerato un crimine per coloro che pure avevano promesso di parteciparvi, rifiutarsi poi di venire. Gesù, in questa sua parabola, descrive una situazione appositamente “esagerata”, assurda…

PER LEGGERE O ASCOLTARE TUTTO IL CULTO CLICCA QUI 

La Bibia Piemonteisa – Leture bìbliche për Duminica ël 4 d’Otober 2020 – Dumìnica apress la Pancòsta ch’a fa disdeut

Leture bìbliche: Salm 19Surtìa 20:1-20Filipèis 3:4-14Maté 21:33-46 con le vos ëd Paolo Castellina, Marco Moretti, Massimo Marietta, Anin Ferrero, Gianni Marietta.

Nosgnor Dé a l’ha parlà e a parla an manere svarià e an mostra cola ch’a l’é la via dla vita. I lo podoma sente për ël mojen ëd l’osservassion dël creà, an conossend e conformandse a soa lej moral, cola ch’a l’ha diciarala ant la Bibia e, dzurtut, an fidand-se a la përson-a e a l’euvra dël Signor e Salvator Gesù Crist. Chiel a l’é l’l valor pì grand ch’i podrìo avèj. Le leture bìbliche dë sta duminica a lo buto bin an evidensa. E-lo chi lo stoma a sente quand ch’a parla, o nojàutri i soma coma ij personagi dla paràbola ‘d Gesù (nòstra quarta letura ancheuj)? Ij mëssagé ‘d Nosgnor coj-lì a j’avìo pa scotaje e fin-a bastonaje. Tutun, a-i é coj ch’a j’arsèivo con fiusa. Mach lor a n’arseivran ël premi.

I.

A-i é doe manere che Nosgnor an parla: l’arvëlassion general (l’osservassion ëd la natura, dël creà) e l’arvëlassion ëspecial (le Sacre Scriture: ch’a conten-o soa lege moral e, dzurtut, ël Signor e Salvator Gesù Crist). Ël Salm 19 an parla ëd tute doe coste arvëlassion. Lë scritor ëd cost Salm a dà soa testimoniansa dj’efet benéfich che la conossenza ch’a l’ha arseivù ‘d Nosgnor a l’ha avù an sù chiel medésim.

“Ij cej a nunsio la glòria ‘d Nosgnor, la vòlta del cel an fà conòsse l’euvra ‘d soe man.Un di a fà passé ‘d conossensa a l’àutr di, e na neuit a ‘rvela la grandëssa ‘d Nosgnor a n’àutra neuit. A l’é pa na lenga, a son pa ‘d paròle ch’as peusso nen antendje. Soa vos a ‘rson-a da na part a l’àutra dla tèra, soe paròle a viagio fin-a a l’orisont ël pì lontan. Ant ël cel Nosgnor a l’ha piantà na tenda për ël sol. Tanme në spos, ël sol a seurt da soa stansia da let. A l’é tanme n’òm fòrt ch’a l’ha gòj ‘d fé soa corsa. Chiel a ven fòra da l’orisont ël pì lontan e a va da na part a l’àutra dël cel; a-i é gnente ch’a peussa scapé da sò calor. La lej ëd Nosgnor a l’é përfeta e a guerna la vita ‘d coj ch’a la osservo. Ëd le régole che Nosgnor a l’ha stabilìe as peul fidess-ne. A dan ëd sapiensa a coj ch’a l’han nen d’esperiensa. Ij precet ëd Nosgnor a son giust e a dan ëd gòj al cheur. Ij comandament ëd Nosgnor a son pur e a ‘nlumino j’euj. Ij comand ëd tëmme Nosgnor a son giust e a duro për sèmper. Ij giudissi ch’a l’ha dàit Nosgnor a son degn ëd fiusa e dël tut giust. A l’han un valor pì grand che l’òr, fin-a ‘d na granda quantità d’òr. A son pì doss che l’amel, fin-a pì doss dl’amel ch’a ven diret da ‘n cotel d’avije. A l’é pròpi vera: tò servitor a treuva ambelelà na guida moral sicura. Coj ch’a-j scoto a treuvo na granda arcompensa. Chi é-lo ch’a podrìa comprende tùit ij sò eror? Përdon-me ij pecà ch’i l’hai fàit për fala. Ëd pì, ten lontan ij tò servitor dal comëtte dij pecà ‘d presunsion, parèj che lor a la faso nen da padron an mia vita. Anlora i sarai sensa rimpròcc, nossent da ‘d trasgression grossere. Che le paròle ‘d mia bòca e la meditassion ëd mè cheur a sio agreàbil ëdnans ëd Ti, Nosgnor, mia fòrsa e mè Redentor!” (Salm 19).

II.

Ij Des Comandament, ch’as diso ‘dcò “ël Decàlogo”, a son la sìntesi, l’arsunt, ëd l’ética ebràica e cristian-a e ‘d sicur ëd nòstra sivilisassion. Ël capìtol 20 dla Surtìa, an efet, a l’é un-a dle session an tra le pì famose dla litratura religiosa dël mond antregh.

Për lesi tut. A i’é ëdcò la registrassion da scoté, con la musica! – Leggi tutto. C’è anche l’audio, con la musica!

10 cose che dovresti sapere sui dieci comandamenti (Esodo 20:1-20) – Culto di domenica 27 settembre 2020

Diciottesima domenica dopo Pentecoste

Letture bibliche: Salmo 19; Esodo 20:1-20; Filippesi 3:4-14; Matteo 21:33-46

Dopo aver respinto Dio e le sue leggi morali, tanti oggi vogliono essere dio e legge a sé stessi, fare quel che ritengono più opportuno o conveniente, decidere loro quel che sia giusto o sbagliato. Si dice debba essere “la democrazia” a stabilire di volta in volta che cosa sia giusto – e che per questo le leggi cambino. Il risultato? Completo caos, ingiustizie ed oppressione. Dio, il Creatore, ha riassunto nei Dieci Comandamenti le regole di base della nostra vita che garantiscono la nostra più autentica libertà. Lo considereremo quest’oggi nelle letture bibliche e nella nostra riflessione.

10 cose che dovresti sapere sui dieci comandamenti

I dieci comandamenti, o meglio “Il Decalogo”, sono la sintesi dell’etica ebraica e cristiana e sicuramente della nostra civiltà. Esodo 20, infatti, è una delle sezioni più famose della Bibbia, anzi, uno dei pezzi più importanti della letteratura religiosa nel mondo intero. Esprimono principi immutabili di comportamento che non solo stanno alla base del Patto fra Dio ed il suo popolo eletto, ma che confessiamo essere dati dal Creatore all’intera umanità per garantirne la vita e l’armonioso funzionamento. Benché su di essi si possa dire ovviamente molto di più, oggi faremo dieci considerazioni generali rimandando ad un separato loro approfondimento.

Ascoltiamo così quanto troviamo nel libro dell’Esodo al capitolo 20.

 “Allora DIO pronunziò tutte queste parole, dicendo: «Io sono l’Eterno, il tuo DIO, che ti ha fatto uscire dal paese d’Egitto, dalla casa di schiavitù. Non avrai altri dèi davanti a me. Non ti farai scultura alcuna né immagine alcuna delle cose che sono lassù nei cieli o quaggiù sulla terra o nelle acque sotto la terra. Non ti prostrerai davanti a loro e non le servirai, perché io, l’Eterno, il tuo DIO, sono un Dio geloso che punisce l’iniquità dei padri sui figli fino alla terza e alla quarta generazione di quelli che mi odiano, e uso benignità a migliaia, a quelli che mi amano e osservano i miei comandamenti. Non userai il nome dell’Eterno, il tuo DIO, invano, perché l’Eterno non lascerà impunito chi usa il suo nome invano. Ricordati del giorno di sabato per santificarlo. Lavorerai sei giorni e in essi farai ogni tuo lavoro;  ma il settimo giorno è sabato, sacro all’Eterno, il tuo DIO; non farai in esso alcun lavoro, né tu, né tuo figlio, né tua figlia, né il tuo servo, né la tua serva, né il tuo bestiame, né il forestiero che è dentro alle tue porte; poiché in sei giorni l’Eterno fece i cieli e la terra, il mare e tutto ciò che è in essi, e il settimo giorno si riposò; perciò l’Eterno ha benedetto il giorno di sabato e l’ha santificato. Onorerai tuo padre e tua madre, affinché i tuoi giorni siano lunghi sulla terra che l’Eterno, il tuo DIO, ti dà. Non ucciderai. Non commetterai adulterio. Non ruberai. Non farai falsa testimonianza contro il tuo prossimo. Non desidererai la casa del tuo prossimo; non desidererai la moglie del tuo prossimo, né il suo servo, né la sua serva, né il suo bue, né il suo asino, né cosa alcuna che sia del tuo prossimo». Ora tutto il popolo udiva i tuoni, il suono della tromba e vedeva i lampi e il monte fumante. A tale vista, il popolo tremava e si teneva a distanza. Perciò essi dissero a Mosè: «Parla tu con noi e noi ti ascolteremo, ma non ci parli DIO perché non abbiamo a morire». Mosè disse al popolo: «Non temete, perché DIO è venuto per provarvi, e affinché il timore di lui vi sia sempre davanti, e così non pecchiate»” (Esodo 20:1-20). 

1 Mosè, che aveva ricevuto da Dio stesso le tavole di pietra su cui erano scritti, non si riferisce mai a loro come ai “dieci comandamenti”, ma alle “Dieci parole”. “Allora DIO pronunziò tutte queste parole” (20:1). Stranamente, non sono mai stati effettivamente chiamati i dieci comandamenti

PER LEGGERE O ASCOLTARE TUTTO IL CULTO CLICCA QUI 

La Bibia Piemonteisa – Leture bìbliche për Duminica 27 dë Stèmber 2020 – Dumìnica apress la Pancòsta ch’a fa dissèt

Leture bìbliche: Salm 78:1-16Surtìa 17:1-7Filipèis 2:1-13Maté 21:23-32 con le vos ed Paolo Castellina, Marco Moretti, Massimo Marietta, Anin Ferrero, Gianni Marietta.

Ël pòpol ëd Nosgnor, tant al temp dël Testament Vej che dël Testament Neuv, visadì ancheuj, a l’ha na fonsion da compì, n’incombensa da sodisfé. Sò dover e responsabilità a l’é serve i pròposit ëd Nosgnor. Cost pòpol a lo podrà fé s’a scota j’istrussion ch’a-j dà la Paròla ‘d Nosgnor e, dzurtut, s’a và dapress a l’esempi ch’a-j dà ‘l Signor e Salvator Gesù Crist. Ël Salm ch’i lesoma ancheuj an presenta la responsabilità ch’i l’oma ‘d mostré ai nòstri fieuj e fije lòn ch’a veul dì fé part ëd cost pòpol. La letura da le Epìstole an mostra ‘d che manera Gesù Crist a l’ha da esse nòst esempi. La sconda e quarta letura, contut, an parlo ‘dcò dle resistense ch’i ancontroma ant ël compiment ëd nòstre responsabilità, nen mach ant ël mond ch’an n’é nemis, ma ‘dcò an mes a nojàutri ij cristian. Minca na resistensa ai propòsit ëd Nosgnor, a l’é sicur ch’a falirà.

I.

Le famije dël pòpol ëd Nosgnor, con l’apògg ëd la comunità dij chërdent, a l’han la responsabilità ‘d mostré ai sò fieuj e fije coj ch’a son ij fondament ëd nòstra fej e soa stòria a travers dij sécoj. A soa vira lor a dovran trasmëtt-lo anans a le generassion ëd chërdent ch’a vniran. An efet, Nosgnor a l’ha fidà a sò popol na vocassion ch’a l’ha da guerné e da compì con diligensa. Sossì a l’é lòn ch’i trovoma ant ël Salm 78 ch’i andoma adess a sente.

Fà ‘tension, mè pòpol, a mia istrussion! Scota le paròle ch’it diso. I canteraj na canson ch’a dà sapiensa. I faraj ëd considerassion ancreuse an sij temp antich.

Lòn ch’i l’oma sentù e amprendù, lòn ch’ ij nòstri vej a l’han contane, i lo stërmeroma nen ai nòstri fieuj. I contëroma a la generassion ch’a ven ëd lòn che Nosgnor a l’ha fàit e ch’a l’é degn ëd làude. I-j conteroma ‘d sòa fòrsa e dle maravije ch’a l’ha fàit. Nosgnor a l’ha stabilì un pat con Giacòb, a l’ha fissà na lej an Israel. A l’ha comandà ai nòstri vej ‘d fé conòsse ai sò fieuj lòn che chiel a l’ha fàit, parèj che le generassion ch’a vniran, ij fieuj ch’a son ancora da nasse, a peudo conoss-lo. Lor a vniran grand e, a sua vira, a conteran ëd sòn ai sò fieuj. Anlora ‘dcò lor a duvertran ël cheur a Nosgnor. A dësmentieran nen j’euvre ‘d Nosgnor e a scotran lòn che Nosgnor a comanda. A l’ha da esse parèj përche ij fieuj a dvento nen coma ij sò antich, ch’a l’ero mach ëd teste dure, d’arviros e con në spirit cha l’é nen fedel a Nosgnor.

La gent d’Efraim, ch’a son ëd bon arcé, a son ëscapà ‘nt l’ora dla bataja. A son nen ëstàit fedej a l’Aleansa ‘d Nosgnor; a son arfudasse dë scoté soa lej. A l’avìo dësmentiasse ‘d lòn che Nosgnor a l’avìa fàit, ij prodis che chiel a l’avìa mostraje. Ant la tèra d’Egit, ant la pian-a ‘d Tanis, Nosgnor a l’avìa fàit ëd prodis dë ‘dnans ai sò antich. Për duverteje dë ‘dnans na stra a l’ha dividù an doi ël mar, artenend j’aque coma s’a-i fussa stàit un mur. Ëd di a-j guidava con na nìvola, ëd neuit con lë splendrior dël feu. A l’ha s-ciapà ‘d ròche ‘nt ël desert për deje d’eva tanme ‘d fontan-e. A l’ha fàit seurte dij torent da la ròca, e d’aque a son scorùe tanme ‘n fium!” (Salm 78:1-16).

II

Ij propòsit ed Nosgnor as realiso sèmper – gnun a peul rendje inùtij – ma soens a treuvo ‘d resistense considerevoj an mes al pòpol ëd Nosgnor medésim…

Për lesi tut. A i’é ëdcò la registrassion da scoté, con la musica! – Leggi tutto. C’è anche l’audio, con la musica!

 

Una domanda da farsi: “Viene da Dio o viene dagli uomini?” (Matteo 21:23-32) – Culto di domenica 27 settembre 2020

Diciassettesima Domenica dopo Pentecoste

Letture bibliche:Salmi 78:1-16; Esodo 17:1-7; Filippesi 2:1-13; Matteo 21:23-32

Come gran parte dei profeti dell’Antico Testamento, Gesù di Nazareth non faceva parte delle istituzioni dell’establishment politico e religioso del suo tempo. Era una voce libera e critica, unica e non classificabile secondo i criteri di questo mondo. Quello che diceva e faceva dava parecchio fastidio perché metteva allo scoperto, denunciandola, la corruzione morale e spirituale dovunque si annidasse, per far ritornare istituzioni e singoli alla loro vocazione originaria, quella stabilita dal Creatore.

Le istituzioni politiche e religiose devono essere strutture di servizio. Non di rado, però, diventano corrotte e tiranniche. E’ capitato per le istituzioni dell’antico Israele in certi periodi storici e capita talvolta per la chiesa cristiana. E’ allora che Dio stesso le interpella chiamandole al ravvedimento e spesso lo fa attraverso voci profetiche libere, esterne al loro ambito. Questo loro non garba e se quelle voci profetiche non riescono a controllarle, cercano di farle tacere. Come molti antichi profeti Gesù non faceva parte dell’establishment politico e religioso. La sua predicazione ed opere davano parecchio fastidio. Lo vediamo oggi in un testo del vangelo secondo Matteo dove Gesù è in aperta polemica con gli esponenti delle istituzioni.

“Quando entrò nel tempio, i capi dei sacerdoti e gli anziani del popolo si accostarono a lui, mentre insegnava, e dissero: «Con quale autorità fai tu queste cose? E chi ti ha dato questa autorità?». E Gesù, rispondendo, disse loro: «Anch’io vi farò una domanda, e se voi mi risponderete, io pure vi dirò con quale autorità faccio queste cose. Il battesimo di Giovanni da dove veniva? Dal cielo o dagli uomini?». Ed essi ragionavano tra loro dicendo: «Se diciamo dal cielo, ci dirà: “Perché dunque non gli credeste?”. Se invece diciamo dagli uomini, temiamo la folla, perché tutti ritengono Giovanni un profeta». E risposero a Gesù dicendo: «Non lo sappiamo». Allora egli disse loro: «Neanch’io vi dirò con quale autorità faccio queste cose». «Che ve ne pare? Un uomo aveva due figli e rivolgendosi al primo disse: “Figlio, va’ oggi a lavorare nella mia vigna”; ma egli rispose e disse: “Non voglio”; più tardi però, pentitosi, vi andò. Poi, rivoltosi al secondo gli disse la stessa cosa. Ed egli rispose e disse: “Sì, lo farò signore”, ma non vi andò. Chi dei due ha fatto la volontà del padre?». Essi gli dissero: «Il primo». Gesù disse loro: «In verità vi dico che i pubblicani e le meretrici vi precedono nel regno dei cieli. Poiché Giovanni è venuto a voi per la via della giustizia, e voi non gli avete creduto, mentre i pubblicani e le meretrici gli hanno creduto; e voi, nemmeno dopo aver visto queste cose, vi siete ravveduti per credergli»” (Matteo 21:23-32).

Le istituzioni ufficiali di una nazione o di un’organizzazione religiosa sono utili strutture di servizio. Quando, infatti, chiamiamo chi le gestisce “ministri”, l’etimologia della parola stessa indica che si tratta di servitori. Come ogni altra cosa in questo mondo, però, le istituzioni possono corrompersi…

PER LEGGERE O ASCOLTARE TUTTO IL CULTO CLICCA QUI 

La Bibia Piemonteisa – Leture bìbliche për Duminica 6 dë Stèmber 2020 – Dumìnica apress la Pancòsta ch’a fa quindes

Leture bìbliche: Salm 114; Surtìa 14:15-31; Roman 14:1-12; Maté 18:21-35 con le vos ëd Pàul Castlin-a, Massimo Marietta, Marco Moretti, Anin Ferrero, Gianni Marietta

La libertà a l’é ‘l cadò, ël regal, che Nosgnor a dà, an soa misericòrdia, a coj ch’a son dij sò, ch’a-j aparten-o, coma ‘l sò pòpol. Cost cadò a treuva soa prefigurassion ant j’aveniment dl’antica stòria d’Israel e as realisa e dventa vita ant la comunità dij cristian. La libertà che Nosgnor a regala, contut, a l’é pa cola che ‘l mond dij mischërdent a vorìa avèj. As trata ‘d na libertà an comunion con Dé e an armonìa con soe lej, bon-e e giuste. J’at ëd liberassion che Nosgnor a l’avìa fàit per l’Israel antich (coj che la Pasca a sélebra) a j’ero e a son destinà a eduché, anlevé, sò pòpol a col ëstil ed vita ch’a guerna e garantiss la libertà ch’a l’ha arseivù. A son na “scòla ‘d vita”. L’istess a val për la comunità cristian-a, ch’a deuv regulé minca n’aspét ëd soa vita conform a lë spirit dël Crist, lë spirit dl’Evangel ëd la grassia, e an armonìa con la dotrin-a ch’a arsèiv da l’arvelassion bìblica antrega. Sossì a l’é ‘l giuss, l’essensa dle leture bìbliche ‘d costa duminica e che adess andoma a lese.

I.

Lë scritor dël Salm 114 a fà la rievocassion dj’aveniment ëd la Surtìa e dla conquista dla tèra dla promëssa, e a sélebra la regalità ëd Nosgnor Dé an sël pòpol ch’a l’ha grupà a chiel con sò Pat. J’Israelita a cantavo cost Salm a Pasca, përché a fà la dëscrission pròpi dj’aveniment ch’a na fà la comemorassion. Cost Salm a buta ‘dcò an evidensa coma ch’as tratèissa pa d’aveniment ch’a riguardo mach lor, ël pòpol d’Israel, ma ch’a l’han n’importansa ch’a podrìa disse “còsmica”. Costi fàit, an efet, an parlo ‘d lòn che Dé a l’avrìa fàit, a sò temp, per fé rivé sò Fieul Gesù Crist, ël Salvator dël mond, an tra ‘d nojàutri. A l’é chiel, Gesù, “nòstra Pasca”, e j’aveniment ch’a riguardavo l’Israel antich a na son la prefigurassion.

Quand che Israel a l’ha chità l’Egit. Quand che Israel a l’ha chità l’Egit, quand che la famija ‘d Giacòb a l’ha lassasse darera na nassion forësta, Giuda a l’é dventà Sò santuari, Israel Sò regn. Ël mar a l’ha vardà e a l’é scapà e ‘l fium Giordan a l’é tornà ‘ndarera. Le montagne a sautavo coma ‘d moton e le colin-e tanme d’ bèro. Përchè scapes-tu, ò mar? Përché tornes-tu ‘ndarera, ò fium? Përchè sauteve-ne coma ‘d moton, ò montagne, tanme ‘d bèro ò colin-e? Tërmola, ò tèra, dëdnans a Nosgnor – dëdnans al Dé ‘d Giacòb, ch’a l’ha cambià na ròca ant na gòja d’eva, na dura ròca ant na sorgiss d’eva” (Salm 114).

II.

Pasca a veul dì “passagi”, ël passé d’Israel da la s-ciavensa a la libertà.  J’egissian a l’avrìo vorsù ambarasseje, ampedìne, la scapada con la fòrsa dj’arme…

Për lesi tut. A i’é ëdcò la registrassion da scoté, con la musica! – Leggi tutto. C’è anche l’audio, con la musica!

Se il mondo vi odia, sappiate che ha odiato me prima di voi. Se foste del mondo, il mondo amerebbe ciò che è suo; ma poiché non siete del mondo, ma io vi ho scelto dal mondo, perciò il mondo vi odia. Se hanno perseguitato me, perseguiteranno anche voi; se hanno osservato la mia parola, osserveranno anche la vostra.
(Giovanni 15:18-20)

Radio Tempo di Riforma

Traduttore

Così dice l'Eterno: «Fermatevi sulle vie e guardate, e domandate dei sentieri antichi, dove sia la buona strada, e camminate in essa; così troverete riposo per le anime vostre». Ma essi rispondono: «Non cammineremo in essa».
(Geremia 6:16)

Link Consigliati

                 

Visitatori 2010 : 43.446

Visitatori 2011 : 81.694

Visitatori 2012(fino a al 13 Novembre) : 85.636

Statistiche visitatori dal 14-11-2012

  • 2532545Totale Visitatori:
  • 132Oggi:
  • 682Ieri:
  • 6851Ultimi 7 giorni:
  • 18436Questo mese:

Visitatori Online

Articoli Recenti