Nulla sia più forte della vostra fede

GIOSUÈ GIANAVELLO

La Bibia Piemonteisa – Leture bìbliche për Dumìnica 5 luj 2020 – Quinta Dumìnica apress ëd la Pancòsta

Leture bìbliche: Salm 45Génesi 24:29-67Roman 7:15-25Maté 11:25-30

Bin-ëvnù a nòstr programa ‘d leture bìbliche pr ël sinch ëd Luj, quinta duminica apress la Pancòsta!

Doi ant tra ij test ëd la Bibia ch’a son proponù për costa sman-a a ‘rciamo nòstra atension al tema dël mariagi. Ël Salm, ël nùmer 45, a l’è na gioiosa canson d’amor andoa che ‘n chiel e na chila, tùit e doi ëd sangh regal, a làudo la blëssa e le virtù l’un ëd l’àutra. Ël pòpol a pija part a soa gòj ëd lor, arconossend an col rè giovo, con soa sposa, col ch’a-j guiderà con sapiensa e giustissia. La sconda letura, da Génesi 24, an parla ‘d coma Isach, ël fieul dël patriarca Abraam, ël fieul ëd la promëssa, a trova na sposa për chiel. Nosgnor medèsim a meuv j’aveniment con ël but che soa futura mojé a fasa part ëdcò chila dël pòpol ëd Nosgnor, ël pòpol dij chërdent. Ël pòpol ëd Nosgnor, an efet, a l’ha da conservé soa omogeneità e distinsion dal mond, lìber da influense ch’a ven-o da fòra. Sossì a l’ha motobin d’amportansa, përchè ës pòpol a l’ha da porté anans la mission che Nosgnor a l’ha fidaje sensa che gnun a lo dësturba. Ant la tersa letura, dal vangel ëscond Maté, capìtol 11, na preghiera ‘d Gesù a buta an evidensa la sapiensa dle sernùe che Dé a fà e l’amportansa ‘d trové mach an chiel, Gesù, lòn ch’a peul dé sodisfassion génita a l’ànima dl’òm. Ant la quarta letura, da la litra ai Roman, l’apòstol Pàul a vëdd an chiel midem cola guèra dl’interior ch’a-i é ant ël cheur uman an tra la comunion con Nosgnor e le tentassion ëd cost mond, e ch’a peudo esse vinciùe mach con l’agiut ëd Nosgnor. Vardè-sì antlora lòn che gionta ansema coste leture: le sernùe (cole ‘d Nosgnor e le nòstre) e ‘l disserniment ch’a l’ha da avèj minca ‘n fieul ëd Nosgnor për porté anans  ij but che Dé a-j buta anans.

I

Na bela canson a dësborda da mè cheur. Ël Salm 45 a l’é ‘n poema romàntich ch’a celebra le nòsse d’un re davìdich a na bela prinsipëssa. Ël poeta a làuda ‘l rè për soa valentìa militar e angagg për la giustissia. A esorta la sposa a esse fidela al re, e a varda con ëspetativa ‘l dì che ‘l mariagi a sia benedì con na fiolansa regal. Ël Testament neuv a lo interpreta  ‘d manera spiritual coma prefigurassion dël trionf dël Crist e ‘d sò “mariagi” con ël pòpol ëd coj ch’a saran salvà.

Na bela canson a dësborda da mè cheur. Mi i adresso costi vers a ‘n rè; mia lenga a l’é tanme na piuma ‘d në scriba an gamba.

Për lesi tut. A i’é ëdcò la registrassion da scoté, con la musica! – Leggi tutto. C’è anche l’audio, con la musica!

Con le vos ëd Pàul Castlin-a, Michel dij Bonavé e Maria Teresa Fusé

Quando a discriminare (giustamente) è Dio (Matteo 11:25-30) – Culto di domenica 5 luglio 2020

L’articolo 3 della Costituzione della Repubblica italiana afferma: “Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali”. Per promuovere questo giusto principio è necessario adoperarsi affinché sia eliminato ogni tipo di discriminazione nell’ambito della società civile. Il problema oggi, però, è che il principio dell’uguaglianza è stato così assolutizzato che non solo hanno buon gioco quelle ideologie che vorrebbero livellare, omologare e cancellare ogni differenza fra le persone ad ogni livello, ma vi è anche chi, nelle stesse chiese cristiane, al principio assolutizzato dell’uguaglianza, vorrebbe piegare l’intera dottrina cristiana, come se le chiese avessero come unico loro obiettivo quello di “lottare contro le discriminazioni”!

Chi considera la Bibbia come inerrante ed inalterabile Parola di Dio, però, rivelazione del suo carattere e volontà, sa bene che Dio (il Dio vero e vivente) opera precise distinzioni nell’ambito del creato e dell’umanità, che la sua Legge morale separa e distingue. Non solo, ma che Dio, secondo il suo sovrano beneplacito, sceglie e privilegia, anzi, opera giuste discriminazioni – cosa che al solo menzionarla, fa “rizzare i capelli in testa” a certi fanatici sostenitori moderni dell’uguaglianza!

Di fatto, c’è una sola uguaglianza di base nell’attuale ambito dell’umanità: “tutti hanno peccato e sono privi della gloria di Dio” (Romani 3:23); a causa del peccato che ci accomuna, tutti sono condannati ad una giusta sentenza: la perdizione. La grazia della salvezza in Cristo riguarda solo coloro ai quali Dio decide sovranamente di accordargliela, non tutti! Questo è il chiaro insegnamento del Nuovo Testamento.

Le giuste discriminazioni operate da Dio sono bene evidenziate nelle parole del Signore Gesù Cristo che troviamo nel vangelo secondo Matteo al cap. 11 dal verso 25 al 30, quello sul quale rifletteremo oggi. Ascoltiamolo:

“In quel tempo Gesù prese a dire: “Io ti rendo lode, o Padre, Signore del cielo e della terra, perché hai nascosto queste cose ai sapienti e agli intelligenti, e le hai rivelate ai piccoli. Sì, Padre, perché così ti è piaciuto. Ogni cosa mi è stata data in mano dal Padre mio; e nessuno conosce il Figlio, se non il Padre… 

PER LEGGERE O ASCOLTARE TUTTO IL CULTO CLICCA QUI

“Diventare paladini delle “vittime” di turno: è tutto qui il cristianesimo”

Il pastore Paolo Castellina pubblica su www.tempodiriforma.it* questo interessante articolo, molto attuale rispetto alla Chiesa Valdese istituzionale, sempre al primo posto in questa ricerca – molto selettiva peraltro – delle vittime. La scorsa settimana, la metà del settimanale Riforma era dedicata all’uccisione, illegale e riprovevole, di George Floyd da parte di un poliziotto di Minneapolis non certo per ordine del governo, mentre nulla viene detto sulle centinaia di arresti e brutalità della polizia a Hong Kong.

Può sembrare molto lodevole e cristiano per le chiese liberal (valdesi e affini) schierarsi in difesa di quelle che si percepiscono essere le “vittime” sempre nuove della società, i loro diritti che appaiono violati, promuovere la causa della “giustizia sociale” e essere “contro le discriminazioni”. Tutto questo diventa di fatto l’unica “azione” della chiesa e spesso solo questo viene identificato come Evangelo. Tutto il resto del messaggio biblico nella migliore delle ipotesi diventa un “contorno” culturale da assoggettarsi a quell’interesse principale. Ne consegue un cristianesimo detto “attuale”, “aggiornato”, “riveduto e corretto” rispetto a quella che per secoli è stata l’ortodossia cristiana.

Di fatto, quest’approccio – condiviso in larga misura dai “progressisti” della sinistra politica, vale a dire (secondo i tipici slogan) “stare dalla parte di”, “stare dalla parte degli ultimi”, cercare “la vittima” – corrisponde ad una precisa ideologia che ben poco ha a che fare (anche se può in qualche modo somigliarvi) con la concezione biblica del mondo e della vita. PER LEGGERE TUTTO L’ARTICOLO CLICCA QUI

*Fin dal 1995, per il materiale biblico-teologico sul web, il past. Paolo E. Castellina aveva ideato questo slogan “Tempo di Riforma”, non solo per collegarsii ai principi intramontabili della Riforma protestante calvinista, ma ispirato dal versetto biblico della Lettera agli Ebrei (secondo la versione NR, Riv. e Diodati) che dice: “…perché si tratta solo di cibi, di bevande e di varie abluzioni, insomma, di regole carnali imposte fino al tempo di una loro riforma” [“valide fino al tempo in cui sarebbero state riformate” (CEI)], (Ebrei 9:10). L’antico culto ebraico era stato non rinnegato ma riformato dall’insegnamento del Nuovo Testamento. Quante “regole carnali” si sono (e sono state) imposte nel corso della storia delle chiese e che non sono conformi all’insegnamento del NT (che è Parola normativa di Dio)! Dobbiamo liberarcene: per questo è sempre Tempo di Riforma! A questo riguardo è significativo il motto risalente al XVI secolo impresso sui frontali o all’interno delle Chiese riformate della Svizzera italiana, che dice (vedi foto): “ Chiesa cristiana vangelica riformata dagli errori e dalle superstizioni umane ” con l’aggiunta dei nomi dei Riformatori italiani come Pietro Paolo Vergerio (da Capodistria) e Girolamo Zanchi (da Bergamo). I principi biblici da essi riscoperti (insieme ai Riformatori meglio conosciuti come Giovanni Calvino sono davvero intramontabili e fondanti per la nostra fede. Li ignoreremmo solo a nostro danno. Tanti oggi, infatti, hanno “passato una mano di vernice” su quell’antico motto, credendo di “aggiornarsi”. In realtà non hanno progredito, ma regredito, rispetto al pensiero biblico dei Riformatori del XVI. Il degrado è possibile evitarlo resistendo criticamente alla modernità e riscoprendo e vivendo oggi i principi biblici da essi riscoperti e contenuti nelle Confessioni di fede e nei Catechismi della Riforma. 

 

La Bibia Piemonteisa – Leture bìbliche për Dumìnica 28 ‘d giugn 2020 – Quarta Dumìnica apress ëd la Pancòsta

Leture bìblicheSalm 13Génesi 22:1-14Roman 6:12-23Maté 10:40-42

La Bibia antrega an presenta d’òm e ‘d fomne che, malgré tuti ij sò difèt ëd lor, a son ëstàit sernù per grassia ‘d Nosgnor a esse ‘d portavos autorèivol e ispirà dla Paròla ‘d Dé. Quand ch’i lesoma soe vicende ‘d lor e ch’i arseivòma con fiusa le paròle che lor an trasmëtto, nojàutri i na soma inflensà e i soma portà a pijé part ëd na stòria ch’as dësvlopa bin dëdlà ‘d sò temp, la stòria dël pòpol ëd Dé. La prima e la sconda letura (ël Salm 13 e Génesi 22) an parla dij giust ch’a ubidisso a Nosgnor an minca na circostansa. Ël giust, an efet, as fida ‘d Dé e a-j ubidiss sèmpe, fin-a ant ël cas che la situassion per chiel, da la mira uman-a a podrìa disse disperà. Bele se a podèissa nen comprende ‘l sens ‘d lòn ch’a-j càpita, chiel a ubidiss con fede, përchè a ‘rconòss che Nosgnor “a sà sèmpe lòn ch’a fà” e che, ant ij sò propòsit, a-i é sèmpe na rason bon-a e giusta. Ël capitol 6 dla littera ai cristian ëd Roma an parla coma ‘l cristian as buta volenté al servissi ‘d Nosgnor. L’ùltima letura, a la fin dël capitol 10 ëd Maté, a buta an evidensa l’onor ch’a l’é staje acordà a j’apòstoj e ai profeta biblich coma d’ambassador për Nosgnor, e dl’onor ch’a ‘rseivran coj ch’a-j dan da ment a la Paròla che lor a trasmëtto.

I.

Ël Salm sernù për costa duminica a l’é na pcita orassion ëd David. La situassion ch’a na fà la dëscrission, a l’era cola che chiel midem a l’era trovassje, opura un-a d’un chërdent ch’as na sentiva compagn: cola ‘d trovesse an privo ‘d mòrt. A jë smija che Nosgnor a l’era dësmentiasse ‘d chiel, coma se Nosgnor a l’avèissa d’àutr da fé e a podèissa o a volèissa pa ocupesse ‘d chiel. “Nò,” chiel a dis a Nosgnor, “lassa nen che ij mè e ij tò nemis a vincc-o e a penso d’esse ij pì fòrt”. A l’é parèj che ‘l salmista a fà sté ciuto ij sò pensé dësfaitista, s’arcòrda dle promësse che Nosgnor a l’ha fàit ai sò e a fortiss soa fiusa che chiel a sarà salvà përchè Dé a resta fedel a soe promësse.

“Nosgnor! It ses dësmentiate ‘d mi! Fin-a a quand é-lo che sta situassion-sì a durerà? Fin-a a quand é-lo ch’i varderas da n’àutra banda e ch’it ancorze nen che mi i son belessì parèj? Fin-a quand ch’i l’avrai ‘d porté an mia ànima csi tanta angossa e ‘d sagrin tut ël dì! Fin-a a quand ch’i l’avrai da soporté che ij mè nemis a l’abio da prevalèj dzura ‘d mi? Nosgnor, mè Dé! Virte e rëspondme! Ampiniss ëd ciàir ij mè euj, dësnò i meuiro. Lassa nen che ij mè nemis as arlegro pì nen e ch’a diso: “I l’oma vinciulo!”. Lassa nen che ij mè aversari as arlegro ‘d vëdd-me tombé. Malgré tut lòn I l’hai fiusa che tò amor anvers ëd mi a vnirà mai a manch. I sarai mi pitòst a arlegreme përchè ch’it l’has liberame. I sai ch’a vnirà tòst ël dì ch’i canterai a Nosgnor për tut ël bin che chiel a l’ha fame!” (Salm 13)

Për lesi tut. A i’é ëdcò la registrassion da scoté, con la musica! – Leggi tutto. C’è anche l’audio, con la musica!

 

Come accogliamo gli ambasciatori del Re? (Matteo 10:40-42) – Culto di domenica 28 giugno 2020

Immaginate che cosa potrebbe significare ricevere gli ambasciatori di un potente Re o Presidente con pernacchie e calci nel sedere. Oppure, se non proprio così, ignorandoli e nemmeno presentarci all’udienza… Che accadrebbe? Dio, il Re dell’universo ha costituito i profeti e gli apostoli che ci parlano attraverso l’intera Bibbia come suoi autorevoli portavoce. Come li accogliamo? Ce ne parla Gesù stesso nel testo biblico che consideriamo quest’oggi: Matteo 10:40-42.

Il testo del vangelo di quest’oggi si compone di pochi versetti posti al termine del capitolo 10 di Matteo. Si tratta del capitolo dove Gesù invia i suoi dodici apostoli in missione. Troviamo dapprima, esplicitati, i nomi dei 12, e poi, fino al versetto 15, Gesù dà loro istruzioni su come devono comportarsi nell’ambito della loro missione. Poi li avverte che il loro compito non sarà tuttavia facile perché pure incontreranno parecchia resistenza e ostilità. A causa di Cristo, che servono, essi saranno persino perseguitati, avversati, proprio come lo è stato il Cristo stesso, il loro maestro e Signore. Non devono, però, avere paura nel proclamare apertamente l’Evangelo. Esso sarà sicuramente ricevuto là dove è destinato ad essere ricevuto, porterà frutto abbondante ed alla fine trionferà su ogni opposizione. Per questo dovranno e potranno dedicarsi ad esso completamente e con fiducia come onorati ambasciatori del Re dell’universo e dell’unigenito suo Figlio. Essi, gli apostoli, testimoni oculari del Cristo, sono resi così i suoi “portavoce ufficiali”. Ecco il senso ultimo delle parole di Gesù che concludono il capitolo 10 di Matteo. Leggiamole:

“Chi riceve voi, riceve me; e chi riceve me, riceve colui che mi ha mandato. Chi riceve un profeta nel nome di un profeta, riceverà un premio da profeta; e chi riceve un giusto nel nome di un giusto, riceverà un premio da giusto. E chiunque darà da bere anche un solo bicchiere d’acqua fredda a uno di questi piccoli nel nome di un discepolo, in verità vi dico, che egli non perderà affatto il suo premio” (Matteo 10:40-42).

PER LEGGERE O ASCOLTARE TUTTO IL CULTO CLICCA QUI

La Bibia Piemontèisa – Leture bibliche për Dumìnica 21 ëd giugn 2020 – Tersa Dumìnica apress ëd la Pancòsta

Leture bìblicheSalm 86Maté 10:23-39Génesi 21:8-21Roman 6:1-11

Le leture bìbliche dla tersa duminica apress ëd la Pancòsta a buto an evidensa coma, an ësto mond ch’a l’é nemis ëd Dé, confessé e vive con coerensa la fede bìblica a peuda provoché na violenta oposission. I vëdoma sossì ant la vicenda ‘d David, coma ch’a l’é rapresentà ant ël Salm 86. David, angossà dai sò nemis ch’a-j dan dré për masselo, a treuva an Nosgnor soa consolassion e fòrsa. I vëdoma sossì ‘dcò ant la letura dël vangel, cola ‘d Maté 10:24 e vìa fòrt, anté che Gesù a buta ij sò dissépoj ans l’avis ch’a sarìo stàit ostegià pròpi coma chiel midem. Costa situassion-sì a deuv pa dëscorageje nè porteje a fé ‘d compërmess con ël mond ch’a-j përséguita. Ant la përseveransa e ant la certëssa dla vitòria final ëd Dé ant ël Crist, a stà soa fòrsa ‘d lor. La tersa letura, contut, tirà da Génesi 21, la vicenda dël fieul che Abraam a l’avìa avù da la serva Agar, a buta ‘dcò an evidensa coma dzagreàbil a peudo esse le conseguense dla mancansa ‘d fé ant le promësse ‘d Nosgnor, conseguense che Nosgnor, an soa misericòrdia, ‘dcò a rangia. Ël përdon e la toleransa ‘d Dé, contut, a peul nen esse na scusa për pijé ‘l pecà a la legera, o coma na sòrt ëd licensa ‘d pëcché. Al contrari, a l’ha da cissene a l’ubidiensa, arconossend che lòn che Nosgnor an comanda a l’é sèmper bon e giust. Sossì a l’é lòn ch’i trovoma ant l’ùltima letura, tirà da la litra ai cristian ëd Roma.

I.

Ant ël Salm 86, ch’i andoma a lese adess, as mës-cia preghiera e riflession. A l’é na fede ch’a nuriss e ch’an rend pì fòrt, ansavorìa da ‘d làude e ringrassiament. Dàit che David, ambelessì, a l’era riussì a scapé vìa da ‘d situassion angossiose, chiel a comparision-a coj sagrin ch’a l’avìo crasalo con la bontà e la potensa ‘d Nosgnor ch’a l’han tiralo fòra da lì. Pì ‘d lòn, David a ciama a Nosgnor nen mach d’esse liberà dai sò nemis, ma a prega ‘dcò che ‘l timor ëd Nosgnor a sìa bin piantà e anreisà an sò cheur.

“Nosgnor! Bass-te e scota mia preghiera! Rëspondme, përchè ch’i l’hai pròpi da manca ‘d tò agiut. Guern-me, përché i son un dij tò fedej. Mè Dé! Salva ‘l tò servent ch’as fida ‘d ti! Nosgnor! Abie pietà ‘d mi ch’it ciamo tut ël dì. Dà costa gòj a tò servent. A ti i elévo l’ànima mìa. Nosgnor! Ti ‘t ses csì bon, csì pront a përdoné, csì pien d’amor për tuti coj ch’at ciamo agiùt. Nosgnor! Scota mia preghiera, scota mia sùplica….

Për lesi tut. A i’é ëdcò la registrassion da scoté, con la musica! – Leggi tutto. C’è anche l’audio, con la musica!

“Non temete!”, dice Gesù ai suoi discepoli …e per buone ragioni! (Matteo 10:24-39) – Culto di domenica 14 giugno 2020

Siete voi persone paurose? Non vergognatevene: la paura è una reazione naturale che serve a proteggere e a preservare la vostra integrità ed ha una funzione positiva. Ci sono però casi (molti) in cui, ai suoi discepoli, Gesù dice: “Non temete!”, a non lasciarci intimidire, perché egli ci invita ad allargare le nostre prospettive e ad aver fiducia in lui come Signore della vita e colui che vince, sempre, nonostante l’arroganza e le minacce dei suoi avversari. Per ben tre volte nel testo del vangelo che leggeremo e commenteremo oggi, Gesù dice ai suoi discepoli: “Non temete”. Quando? In che contesto? Ascoltiamo.

“Il discepolo non è da più del maestro, né il servo da più del suo signore. Basta al discepolo di essere come il suo maestro e al servo come il suo padrone. Se hanno chiamato il padrone di casa Beelzebub, quanto più chiameranno così quelli di casa sua! Non li temete dunque, poiché non c’è nulla di nascosto che non debba essere rivelato e nulla di segreto che non debba essere conosciuto. Quello che io vi dico nelle tenebre, ditelo nella luce; e ciò che udite dettovi all’orecchio, predicatelo sui tetti. E non temete coloro che uccidono il corpo, ma non possono uccidere l’anima; temete piuttosto colui che può far perire l’anima e il corpo nella Geenna. Non si vendono forse due passeri per un soldo? Eppure neanche uno di loro cade a terra senza il volere del Padre vostro. Ma quanto a voi, perfino i capelli del vostro capo sono tutti contati. Non temete dunque; voi siete da più di molti passeri. Chiunque perciò mi riconoscerà davanti agli uomini, io pure lo riconoscerò davanti al Padre mio che è nei cieli. Ma chiunque mi rinnegherà davanti agli uomini, io pure lo rinnegherò davanti al Padre mio che è nei cieli». «Non pensate che io sia venuto a mettere pace sulla terra; non sono venuto a mettervi la pace, ma la spada. Perché io sono venuto a mettere disaccordo tra figlio e padre, tra figlia e madre, tra nuora e suocera, e i nemici dell’uomo saranno quelli di casa sua. Chi ama padre o madre più di me, non è degno di me; e chi ama figlio o figlia più di me, non è degno di me. E chi non prende la sua croce e non viene dietro a me, non è degno di me. Chi avrà trovato la sua vita, la perderà; ma chi avrà perduto la sua vita per causa mia, la ritroverà” (Matteo 10:24-39).

Il mandato fondamentale che Gesù affida a tutti i suoi discepoli, di ieri e di oggi, rimane immutato ed è scolpito al termine del vangelo secondo Matteo: “Andate dunque, e fate discepoli di tutti i popoli (…) insegnando loro di osservare tutte le cose che io vi ho comandato” (Matteo 28:19-20).

Non sarebbe stato facile, però, e non è facile neppure oggi. Gesù, infatti, non era come un “saggio orientale” che elargisce saggezza e buoni consigli per il miglioramento della vita e che viene generalmente accettato perché non rappresenta sostanzialmente “una minaccia” per equilibri consolidati e per lo status-quo sociale. L’insegnamento di Gesù non è come quello della psicologia popolare o quello di un allenatore sportivo. L’insegnamento di Gesù può mettere in crisi la vita di una persona ed essere parecchio “destabilizzante”.

PER LEGGERE O ASCOLTARE TUTTO IL CULTO CLICCA QUI

La Bibia Piemontèisa – Leture bibliche për Dumìnica 14 ëd giugn 2020 – Secunda Dumìnica apress ëd la Pancòsta

Bin-ëvnù! Le leture bìbliche ‘d costa duminica, la sconda apress ëd la Pancòsta, a buto an evidensa coma, arconcilià con Dé për fede ant ël Signor e Salvator Gesù Crist, Dé a l’é pa pì për nojàutri quajcòsa ‘d nebios, n’astrassion, ma ‘n pressios e amorèivol amis ch’an compagna sèmpe. I foma l’esperiensa ‘d soa fidelità a le promësse ‘d soa Paròla e chiel as pija soen ëd nòstre dëbolësse. Coma ‘ndoma a sente ant la letura dël Salm, is adressoma a Chiel e a-j disoma “It veulo bin, Nosgnor, con tut mè cheur”.

I.

Dal Salm ëd costa duminica a seurt l’oposission: “I veuj bin a Nosgnos, i chërdo an chiel” e “A son tuti mach ëd busiard”. Costa dariera afermassion a podrìa smijé “esagerà”. Tutun, s’i vardoma le còse da la prospetiva ‘d Nosgnor (l’unica ch’a val) costa afermassion a dovrìa nen ess-ne na surprèisa, dàit ch’ël cheur ëd l’òm a l’é coròt fin-a a le miole! Ant ël meno pes dij cas, minca na virtù che l’òm a pretend d’avèj a l’é pitòst relativa! La sernùa dël Salmista a l’é ciàira: i preferisso chërde, voleje bin e serve mach a Nosgnor Dé.

“I veuj propri bin a Nosgnor përchè chiel a l’ha scotà la vos ëd mie sùpliche; (…) Am sento pien ëd fede, antlora i l’hai dit: “Nosgnor! I son fòrt sagrinà”. An mè afann I l’hai crijà: “A son tuti mach ëd busiard”. Lòn ch’i podrìa fé për mostré d’arconossensa a Nosgnor për tut ël bin ch’a l’ha fame? Invocanda sò nòm, i auss-rai ‘l brindes për selebré la salvëssa. I compirai le promësse ch’i l’hai fàit a Nosgnor; i lo farai dëdnans a tut sò pòpol. A j’euj ëd Nosgnor a l’é pressiosa la mòrt dij sò fidej. Nosgnor! Mi i son tò sërvent. Vera, i son tò sërvent, nassù an toa ca, ël fieul ëd toa serventa! Ti tl’has liberame da le caden-e. It ësmon-rai un sacrifissi d’arconossensa e invocherai ‘l nòm ëd Nosgnor. I compirai tùit ij vot ch’i l’hai fàit a Nosgnor an presensa ‘d tut sò pòpol – ant la ca ‘d Nosgnor, ant ël cheur ëd Gerusalem. Aleluia!” (Salm 116:1, 10-17).

II.

“J’é-lo miraco quaicòsa che për Nosgnor a podrìa disse tròp malfé?”. Costa-sì a l’é la fras-ciav, na domanda retòrica, che për rëspòsta a l’ha ‘n bel “Nò!”. Costa fras a sta a la base dla sconda letura biblica për sta dominca. Nosgnor a porta anans ij sò progèt ant la stòria an dësfidand la lògica e la sapiensa uman-a, lòn ch’a l’é possìbil e lòn ch’a l’é pa possibil. Con la nassensa d’Isach da da mare e da ‘n pare che, da la mira uman-a a sarìo stàit tròp vej për buté al mond un fiel, Nosgnor a buta le base për la nassensa dël pòpol d’Israel, ch’a l’é stàje fidà la redension dl’umanità e ch’a sarìa stàit coma la con-a dël Salvator Gesù Crist. Nosgnor a l’é fedel a minca na soa promëssa.

La nassensa d’Isaac. “Nosgnor a l’era manifestasse a Abraham a le Rol ëd Mambré antramente che chiel a stasìa setà a l’intrada dla tenda ant l’ora pì càuda dël dì. A l’ha aussà j’euj e a l’improvista a l’ha vëddù ch’a j’ero rivaje tre forësté.

Për lesi tut. A i’é ëdcò la registrassion da scoté, con la musica! – Leggi tutto. C’è anche l’audio, con la musica!

Quando Dio fa visita ai suoi amici (Genesi 18:1-15, 21:1-7) – Culto di domenica 14 giugno 2020

Per tanti, Dio, nella migliore delle ipotesi, non è che un’astrazione impersonale. Ecco perché si fanno degli idoli pensando che siano più vicini a loro. Per il popolo di Dio, ieri ed oggi, per coloro che l’Evangelo di Gesù Cristo chiama alla riconciliazione ed alla comunione con Dio, però, Egli diventa come un vero amico che li visita, si relaziona con loro e se ne prende cura. Come il patriarca Abrahamo che”credette a Dio, e ciò gli fu imputato a giustizia»; e fu chiamato amico di Dio” (Giacomo 2:23). Lo considereremo quest’oggi.

L’arrivo di ospiti è tipicamente occasione per rimettere ordine in casa, cosa che normalmente si trascura. “Togli quella roba dal pavimento, metti via le scarpe, vestiti, qualcuno controlli il bagno, metti fuori il cane,…”- quel genere di cose. E la ragione di tutto questo clamore è perché questi ospiti – chiunque essi siano – sono persone importanti per te. Vogliamo che tutto sia a posto in parte perché vogliamo che sentano che siamo contenti che siano venuti e in parte perché vogliamo dare una buona impressione. Ci sono solo alcuni ospiti per cui stendiamo davvero “un tappeto rosso”, per così dire.

Nel testo della Bibbia che consideriamo oggi, il patriarca Abrahamo riceve la visita di ospiti – solo che lui non aveva idea che stessero arrivando! Allora faceva caldo, ma eccolo attivo e indaffarato, cercando di prendersi cura di questi visitatori molto importanti che sono apparsi così misteriosamente nella sua tenda.

Leggiamo il testo:

“L’Eterno e altri due angeli visitano Abrahamo. “L’Eterno apparve ad Abrahamo alle querce di Mamre, mentre egli sedeva all’ingresso della tenda durante il caldo del giorno. Abrahamo alzò gli occhi ed ecco, tre uomini stavano in piedi accanto a lui. Appena li vide, corse loro incontro dall’ingresso della tenda, si prostrò fino a terra e disse: «Signor mio, se ho trovato grazia davanti a te, ti prego non passare senza fermarti dal tuo servo! Deh, lasciate che si porti un po’ d’acqua, affinché possiate lavarvi i piedi, e riposatevi sotto questo albero. Io andrò a prendere un pezzo di pane, così potrete rinfrancare il vostro cuore; poi proseguirete il vostro cammino, perché per questo siete passati dal vostro servo». Quelli dissero: «Fa’ come hai detto». Allora Abrahamo andò in fretta nella tenda, da Sara, e le disse: «Presto, prendi tre misure di fior di farina, impastala e fanne delle focacce». Poi Abrahamo corse all’armento, scelse un vitello tenero e buono, lo diede a un servo, e si affrettò a prepararlo. Prese poi della cagliata, del latte e il vitello che aveva preparato, e li pose davanti a loro; mentre essi mangiavano, egli rimase in piedi accanto a loro, sotto l’albero. Poi essi gli dissero: «Dov’è Sarah tua moglie?». Abrahamo rispose: «È là nella tenda». Ed egli disse: «Tornerò certamente da te l’anno prossimo a questo tempo; ed ecco, Sarah tua moglie avrà un figlio». E Sarah ascoltava all’ingresso della tenda, che era dietro di lui. Or Abrahamo e Sarah erano vecchi, di età avanzata, e Sarah non aveva più i ricorsi ordinari delle donne. Perciò Sarah rise dentro di sé, dicendo: «Vecchia come sono, avrei io tali piaceri, dato che il mio stesso signore è vecchio?». E l’Eterno disse ad Abrahamo: «Perché mai ha riso Sarah dicendo: “Partorirò io per davvero, vecchia come sono?”. Vi è forse qualcosa che sia troppo difficile per l’Eterno? Al tempo fissato, fra un anno, ritornerò da te, e Sarah avrà un figlio». Allora Sarah negò, dicendo: «Non ho riso», perché ebbe paura. Ma egli disse: «Invece, hai riso!». (…)  L’Eterno visitò Sarah come aveva detto; e l’Eterno fece a Sarah come aveva promesso. E Sarah concepì e partorì un figlio ad Abrahamo nella sua vecchiaia, al tempo stabilito, che DIO gli aveva detto. E Abrahamo pose nome Isacco al figlio che gli era nato, e che Sarah gli aveva partorito. Poi Abrahamo circoncise suo figlio Isacco all’età di otto giorni, come DIO gli aveva comandato. Or Abrahamo aveva cento anni, quando gli nacque suo figlio Isacco. E Sarah disse: «DIO mi ha dato di che ridere; chiunque lo udrà riderà con me». E disse pure: «Chi avrebbe mai detto ad Abrahamo che Sarah allatterebbe figli? Poiché io gli ho partorito un figlio nella sua vecchiaia»” (Genesi 18:1-15, 21:1-7).

La storia, finora, è che Abrahamo e la sua famiglia è quella di persone che sono state scelte per ricevere una particolare benedizione di Dio, una benedizione che è, in effetti, parte dell’adempimento di una promessa fatta risalire a Genesi 3:15 .

PER LEGGERE O ASCOLTARE TUTTO IL CULTO CLICCA QUI

La Bibia Piemontèisa – Leture bibliche për Dumìnica 7 ëd giugn 2020 – Prima Dumìnica apress ëd la Pancòsta

Leture bìblicheSalm 8Génesi 1:1-2:4Maté 28:16-202 Corint 13:11-13

Le leture bìbliche ëd costa prima duminica apress ëd la Pancòsta, a ciapo ansema ‘l prim capìtol dla Génesi e ‘l Salm nùmer eut, ch’a podrìo disse tùit e doi d’imn ëd làude a Nosgnor Dé ‘l Creator për soa potensa, sapiensa e providensa. I l’oma, peuj, ëd grand’ amportansa la Granda Comission ch’i trovoma ant l’ùltim capitol dl’Evangel ëscond San Maté, anté che Gesù an comanda ‘d nunsié a tut ël mond el messagi dl’Evangelo, mostranda, a tute le nassion a vive conform a la sapiensa ëd la Paròla ‘d Nosgnor. La quarta letura, da la sconda litra ai Corint, a l’é n’esortassion fàita al pòpol ëd Nosgnor, a esse ‘d testimòni sèmper pì vajant e an concòrdia l’un con l’àutr, che përdabon l’euvra dël Crist e soa Paròla a l’ha ‘d fòrsa e ‘d sucess për la salvëssa ‘d cost pòver mond. Costa ultima letura a la dovroma coma benedission final. Angagiomse con fiusa ant l’euvra ‘d Nosgnor.

I.

Coma tùit ij Salm, ël Salm eut a l’é ma càntica ‘d glòria adressà a Nosgnor. La glòria a Nosgnor a l’é dàita dzurtut për le maravije ‘d soa Creassion, ëd maravije ch’a son tant ciàire che la làude dël Signor a ven fin-a da la boca dle masnà e dij poparin, e sossì , l’apër feje onta ai nemis ëd Nosgnor. La làuda a Nosgnor a ven ëdcò dal ròl ëspecifich, l’ancombensa, che chiel a dàit a l’òm ant la curnis ëd soa maravijosa creassion: “It l’has falo ’d tantsìpòch anferior a j’Àngej”. I lesoma cost Salm ant la version ëd Pinuccia Gamba.

Glòria ‘d Dé e dignità dl’òm“Òh Tut Potent, nòst Dé, coma ch’a l’é grand tò nòm su tuta la tèra! Toa glòria fonga le rèis ant ij cej! Da la boca dle masnà, e dij puparin, a s’àussa ’na làuda contra ’d chi ch’a t’ha ’n ghignon, e përparèj a taso ij nemis, j’aversari. Cand ch’i resto ’nciarmà dnans ai tò cej, euvra dle toe man, la lun-a e le stèile che it l’has sëmnà lassù, im ciamo: lòn ch’a l’é mai l’òm përché ti ’t n’arcòrde ’d chiel, e ’l fieul ëd l’òm përché it l’abie ansì a cheur? It l’has falo ’d tantsìpòch anferior a j’Àngej, it l’has soagnalo ’d glòria e dë splendor, it l’has daje podèj sl’euvra ’d toe man, e it l’has butà tui ai sò pé: jë strop e tute le màndrie, e ’dcò le bestie ferose dij grand bòsch, j’osej dël cel e ij pess dël mar, e tut lòn che a viv ant ël creus dël creus dël gran mar. Òh Tut Potent, nòst Dé, coma a l’é grand tò nòm su tuta la tèra!” (Salm 8).

II.

Ël racont ëd la Creassion ant ël capìtol prim dël lìber dla Génesi, a l’é ‘n racont ch’a l’é un dij fondament dla fede ebràica e cristian-a…

Për lesi tut. A i’é ëdcò la registrassion da scoté, con la musica! – Leggi tutto. C’è anche l’audio, con la musica!

Se il mondo vi odia, sappiate che ha odiato me prima di voi. Se foste del mondo, il mondo amerebbe ciò che è suo; ma poiché non siete del mondo, ma io vi ho scelto dal mondo, perciò il mondo vi odia. Se hanno perseguitato me, perseguiteranno anche voi; se hanno osservato la mia parola, osserveranno anche la vostra.
(Giovanni 15:18-20)

Traduttore

Così dice l'Eterno: «Fermatevi sulle vie e guardate, e domandate dei sentieri antichi, dove sia la buona strada, e camminate in essa; così troverete riposo per le anime vostre». Ma essi rispondono: «Non cammineremo in essa».
(Geremia 6:16)

Link Consigliati

                 

Visitatori 2010 : 43.446

Visitatori 2011 : 81.694

Visitatori 2012(fino a al 13 Novembre) : 85.636

Statistiche visitatori dal 14-11-2012

  • 2418172Totale Visitatori:
  • 0Oggi:
  • 0Ieri:
  • 1746Ultimi 7 giorni:
  • 2218Questo mese:

Visitatori Online

Articoli Recenti