Nulla sia più forte della vostra fede

GIOSUÈ GIANAVELLO

Qual è il fondamento che regge la chiesa ed ogni cristiano? (Matteo 16:13-20) – Culto di domenica 23 agosto 2020

Dodicesima Domenica dopo Pentecoste

Letture bibliche: Salmo 124; Esodo 1:8-22 + 2:1-10; Romani 12:1-8; Matteo 16:13-20

Il lago di Tiberiade, nei pressi del quale ebbe luogo il dialogo di Matteo 16:13-20

Che cos’è la chiesa cristiana? Qual è la sua identità e la sua missione? Questo è ciò sul quale siamo chiamati ad interrogarci in questo tempo di crisi, dove nemmeno le parole hanno più un loro significato certo. Vi sono chiese che ambiscono solo a fare “il cappellano” del potere costituito o delle ideologie prevalenti, e vi sono quelle che fanno “sondaggi d’opinione” per essere quello che la maggioranza della società si aspetta che debbano essere. La vera chiesa di Gesù Cristo, però, ha un solo Signore, un solo “determinante”: Gesù Cristo, quella proclamato e spiegato dalle Sacre Scritture, e quello solo intende servire. Lo consideriamo oggi sulla base del testo biblico di Matteo 16:13-20: la confessione di Pietro.

Che cos’è la chiesa cristiana? Qual è la sua identità e la sua missione? Questo è ciò sul quale siamo chiamati ad interrogarci in questo tempo di crisi, dove nemmeno le parole hanno più un loro significato certo. C’è confusione anche perché le realtà di diverse fra le più antiche chiese, pur continuando a considerarsi tali, col passare del tempo sono degenerate alterando il loro volto, identità originale e funzione. Può sorprendere o scandalizzare, ma questa è una realtà contro la quale dovremo sempre avere a che fare fintanto che il Signore Gesù Cristo tornerà per trasformare ogni cosa.

Ne erano coscienti i riformatori protestanti che, promuovendo la necessità del discernimento e dell’auto-critica costante della Chiesa, osservavano: “Anche le chiese più pure sulla terra sono soggette sia a compromessi che a errori, e alcune sono talmente degenerate da diventare non chiese di Cristo, ma sinagoghe di Satana. Cionondimeno, vi sarà sempre sulla terra una chiesa per rendere culto a Dio secondo la sua volontà” (Confessione riformata di Westminster, 1647, 25:5).

Che cosa deve essere la comunità cristiana? Quale deve essere la sua identità e missione? Per stabilirlo essa non guarda allo spirito del tempo in cui vive, quasi che fosse la volontà popolare, le sue vere o presunte necessità, la sua mentalità o aspirazioni, o peggio, le mode, a compilare la sua agenda. La Chiesa di Cristo non è una ditta commerciale che, per prosperare, faccia ricerche di mercato per produrre e vendere quello che la gente sembra maggiormente desiderare e preferire… La Chiesa di Cristo guarda al suo Signore, Gesù Cristo, in funzione del quale solamente essa esiste. La Chiesa di Cristo guarda alla propria “carta costituzionale”, la Bibbia, che sola può definirne la sua identità e compiti.

Qual è dunque l’identità della Chiesa cristiana? Essa è strettamente legata a quella del nostro Signore e Salvatore Gesù Cristo, di cui la Chiesa ne costituisce il corpo.

C’è un testo del vangelo secondo Matteo dove Gesù interroga i Suoi discepoli sulla Sua propria identità, un testo molto significativo che dimostra come davvero l’identità e la missione della Chiesa sia inscindibile da quella del Signore Gesù Cristo.

“Poi Gesù, giunto dalle parti di Cesarea di Filippo, domandò ai suoi discepoli: «Chi dicono gli uomini che io, il Figlio dell’uomo, sia?». Ed essi dissero: «Alcuni, Giovanni Battista, altri Elia, altri Geremia, o uno dei profeti». Egli disse loro: «E voi, chi dite che io sia?». E Simon Pietro, rispondendo, disse: «Tu sei il Cristo, il Figlio del Dio vivente». E Gesù, rispondendo, gli disse:

La Bibia Piemonteisa – Leture bìbliche për Duminica 9 d’Aost 2020 – Dumìnica apress la Pancòsta ch’a fa des

Con le vos ëd Paul Castlin-a, Massimo Marietta, Gianni Marietta, Anin Ferrero, Marco Moretti

Leture bìbliche: Salm 105:1-22Génesi 37:1-30Roman 10:5-15Maté 14:22-33

Coj che Nosgnor a ciama për fé part ëd sò pòpol, tant ai temp ëd la Bibia che ancheuj, a fan l’esperiensa ‘d coma che Dé a sìa fedel a soe promësse. Nosgnor, an efet, an soa providensa, a bogia j’aveniment ëd soa vita ‘d lor përchè tut a contribuissa a la fin për ël bin, a fà nen se la situassion a peussa esse considerà negativa o a sò dëscapit. Coma ch’a dis l’Apòstol: “I savoma ‘dcò che tute le còse a contribuisso al bin ëd coj ch’a veulo bin a Nosgnor, lor ch’a son ciamà conform ai sò propòsit” (Roman 8:28).   Ant le leture bìbliche ‘d costa duminica i lo trovoma ant la vicenda dël patriarca Giusèp, mensionà ant la làuda a Dé dël Salm 105 e peui da la letura d’un tòch dël capìtol 37 dla Génesi. Ant la letura ch’a-i ven dapress, cola dal capìtol 10 dl’epistola ai Roman, i trovoma che costa ciamà a riva ancheuj a ‘d gent ëd tute le nassion për ël mojen dl’anonsi dl’Evangeli. Coj ch’a son ciamà a formo ‘n pòpol caraterisà da la pien-a fiusa ch’a l’han an Dé e ant ël Crist. A l’é pa sèmpe belfé deje fiusa, coma ch’a dimostra la letura dël capìtol 14 dël vangel ëscond San Maté. An costa letura i trovoma Pero (San Pé) ch’a aceta na dësfida impossìbila che Gesù a-i propon. Pero a ‘mprendrà a fidesse dël tut e për tut an Gesù e as rendrà cont che l’avèj anvestì tuta sua vita an Gesù a mérita sèmpe la pen-a.

I.

Ël Salm 105, dont i lesoma ancheuj mach un tòch, a ciama ‘l pòpol d’Israel, ël pòpol dj’Elet ëd Nosgnor, a laudé e ringrassié Dé an arciamand a la memòria dj’aveniment ij pì amportant ëd soa stòria, ch’a dimostro che Chiel a l’é stàit fedel a tute soe promësse, cole ch’a l’ha gravà ant ël Pat che Chiel a l’ha stabilì con lor. Sossì a dventa ciàir dzurtut ant ij moment che tut për lor a smijava përdù përchè a j’ero crasà da le circostanse e dai sò nemis ch’a l’avìo votaje a lë stermini. Nosgnor a antërven ëd manera providensial e a-j lìbera, a-j salva e a-j guerna. La letura ancheuj as antëromp con la vicenda ‘d Giusèp che, anghignonà e peuj vendù tanme në s-ciav, a monta fin-a a dventé ël consijé ‘l pì important dël Faraon d’Egit. Ëd sossì a na parlera nòstra sconda letura.

“Ringrassié Nosgnor! Invoché Sò Nòm! Fé conòsse a tùit ij pòpoj lòn che Chiel a l’ha fàit! Canté e fé ‘d mùsica an Sò onor! Dé notissia dij miràcoj che Chiel a l’ha fàit! Andé fier ëd Sò Nòm sant! Che ij cheur ëd coj ch’a serco Nosgnor as arlegro! Serché Nosgnor e la fòrsa che mach Chiel a peul dene! Serché sèmper Soa presensa! Arciamé a la ment ij segn miracolos che Chiel a l’ha fàit, soe assion potente e ij giudissi ch’a l’ha emanà. Fieuj d’Abram, servitor ëd Nosgnor! Vojàutri ij dissendent ëd Giacòb, j’Elet ëd Nosgnor! Chiel a l’é Nosgnor, nòst Dé; Chiel a dà esecussion ai Sò giudissi an tuta la tèra. Chiel as arcòrda sèmper dij decret sigilà an Sò Pat, le promësse che Chiel a l’ha fàit a mila generassion – la promëssa che Chiel a l’ha fàit a Abram, la promëssa ch’a l’ha giurà ‘d realisé për Isaach! Chiel a l’ha dàita a Giacòb tanme ‘n decret, a Israel coma na promëssa ch’a val për sèmper, e ch’a disìa: “A ti it darai la tèra ‘d Canaan coma na part ëd toa ardità”. Quand che lor a j’ero pòchi, mach pòchi ‘d nùmer, e ch’a vivìo ambelelà tanme ‘d forësté, lor a andasìo dëdsà e dëlà, da nassion a nassion, da ‘n règn a n’àutr. Nosgnor a l’ha nen lassà che quajdun a-j crasèissa; për lor a l’ha dissiplinà dij rè. A l’ha dit: “Toché nen coj ch’i l’hai sernù! Fé nen ëd mal ai mè profeta!”. Nosgnor a l’ha fàit rivé na famin-a ‘n tuta la tèra, a l’ha fàit calé le proviste. A l’ha mandà ‘n’òm ch’a l’é ‘ndaje danans – Giusèp, ch’a l’era stàit vendù tanme në s-ciav. Le caden-e a-j fasìo mal ai sò pé; a l’avìa ‘n colarin ëd fer; fin-a ‘l temp che la predission a l’é realisasse. La paròla ‘d Nosgnor a l’é comprovasse vera. Ël rè a l’ha consentì ch’a fussa torna butà ‘n libertà; col ch’a dominava ‘d nassion a l’ha liberalo. A l’ha nominalo gerent ëd soa ca e aministrator ëd soe proprietà” […] (Salm 105:1-22).

II.

La vicenda dël patriarca Giusèp, contà dal capìtol 37 al 50 a la fin dël lìber ëd la Génesi…

Seguire Gesù anche su un mare in tempesta (Matteo 14:22-33) – Culto di Domenica 9 agosto 2020

Decima Domenica dopo Pentecoste

Letture bibliche: Salmo 105:1-22; Genesi 37:1-4,12-30; Romani 10:5-15; Matteo 14:22-33

E’ saggio investire tutto quel che abbiamo nelle promesse di grandi guadagni che qualcuno ci potrebbe far fare? No, in questo mondo meglio non rischiare troppo. Può andarci relativamente bene, ma può andarci anche male e perdiamo tutto. Meglio differenziare. La testimonianza, però, degli antichi discepoli di Gesù e tanti dopo di loro nel corso dei secoli è unanime: sì, ne vale la pena ad investire tutta la nostra vita nel Signore e Salvatore Gesù Cristo. Pietro, Giacomo, Giovanni e tutti gli altri lo hanno fatto, e non ne sono stati delusi. Anche quando Pietro risponde all’ “impossibile” invito di Gesù di scendere dalla barca sulle acque di un mare in tempesta. E’ quello che vediamo oggi leggendo e commentando Matteo 14:22-33.

Un operaio del comune stava lavorando per far passare una tubatura coperta accanto ad un campo. Durante lo scavo si imbatte in un baule sotterrato li vicino in quel campo, lo apre e scopre che quel baule è pieno di antiche monete d’oro. Non lo dice a nessuno e lo ricopre di nuovo con la terra. Il giorno dopo raccoglie tutti i soldi che lui e sua moglie possiedono e acquista quel campo. Il tesoro che vi aveva trovato diventa così legalmente suo. Per quel campo aveva investito tutto ciò che aveva. All’inizio sua moglie era rimasta perplessa e protestava incredula, ma ora sono ricchi. Non so se questo sia possibile in questi termini, ma questa storia ricalca una parabola che Gesù un giorno aveva raccontato ai suoi discepoli sulla lungimiranza di investire tutta la loro vita nei valori del regno di Dio, di fatto in Gesù stesso. Ne era valsa per loro la pena investire tutta la loro vita al seguito di Gesù Cristo? Sì, certo.

Questa lezione “teorica”, però, Gesù non la riteneva per loro sufficiente. Gesù li avrebbe messi ben presto alla prova facendo in modo che essi si trovassero in una situazione di vita o di morte dalla quale ne sarebbero usciti solo affidandosi completamente al Signore e Salvatore Gesù Cristo. E’ quanto troviamo nell’episodio del vangelo secondo Matteo conosciuto come: “Gesù cammina sul mare”. I discepoli di Gesù si sarebbero trovati in una situazione “impossibile”, ma con Gesù ciò che è umanamente impossibile diventa possibile. Scopriranno che devono e possono fidarsi di Gesù, in ogni circostanza della vita – e non ne sarebbero stati delusi. Ascoltiamo questo racconto e poi ci chiederemo che cosa esso insegna anche a noi.

“Subito dopo Gesù costrinse i suoi discepoli a salire sulla barca e a precederlo all’altra riva, mentre egli licenziava le folle. Dopo averle congedate, salì sul monte in disparte per pregare. E, fattosi sera, era là tutto solo. La barca intanto si trovava al largo, in mezzo al mare, ed era sbattuta dalle onde perché il vento era contrario. Alla quarta vigilia della notte, Gesù andò verso di loro, camminando sul mare. I discepoli, vedendolo camminare sul mare, si turbarono e dissero: «È un fantasma!». E si misero a gridare dalla paura; ma subito Gesù parlò loro, dicendo: «Rassicuratevi; sono io, non temete!». E Pietro, rispondendogli disse: «Signore, se sei tu, comandami di venire da te sulle acque». Egli disse: «Vieni!» E Pietro, sceso dalla barca, camminò sulle acque, per venire da Gesù. Ma, vedendo il vento forte, ebbe paura e, cominciando ad affondare, gridò dicendo: «Signore, salvami!». E subito Gesù stese la mano, lo prese e gli disse: «O uomo di poca fede, perché hai dubitato?». Poi, quando salirono in barca, il vento si acquietò. Allora quelli che erano nella barca vennero e l’adorarono, dicendo: «Veramente tu sei il Figlio di Dio!» (Matteo 14:22-33).

La prima cosa che troviamo in questo testo è che Gesù spinge i suoi discepoli ad assumersi le loro responsabilità…

PER LEGGERE O ASCOLTARE TUTTO IL CULTO CLICCA QUI 

‘Riforma’ annuncia la “Bibbia delle Donne” – Ma la sostanza sembra: donne contro la Bibbia

Il “settimanale delle chiese battiste, metodiste e valdesi”, Riforma, ci dà una notizia di cui giubilare: viene pubblicata in Italiano la “Bibbia delle Donne”, già uscita in francese.

Si tratterebbe di “una riflessione sulla condizione delle donne nelle chiese nella storia, a partire da alcuni temi chiave, i volti femminili di Dio, corpo e pudore, il coraggio, sterilità e maternità, la subordinazione, l’archetipo della femme fatale. La prefazione all’edizione italiana (Piemme) è della “pastora e teologa valdese” Letizia Tomassone, di cui ci siamo occupati parecchie volte, perché si è vantata di aver benedetto liturgicamente coppie omosessuali, e ha detto a RaiDue che vede il fatto di aver avuto “relazioni importanti” sia con uomini sia con donne come un fatto positivo. Ricordiamo che nel suo curriculum ha scritto che “[i]l suo interesse si rivolge soprattutto alla ricerca di un cammino di spiritualità che tocchi la concretezza della vita femminile: nella lettura della Bibbia, ma anche nella ricerca sulla Dea pre-patriarcale, nella convinzione che la verità e la Sapienza non appartengono a nessuna religione”.

Questa Bibbia delle Donne appare piuttosto preoccupante, anche perché, secondo Riforma si ispira a un libro dello stesso titolo pubblicato nel 1895 da Elisabeth Cady Stanton, di cui ricordiamo perle come: “è giunta l’ora di leggere la Bibbia come ogni altro libro, accettando il bene e rigettando il male che insegna”, e “la Bibbia e la chiesa sono stati i più grandi impedimenti alla liberazione delle donne”.

Uno dei punti qualificanti di questa nuova opera parrebbe sia il fatto che è scritta da una ventina di persone, tutte donne. E pensare che ci sono ancora persone che ritengono importante un libro per quel che dice, non per il sesso di chi lo scrive!

Insomma, quando certe “pastore e teologhe” si occupano di Bibbia, si rimpiangono i tanti momenti in cui si occupano di politica e relazioni sessuali.

 

La Bibia Piemonteisa – Leture bìbliche për Duminica 26 d’Aost 2020 – Dumìnica ch’a fa neuv apress la Pancòsta

Con le vos ëd Paul Castlin-a, Massimo Marietta, Gianni Marietta, Anin Ferrero, Marco Moretti

Leture bìbliche: Salm 17 – Génesi 32:22-31 – Roman 9:1-5 – Maté 14:13-21

Për un ch’a sìa ‘n cristian, dé espression a la fede ant soa vita, a l’é ‘d sicur motobin da pì che avèj ëd persuasion religiose e pijé part a ‘d serimònie dla gesia. As trata pitòst ëd n’angagg séri e ‘d na

La sinagóga ëd Casal

lòta costanta contra ‘d nemis mortaj ch’a stan sìa drintra ‘d nojàutri che fòra ‘d nojàutri. A son ëd nemis, an efet, ch’a vorìo arzighé nòstra integrità fìsica, moral e spiritual. Ëd sossì a n’é ilustrassion le leture bìbliche ‘d costa sman-a anté ch’i trovoma ‘l patriarca Giacòb ch’as bat contra Nosgnor (capìtol 32 ëd la Génesi) e Salm 17, anté ch’an parla ‘n chërdent ch’a l’é purificà e rinforsà da soa viva relassion con Nosgnor. Fin-a col pòch che ‘l cristian a peul e a sà buteje ant le man ëd Nosgnor Gesù Crist, a sarà da chiel multiplicà për provëdde ai bzògn ëd tanti (coma ch’a l’é piturà da l’episòdi evangélich dla multiplicassion dij pan e dij pess). La vita cristian-a, tutun, a l’é pa mach n’esperiensa privà perché, per la grassia ‘d Dé, ël cristian a treuva sò pòst ant la stòria d’un pòpol antregh, ël pòpol che Nosgnor a l’ha sernù, israel. Ëd sossì an parla la letura ciapà da l’epìstola ai Roman. Ël cristian a onora ‘l pòpol e l’esperiensa d’Israel, dàit che lor a son “ij frej pì grand” dij cristian. A l’é ‘dcò per lolì che për nojàutri la vita dla comunità cristian-a a l’ha motobin ëd pèis.

I.

Ël Salm 17 a l’é na preghiera ‘d làuda e d’arconossensa d’un cristian che, bele s’a l’é ansërcià da ‘d nemis mortaj, a l’ha fàit l’esperiensa ‘d coma ch’as peul trové an Nosgnor pas e sicurëssa. Soa ànima a l’é an pas con Dé përché Nosgnor a l’ha falo ogèt ëd na cura amorèivola: a l’ha purificalo dal pëccà e a lo guida ant ël bìn. Quand ch’a prega, chiel a sà ‘d podèj trové an Dé chi ch’a lo guerna e a lo dësfend. Coj ch’a na mnasso soa integrità fìsica, moral e spiritual, a podran pa butelo an dirota.

“Nosgnor! Considera mia giusta càusa. Fà atension a mè crij d’agiut. Scota la preghiera ch’it smon-o s-cet. Fà na giusta decision an mè favor! Delibera lòn ch’a l’é giust! Ti ‘t l’has guardà da bin le motivassion ëd mè cheur. It l’has esaminame ant ël mentre ch’i dormìa. It l’has fane na valutassion e ‘t l’has trovà ch’i l’avìa gnun pecà. I l’hai ferma la determinassion ëd dì gnente ch’a peussa disse ‘n pëccà. I l’hai nen seguità lòn che ‘l mond a fà. Giusta coma ti ‘t l’has comandà, i l’hai nen andaje dapress a le pianà ‘d coj ch’a son violent. I vado dapress diligentement a la via ch’it l’has mostrame. I na ciapo gnun-a deviassion. Nosgnor! It t’invoco përchè it ëm scotraj. Scotame! Scota lòn ch’i diso! Fedel coma ch’it ses, fa vëdde a tuti le maravije ch’it fas, ti ch’it libere coj ch’a vardo a ti për trové ‘d protession dai sò nemis. Guern-me tanme ti ‘t guerneissa ël luminèt ëd tò euj! Stërmëme a l’ombra ‘d toe ale! Guern-me da la gent grama ch’am ataca. Ij mè nemis am ëstan d’antorn mach për masseme. A l’han ëd cheur ëd pera, a parlo con arogansa. Am ataco, adèss lor am stan d’antorn. A l’han l’intension ëd campeme a tèra. Ël mè nemis a l’é tanme ‘n leon ch’a veul fé a tòch soa pijàita, tanme ‘n leon giovo ch’as quacia an dij leugh stërmà. Seurt fòra, Nosgnor! Pija posission ëdnans a chiel! Butlo an gionojon! Dovra Toa spa për libereme da sta gent grama! Dovra Toa potensa për libereme da sti sassin, dai sassin dë sto mond! Soa prosperità ‘d lor a-j rend arogant. Ti ‘t l’has daje abondansa ‘d beni, tut lòn ch’a vorio. A l’han tante masnà e a lor a-j lasseran soe richësse. Për lòn ch’am rësguarda, përch’ i son nossent, i vëddrai Tò visagi. Quand che mi ‘m dësvijaraj, i godrai ‘d Toa rivelassion” (Salm 17).

II.

Dé a l’é mai, gnanca për coj …

Për lesi tut. A i’é ëdcò la registrassion da scoté, con la musica! – Leggi tutto. C’è anche l’audio, con la musica!

Onore ai nostri fratelli maggiori (Romani 9:1-5) – Culto di domenica 2 agosto 2020

Nona Domenica dopo Pentecoste

Il cristiano, la cui fede è nutrita da quanto insegnano le Sacre Scritture, sa d’avere un debito permanente di onore e di riconoscenza verso il popolo ebraico. Innumerevoli ne sono le ragioni bibliche – ed è quello che esaminiamo quest’oggi commentando il testo di Romani 9:1-5

Letture bibliche: Salmo 17; Genesi 32:22-31; Romani 9:1-5; Matteo 14:13-21

Il cristiano ha un debito di particolare riconoscenza verso il popolo ebraico nel quale, come credenti in Cristo Gesù, secondo il Nuovo Testamento, noi siamo stati spiritualmente innestati. Davvero essi sono i nostri “fratelli maggiori” e intendiamo onorarli, indipendentemente dal fatto che, per il momento, la maggior parte di essi non riconosca in Gesù di Nazareth l’atteso Messia o non si dimostri fedele al patto che Dio ha stabilito con loro. Come si esprime l’apostolo Paolo in Romani 11, essi sono e rimangono la radice stessa che porta noi – “rami” cristiani dello stesso albero. Non sempre, però, purtroppo, nel corso della storia, i cristiani hanno onorato gli israeliti come avrebbero dovuto. Spesso i cristiani si sono comportanti con loro come Caino che uccide il fratello Abele – e a nostra inescusabile vergogna. Questa latente avversione verso gli Israeliti spesso rimane a tutt’oggi presso alcuni cristiani con pretesti diversi ed è sostenuta dalla falsa persuasione che la Chiesa avrebbe sostituito gli ebrei nei progetti di Dio. Cosa palesemente errata, perché, come dice Romani 11:2 e seguenti: “Dio non ha rigettato il suo popolo, che ha preconosciuto”. Come illustra quel capitolo, anche nel loro indurimento c’è uno scopo e un giorno “tutto Israele sarà salvato come sta scritto: ‘Il liberatore verrà da Sion, e rimuoverà l’empietà da Giacobbe’” (11:26). Perché? Perché Dio è fedele alle sue promesse di grazia e non le ritratta.

Il patriarca Giacobbe, nella Bibbia, è figura del popolo ebraico. E’ Dio stesso che gli cambia il nome trasformandolo in Israele, come illustra il racconto della Genesi che parla della lotta di Giacobbe al torrente Jabbok con un misterioso personaggio che rappresenta Dio stesso. Come sta scritto: “L’altro gli disse: «Qual è il tuo nome?» Ed egli rispose: «Giacobbe». Quello disse: «Il tuo nome non sarà più Giacobbe, ma Israele, perché tu hai lottato con Dio e con gli uomini e hai vinto» (Genesi 32:27-28). Come meglio traduce in italiano il Diodati: “Tu non sarai più chiamato Giacobbe, anzi Israele; conciossiachè tu sii stato prode e valente con Dio e con gli uomini, ed abbi vinto”. Giacobbe aveva infatti combattuto contro Dio, anzi, con Dio, ed aveva prevalso, anche se di questa lotta ne avrebbe continuato a portarne i segni. Quello sconosciuto, infatti, lo aveva colpito all’articolazione del femore, che si era permanentemente slogata, e questo per essere segno del suo carattere, che Dio aveva dovuto piegare e sottomettere.

Giacobbe – Israele, dunque, che come fanno tanti personaggi biblici illustrano il nostro carattere ostinato; persone che per grazia, cioè immeritatamente, Dio elegge, trasforma e utilizza, per portare avanti i suoi progetti di salvezza.

Perché dobbiamo continuare ad onorare gli Israeliti come popolo particolare? I motivi sono tanti e consistenti, come illustra l’apostolo Paolo nella lettera ai Romani. Al capitolo 9, dopo aver espresso la sua profonda tristezza perché la maggior parte del popolo di Israele ha respinto Gesù di Nazareth, che è il loro atteso Messia, elenca diversi motivi per i quali – ciononostante – dobbiamo continuare ad onorarli. Egli scrive:

“Io dico la verità in Cristo, non mento, perché me lo attesta la mia coscienza nello Spirito Santo; ho grande tristezza e continuo dolore nel mio cuore. Infatti desidererei essere io stesso anatema e separato da Cristo per i miei fratelli, miei parenti secondo la carne, che sono Israeliti, dei quali sono l’adozione, la gloria, i patti, la promulgazione della legge, il servizio divino e le promesse; dei quali sono i padri e dai quali proviene secondo la carne il Cristo che è sopra tutte le cose Dio, benedetto in eterno. Amen” (Romani 9:1-5).

Paolo riconosce quanto il cristiano sia in debito…

PER LEGGERE O ASCOLTARE TUTTO IL CULTO CLICCA QUI 

La Bibia Piemonteisa – Leture bìbliche për Duminica 26 luj 2020 – Dumìnica ch’a fa eut apress la Pancòsta

Con le vos ëd Paul Castlin-a, Massimo Marietta, Gianni Marietta, Anin Ferrero, Marco Moretti 

Leture bìbliche: Salm 105:1-11; 45Genesi 29:15-28Roman 8:26-39Maté 13:31-33,44-52

I podrìo trové ‘l sogèt, l’argoment ch’a gionta ansema le leture de sta duminica-sì e deje ‘l nòm: “la dinàmica e l’efet dl’euvra ‘d Nosgnor an ës mond”. A l’é n’euvra ch’a realisa ij progèt che chiel a l’avìa già stabilì da l’eternità. Costi progèt a son arvelà e, ant l’istess temp, stërmà a la pì part ëd la gent. A l’é për lòn che nojàutri i l’oma da sercheje, anvestigheje, për comprende ‘dcò anté ch’a staga nòst ròl an col quàder. Ij progèt ëd Nosgnor tante vòlte a smija ch’as dësvlopo an dovrand ëd përsone ch’a podrìo consideresse dësconveniente, fòra ‘d pòst, ma as trata ‘d përson-e che Nosgnor pòch a pòch a-j piega, coma ch’a fà ‘l sarajé con ël fer afoà ch’a bat për feje pijé la fòrma ch’a veul. A coste përson-e sernùe Dé a-j provëd e a-j guerna. Beà, bonoros, chi ch’a treuva ij tesòr ëd l’euvra ‘d Nosgnor e a j’anvestiss a la glòria ‘d Dé.

I.

A-i é tanti che quand ch’i-j ciamoma s’a chërdo an Dé, a diso che lor a son “a l’arserca”. Soens, tutun, cola-lì a l’é mach na scusa për nen afronté an efet cola question-lì, përché Nosgnor lor a lo serco pa con tut ël cheur coma quajcòsa ch’a sìa necesari për soa vita ‘d lor. An realità lor a na fan a men-o. “Serché Nosgnor” a l’é lòn ch’an ciama a fé ‘l Salm 105, dont ancheuj i na scotroma ‘n tòch. A son ëdcò tanti ch’a diso che Dè lor a lo treuvo pa përchè a lo serco ant ij pòst ësbalià! A l’é, an efet, an Gesù Crist ch’i lo podoma trové ant ël quàder ëd l’arvelassion bìblica ch’an parla dël rapòrt che Nosgnor a l’ha con sò pòpol sernù. Lë scritor d’ës Salm Dé a l’ha bin trovalo e për lòn a lo làuda e a lo ringrassia për ij benefissi che da chiel a l’ha arseivù.

“Ringrassié Nosgnor! Invoché Sò Nòm! Fé conòsse a tùit ij pòpoj lòn che Chiel ha l’ha fàit! Canté e fé ‘d mùsica an Sò onor! Dé notissia dij miràcoj che Chiel a l’ha fàit! Andé fier ëd Sò Nòm sant! Che ij cheur ëd coj ch’a serco Nosgnor as arlegro! Serché Nosgnor e la fòrsa che mach Chiel a peul dé! Serché sèmper Sòa presensa! Arciamé a la ment ij segn miracolos che Chiel a l’ha fàit, le soe assion potente e ij giudissi ch’a l’ha emanà. Fieuj d’Abram, servitor ëd Nosgnor! Vojàutri dissendent ëd Giacòb… 

Për lesi tut. A i’é ëdcò la registrassion da scoté, con la musica! – Leggi tutto. C’è anche l’audio, con la musica!

 

Caccia al tesoro (Matteo 13:44-46) – Culto di domenica 26 luglio 2020

Ottava Domenica dopo Pentecoste

Letture bibliche: Salmi 105:1-11; 45; Genesi 29:15-28; Romani 8:26-39; Matteo 13:31-33,44-52

Avete mai giocato a “caccia al tesoro”? E’ un gioco e un passatempo divertente per bambini ed adulti che impegna singoli e gruppi, che ingaggia l’intelligenza e che promuove il movimento all’aria aperta. In una “caccia al tesoro” di diverso tipo, però, sono ingaggiati molti per i quali essa non è un gioco, ma lo scopo della loro vita. Di fatto, molti sono continuamente a caccia di occasioni per lucrare per sé sempre maggiori profitti economici, sia leciti che illeciti, come facevano e fanno, senza scrupoli, i pirati o la criminalità mafiosa. Non ne hanno mai abbastanza.

Il Signore e Salvatore Gesù Cristo, in due sue brevi parabole, paragona la dinamica del regno di Dio alla ricerca ed acquisizione di un tesoro. Che cosa intende con questo? Acoltiamo queste parabole, come le troviamo nel capitolo 13 di Matteo.

«Di nuovo, il regno dei cieli è simile ad un tesoro nascosto in un campo, che un uomo, avendolo trovato, nasconde; e, per la gioia che ne ha, va, vende tutto ciò che ha e compera quel campo. Ancora, il regno dei cieli è simile ad un mercante che va in cerca di belle perle. E, trovata una perla di grande valore, va, vende tutto ciò che ha, e la compera” (Matteo 13:44-46).

Gesù, quando parlava di ricerca ed acquisizione di tesori, non si riferiva ai profitti economici ed alle soddisfazioni che questi garantirebbero, ma a qualcosa che ha un valore molto più grande per la vita di ogni creatura umana.

Gesù, in questo, si ricollega a quanto affermano gli scritti sapienziali delle Scritture ebraiche come Proverbi 2, dove troviamo, per esempio: “Figlio mio, ascolta quel che ti dico, non dimenticare i miei insegnamenti. Ascolta quel che insegna la sapienza, cerca di capire la sua lezione… 

PER LEGGERE O ASCOLTARE TUTTO IL CULTO CLICCA QUI 

La Bibia Piemonteisa – Leture bìbliche për Dumìnica 19 luj 2020 – Dumìnica ch’a fa sett apress la Pancòsta

Lesùe da: Paolo Castellina, Anin Ferrero, Marco Moretti, Gianni Marietta

Duminica 19 luj 2020 – Duminica ch’a fa set apress la Pancòsta  

Leture bìbliche: Salm 139; Génesi 28:10-19; Roman 8:12-25; Maté 13:24-30, 36-43

Bin-ëvnù! Cost mond a l’é ‘n camp ëd bataja an tra ‘d fòrse an competission tra ‘d lor e ch’a vorìo dominelo. Le vitime nossente ‘d cost conflit a son tante, parèj coma ch’a son grand ij patiment ëd la natura. As podrìa pensé che sto mond-sì a sìa stàit bandonà da Nosgnor, e che Dé a speta mach che a la fin cost mond as dëstrùa da chiel istess. A l’é pa parèj. Dè a l’ha progetà un pian ëd recùper, ëd riaquist, d’arsanament ëd cost mond-sì ch’a l’é ‘l sò. Cost proget as dësvlopa ant la stòria tanme na lìnea paralela a la degradassion progressiva d’ës mond. Cost progèt a l’é centrà ant l’euvra dël Salvator Gesù Crist, Sò Fieul. An efet, stërmà a la pì part ëd la gent, a-i é tant “trafich” an sla “scala” ch’a colega cél e tera. Dé a l’ha “anrolà” për sò progèt un pòpol ch’a lo serv e ch’a l’é angagià ant la arconquista ‘d cost mond a Nosgnor. Le vìtime ‘d cost mond a vivo ant la granda aspetativa ‘d coj che Nosgnor a l’ha argenerà e rendù ij sò fieuj, che lor a manifesto l’euvra ‘d salvassion ëd Nosgnor e ch’a pàsio ij sò patiment. L’arconquista a l’é dura, dzurtut përchè le fòrse ch’a-j fan oposission ai progèt ëd Nosgnor a son fòrte e furbe. Tutun, lor a vinceran pa nen, përchè ij progèt ëd Nosgnor as compiran sensa artard. Costi-sì a son ij termin dle quatr leture bìbliche d’arvelassion ëd costa duminica. Ël Salm a parla ëd coma ‘l cherdent a l’abia cossiensa che tut, an soa vita, a resta sota ‘l contròl ëd Nosgnor. La letura da la Génesi an arvela l’esistensa dla “scala” ch’a fà da colegament an tra cél e tera. La letura da j’Epistole an arvela lòn che Nosgnor a fà pr’ ël mojen dj’òm e dle fomne che Nosgnor a l’ha “anrolà”. La letura dal vangel an arvela le astussie e le strategìe dij nemis ëd Nosgnor e, malgré lòn, la certa vitòria che Nosgnor a l’avrà an sù lor.

I.

Ël Salm 139 a dà espression a la cossiensa dël chërdent che Nosgnor nojàutri an conòss ancreus ëd person-a. Per lòn ël cherdent as fida a soe man an minca na circostansa e as arlegra ant ël conòsse e a buté an pràtica soa volontà arvelà. Col ch’a manca ‘d fede, ch’a l’é ostinà e arviros, a pensa ‘d podej ëscapé da Nosgnor, ma a lo podrà nen fé, che Dé a lo speta a l’avàit. La contraposission an tra coste doe manere d’esse as peul nen conciliesse.

“Ti’t ëm esamine e ‘m conòsse. Ti ‘t sas quand ch’im anseto e quand ch’im àusso; fin-a da lontan ti ‘t conòsse mie motivassion. Ti ‘t ëm osserve atent quand ch’i viagio e quand ch’i ‘m buto a cogé pr’ arposé; Ti ‘t sas tut lòn ch’ i faso. 

Për lesi tut. A i’é ëdcò la registrassion da scoté, con la musica! – Leggi tutto. C’è anche l’audio, con la musica!

Addestrati a riconoscere le trame del nemico (Matteo 13:24-30,36-43) – Culto di domenica 19 luglio 2020

Settima Domenica dopo Pentecoste

Letture bibliche: Salmo 139; Genesi 28:10-19; Romani 8:12-25; Matteo 13:24-30,36-43

La pace è ciò che perseguono oggi tanti leader religiosi cristiani e chiese e per quella sono disposti ad ogni sorta di compromesso ed accomodamento con le forze in competizione che vorrebbero

dominare questo mondo. Quand’anche, però, tacessero le armi e le violenze (ammesso che fosse realizzabile), quella non sarebbe che una pace ingannevole. Rimarrebbe, infatti, immutato e irrisolto il conflitto di fondo, molto più sottile, che vede le forze spirituali della malvagità in azione per impadronirsi, asservire e alla fine distruggere l’anima dell’essere umano strappandola dal suo rapporto vitale con Dio (quello vero e vivente). Anzi, quella pace illusoria sarebbe persino funzionale a quest’ultimo progetto!

La miopia, anzi, la cecità, di troppi leader religiosi cristiani è oggi tanto patetica che ci sarebbe ben da sospettare che essi siano di fatto complici di quelle stesse forze spirituali della malvagità! Non si rendono conto o sottovalutano che, come dicono le Scritture, “noi non dobbiamo lottare contro creature umane, ma contro spiriti maligni del mondo invisibile, contro autorità e potenze, contro i dominatori di questo mondo tenebroso” (Efesini 6:12 TILC).  L’astuzia strategica di queste forze è così grande che non solo queste si fanno beffa di chi le nega, ma, tramite la stupidità di quegli stessi leader cristiani, esse operano per disarmare il popolo di Dio che dovrebbe essere piuttosto addestrato a riconoscerla e a difendersene. E’ lo stesso come coloro che vorrebbero disarmare i cittadini di una nazione per prevenire, a loro dire, le violenze, lasciando le armi solo nelle mani degli organismi dello Stato, …il quale così poi le userà, indisturbato, contro i cittadini stessi quando essi osassero opporsi alla sua tirannia.

Delle strategie delle forze spirituali della malvagità erano ben consapevoli gli apostoli di Cristo che erano bene addestrati al riguardo. Paolo scrive: “…affinché non siamo raggirati da Satana; infatti non ignoriamo le sue macchinazioni” (2 Corinzi 2:11 NR). Di queste strategie malefiche dell’avversario, Gesù parla quando racconta la parabola della zizzania. Ascoltiamola come la troviamo in Matteo 13:24-30,36-43.

Parabola della zizzania. “Egli propose loro un’altra parabola dicendo: «Il regno dei cieli è simile a un uomo, che seminò buon seme nel suo campo…

PER LEGGERE O ASCOLTARE TUTTO IL CULTO CLICCA QUI 

Se il mondo vi odia, sappiate che ha odiato me prima di voi. Se foste del mondo, il mondo amerebbe ciò che è suo; ma poiché non siete del mondo, ma io vi ho scelto dal mondo, perciò il mondo vi odia. Se hanno perseguitato me, perseguiteranno anche voi; se hanno osservato la mia parola, osserveranno anche la vostra.
(Giovanni 15:18-20)

Traduttore

Così dice l'Eterno: «Fermatevi sulle vie e guardate, e domandate dei sentieri antichi, dove sia la buona strada, e camminate in essa; così troverete riposo per le anime vostre». Ma essi rispondono: «Non cammineremo in essa».
(Geremia 6:16)

Link Consigliati

                 

Visitatori 2010 : 43.446

Visitatori 2011 : 81.694

Visitatori 2012(fino a al 13 Novembre) : 85.636

Statistiche visitatori dal 14-11-2012

  • 2488175Totale Visitatori:
  • 1392Oggi:
  • 939Ieri:
  • 7016Ultimi 7 giorni:
  • 1392Questo mese:

Visitatori Online

Articoli Recenti