Nulla sia più forte della vostra fede

GIOSUÈ GIANAVELLO

La Bibia Piemontèisa – Leture bibliche për Dumìnica 31 Magg 2020 – Pancòsta

Leture bìblicheSalm 104: 24-35Nùmeri 11: 24-301 Corint 12:1-13At 2:1-21Gioann 20: 19-23

Duminica, la pì part ëd le cese cristian-e a sèlebra la Pancòsta. I la podrìo consideré un-a dle quatr mire dl’orisont dla fede cristian-a. La prima a l’é la nassensa an cost mond dël Signor e Salvator Gesù Crist (ël Natal), la sconda a l’é ij patiment, la mòrt e l’arsurression ëd Gesù (la Pasca), la tersa sò artorn a Dé ‘l Pare (l’Assension) e, la quarta, la Pancòsta. A son ij pont feucaj ëd l’ann liturgich cristian. La Pancòsta a marca ‘l moment che la comunità dij dissépoj ëd Gesù a ‘rsèiv na presensa strasordinaria ‘d Nosgnor Dé con loràutri (lë Spirit Sant) ch’a-j dà “l’energìa” ch’a n’ha da manca për porté a compiment la comission che Gesù a-j dà e ch’a-j cangia da person-e sbaruvà, pien ëd confusion e ch’a penso ‘d podèj fé pì gnente, ant na comunità angagià a porté anans con coragi e determinassion, con la Paròla e ij fàit, ël vangel ëd Gesù Crist pr’ ël mond antregh. Nojàutri ij cristian d’ancheuj, an nòstra generassion, i soma l’arzultà ëd soa determinassion ëd lor, e, dzurtut, ëd na presensa ch’a l’é mai vnùa a manch da ‘ntlora, cola dlë Spirit Sant, ch’a l’a argenerane da la mira spiritual, ch’a l’ha portane al pentiment e a la fede an Gesù e ch’an dà j’arsorse necessàrie për continué a porté anans la mission cristian-a. Le leture bibliche d’ancheuj as ancentro, tant pr’ el Testament Vej che pr’ ël Neuv, an sù coma lë Spirit Sant a daga “d’energìa” a sò pòpol.

I

Ël Salm për costa duminica a l’é ‘n tòch dël Salm 104. L’autor a làuda, benediss e magnìfica la magistrìa sbalorditiva dël Creator an tute soe euvre. Chiel a l’é nen mach col ch’a dà la vita, ma col ch’a provëd j’arsorse ch’a-i é da manca perchè minca un-a ‘d soe creature a viva dla mej manera e ch’a daga soa contribussion a l’armonìa dël tut. A la matèria inanimà Dé a-j ispira o “a sofia” ëd sò Spirit e chila a viv. A l’é ‘l midem Ëspirit ch’a argénera ‘d creature uman-e degradà dal pëccà për ch’a ‘rtorno a esse lòn ch’a l’avìo da esse fin dal prinsipi.

“Nosgnor, che gran’ varietà ‘d ròbe ch’it l’has fàit! Ti ‘t l’has faje tute con sapiensa. La tèra a l’é pien-a ‘d toe creature. Vardé-là l’océan, grand e largh, ch’a formiola ‘d creature d’ògni sòrt, sia grande che pcite. Vardé ij bastiment ch’a lo sorgo, e ‘l Leviatan ch’it l’has falo përché a-i s’amusa. Tùit a dipendo da Ti për ël nutriment ch’a l’han da manca. Quand che Ti ‘t jë lo procure, lor a l’archeujo. Ti ‘t doverte la man për deje da mangé e lor a na mangio. Tutun, s’it ët slontan-e da lor, a droco ‘nt lë sparm.

Për lesi tut. A i’é ëdcò la registrassion da scoté, con la musica! – Leggi tutto. C’è anche l’audio, con la musica!

Il quarto punto cardinale della fede cristiana (Atti 2:1-21) – Culto di Domenica 31 maggio 2020

Uno dei fatti più significativi della storia del popolo di Dio, avvenuto dopo il ritorno del Salvatore Gesù Cristo presso Dio Padre, e che potremmo chiamare uno dei punti cardinali della fede cristiana, è quello che va sotto il nome di Pentecoste. La chiesa cristiana nel corso dei secoli ha visto la Pentecoste come uno degli avvenimenti fondamentali della sua storia e da celebrare accanto a quello della Nascita di Gesù (il Natale), la Sua sofferenza, morte in croce e risurrezione dai morti (la Pasqua), e la Sua Ascensione al cielo. Perché la Pentecoste è significativa? E’ quello che oggi consideriamo.

Quanto avvenne nel giorno della Pentecoste ci viene raccontato dal libro degli Atti degli Apostoli al capitolo 2. Ne leggeremo i primi 20 versetti.

La discesa dello Spirito Santo. “Come giunse il giorno della Pentecoste, essi erano tutti riuniti con una sola mente nello stesso luogo. E all’improvviso venne dal cielo un suono come di vento impetuoso che soffia, e riempì tutta la casa dove essi sedevano. E apparvero loro delle lingue come di fuoco che si dividevano, e andarono a posarsi su ciascuno di loro. Così furono tutti ripieni di Spirito Santo e cominciarono a parlare in altre lingue, secondo che lo Spirito dava loro di esprimersi. Or a Gerusalemme dimoravano dei Giudei, uomini pii, da ogni nazione sotto il cielo. Quando si fece quel suono, la folla si radunò e fu confusa, perché ciascuno di loro li udiva parlare nella sua propria lingua. E tutti stupivano e si meravigliavano, e si dicevano l’un l’altro: «Ecco, non sono Galilei tutti questi che parlano? Come mai ciascuno di noi li ode parlare nella propria lingua natìa? Noi Parti, Medi, Elamiti e abitanti della Mesopotamia, della Giudea e della Cappadocia, del Ponto e dell’Asia, della Frigia e della Panfilia, dell’Egitto e delle parti della Libia che è di fronte a Cirene e noi residenti di passaggio da Roma, Giudei e proseliti, Cretesi ed Arabi, li udiamo parlare delle grandi cose di Dio nelle nostre lingue!». E tutti stupivano ed erano perplessi, e si dicevano l’un l’altro: «Che vuol dire questo?». Altri invece li schernivano e dicevano: «Sono ripieni di vin dolce!». Ma Pietro si alzò in piedi con gli undici e ad alta voce parlò loro: «Giudei e voi tutti che abitate in Gerusalemme, vi sia noto questo e prestate attenzione alle mie parole. Costoro non sono ubriachi, come voi ritenete, poiché è solo la terza ora del giorno. Ma questo è ciò che fu detto dal profeta Gioele: “E avverrà negli ultimi giorni, dice Dio, che spanderò del mio Spirito sopra ogni carne; e i vostri figli e le vostre figlie profetizzeranno, i vostri giovani avranno delle visioni e i vostri vecchi sogneranno dei sogni. In quei giorni spanderò del mio Spirito sopra i miei servi e sopra le mie serve, e profetizzeranno. E farò prodigi su nel cielo e segni giù sulla terra: sangue, fuoco e vapore di fumo. Il sole sarà mutato in tenebre e la luna in sangue, prima che venga il grande e glorioso giorno del Signore. E avverrà che chiunque avrà invocato il nome del Signore sarà salvato” (Atti 2:1-21).

Il giorno della Pentecoste era già una delle tradizionali festività di Israele: essa era la “festa delle settimane”, una festa di riconoscenza per il primo raccolto della stagione, sette settimane (cioè il cinquantesimo giorno) dopo la Pasqua.

 

PER LEGGERE O ASCOLTARE TUTTO IL CULTO CLICCA QUI

La Bibia Piemontèisa – Leture bibliche për Dumìnica 24 Magg 2020 – Dumìnica ‘d Pascha ch’a fà set

Leture bìbliche: At 1:6-141 Pero 4:12-14; 5:6-11Gioann 17:1-11Salm 68:1-10, 33-36

Orassion: Nosgnor, rè ‘d glòria! It l’has esaltà Tò Fieul ùnich Gesù Crist con ëd grand trionf a Tò Regn an cèl: lass-ne nen sensa consolassion, ma manda Tò Spirit Sant për dene fòrsa, e esaltane a col leugh anté che nòst Salvator Gesù Crist a l’é andàit anans; ch’a viv e regna con Ti e con lë Spirit Sant, un sol Dé, ant na glòria eterna. Amen.

I.

Cost mond a l’é ‘n camp ëd bataja anté che ij combatiment ëspirituaj a chito mai. A van anans con gran fòrsa a tùit ij livej përché le fòrse dël mal ch’as opon-o a Nosgnor Dé, a soa sovran-a volontà e a sò pòpol a dan gnun-a treva. A l’han d’arogansa e determinassion e a serco ‘d dësblé tut lòn ch’a sìa ver, bon e giust. A l’han l’ilusion ëd podèj vince, ma a prevaleran pa nen. Col ch’a l’ha scrivù ‘l salm ch’i andoma a lese adess, a paragon-a Dè a ‘n guerié vajant, fòrt e ch’as peul nen batse. Chiel, parèl, a sùplica Nosgnor ch’a seurta a combate fintant ch’a daga ai sò nemis la lession ch’a mérito. A lo farà ‘d sicur, a temp e a leugh, e gnun a podrà arzistje. Costa sì a l’é l’invocassion ch’as leva costanta dal pòpol ëd Nosgnor, cola dël Pàter: “Ch’a ven-a tò regn”.

“Nosgnor a seurt fòra pront a batse. Ij sò nemis as la filo a gambe, ij sò aversari a scapo via da Chiel. Tanme ‘l fum a l’é bofà via dal vent, Ti i-j fas dësperde; tanme la sira as ëslèiva dëdnans al feu, ij pervers a son anientà dëdnans a Nosgnor. Coj ch’a veulo bin a Nosgnor, nopà, a son content; lor as arlegro dëdnans a chiel e a spricio ‘d gòj. Canté a Nosgnor! Canté ‘d làude a Sò Nom. Magnifiché Nosgnor ch’a cavalca an sle nìvole! Përchè Nosgnor a l’é sò Nom! Arlegreve dëdnans ëd Chiel! 

Për lesi tut. A i’é ëdcò la registrassion da scoté, con la musica! – Leggi tutto. C’è anche l’audio, con la musica!

Siamo in buone mani! (Giovanni 17:1-11) – Culto di Domenica 24 maggio 2020

Mangiare assieme celebra e rinsalda la comunione fra famigliari ed amici. Per i cristiani questo assume un particolare significato perché nella Cena del Signore celebriamo e rinsaldiamo la nostra comunione con il nostro Signore e Salvatore Gesù Cristo e fra di noi, suoi discepoli. Prima della sua sofferenza e morte Gesù fa un’ultima cena con i suoi discepoli celebrando e rinsaldando il suo amore per loro che giunge fino a dare per loro la sua vita stessa. In quell’occasione Gesù prega Dio Padre affinché egli li protegga per il tempo e l’eternità. Dal testo di Giovanni 17 scopriamo oggi come non solo quella preghiera riguardi anche noi ma come ci insegni quattro verità fondamentali.

Mangiare assieme, condividere la tavola con famigliari, amici e conoscenti, è stata fin dall’inizio una bella espressione della fede cristiana per celebrare e consolidare comunione e condivisione. Il mangiare assieme per la chiesa antica aveva lo speciale significato di celebrare e consolidare il profondo vincolo, la comunione, che unisce i cristiani con il Salvatore Gesù Cristo e l’uno con l’altro come corpo di Cristo. Tutto questo è stato poi nel tempo ritualizzato, ma all’inizio non era così. Gesù e i suoi discepoli avevano mangiato insieme per l’ultima volta poco prima dei tragici avvenimenti della sua sofferenza e morte. In quell’occasione, il loro Signore e Maestro Gesù aveva manifestato il suo amore per loro pure con una preghiera rivolta a Dio Padre che li avrebbe efficacemente assicurati per il tempo e l’eternità alla sua cura. Quella preghiera di Gesù include nel suo abbraccio anche ciascuno di noi, se abbiamo accolto l’appello dell’Evangelo ad essere discepoli del Signore e Salvatore Gesù Cristo.

La prima parte di quella preghiera è il testo stesso della Parola di Dio sul quale vogliamo riflettere brevemente quest’oggi. Contiene quattro affermazioni delle verità di base dell’Evangelo. Prego il Signore che queste verità voi le possiate fare vostre e che si radichino sempre meglio nel vostro cuore se già le avete accolte.

“Gesù disse queste cose; poi, alzati gli occhi al cielo, disse: «Padre, l’ora è venuta; glorifica tuo Figlio, affinché il Figlio glorifichi te, giacché gli hai dato autorità su ogni carne, perché egli dia vita eterna a tutti quelli che tu gli hai dati. Questa è la vita eterna: che conoscano te, il solo vero Dio, e colui che tu hai mandato, Gesù Cristo.

PER LEGGERE O ASCOLTARE TUTTO IL CULTO CLICCA QUI

Allegria forzata

Conosci il vero Dio? (Atti 17:22-31) – Culto di Domenica 17 maggio 2020

Se tu avessi una scatola di montaggio “fai-da-te” che ti permettesse di crearti il tuo proprio dio, che dio ne verrebbe fuori? Non la si trova in vendita, ma tutti, nessuno escluso, se ne fabbricano uno a proprio uso, consumo e convenienze. Si tratta di un idolo – che poi adorano e che determina la loro vita. Tutti hanno il proprio dio, anche quelli che negherebbero a viva voce di averne uno. Vanno sotto vari nomi. L’essere umano non ne ha mai fatto a meno, e non ne fa a meno neppure oggi, per quanto sia un mondo che si dice secolarizzato. Si tratta del dio che meglio risponde alle proprie idee, esigenze o ambizioni e può essere di varia natura. Il mondo ne è pieno. Le fabbriche di idoli lavorano a pieno ritmo. Producono tante fedi e religioni. Le si vedono sia nelle società liberali e pluraliste, come nelle società tiranniche. In queste ultime ne impongono una, di fede, e perseguitano le altre.

Un giorno l’apostolo Paolo capita ad Atene, un mondo che si vantava del suo pluralismo e “…il suo spirito s’inacerbiva in lui, vedendo la città piena di idoli” (Atti 17:16). Paolo, come ogni autentico cristiano, credeva che non ogni fede vada bene “basta che sia sincera”, ma che esista un solo Dio, vero e vivente, e che i molteplici idoli fabbricati dall’uomo, non solo siano menzogneri, ma abbiano un effetto deleterio. Ecco così che Paolo, che serviva Dio nel suo spirito “annunciando il vangelo del Figlio suo” (Romani 1:9) proprio in quella città osa proclamare l’esclusività del Dio che si è rivelato nella persona e nell’opera di Gesù Cristo.

Ecco come lo descrive il libro degli Atti degli Apostoli:

22“Allora Paolo, stando in piedi in mezzo all’Areopago, disse: «Ateniesi, io vi trovo in ogni cosa fin troppo religiosi. 23Poiché, passando in rassegna e osservando gli oggetti del vostro culto, ho trovato anche un altare sul quale era scritto: “AL DIO SCONOSCIUTO”. Quello dunque che voi adorate senza conoscerlo, io ve lo annunzio. 

PER LEGGERE O ASCOLTARE TUTTO IL CULTO CLICCA QUI

La Bibia Piemontèisa – Leture bibliche për Dumìnica 17 Magg 2020 – Dumìnica ‘d Pascha ch’a fà ses

Leture biblichePsalm 66:7-18At 17:22-311 Pero 3:13-22Johannes 14:15-21

Orassion: Nosgnor! Ti ‘t l’has prontà për coj ch’at veulo bin tante ‘d cole còse bon-e! A van fin-a dëdlà ‘d lòn ch’i podoma comprende! Arvèrsa ant nòst cheur un tal amor anvers ëd ti che nojàutri an amand-te për tute cole còse bon-e e dzura ‘d tute le còse, i peuda oten-e toe promësse ch’a van motobin dëdlà ‘d tut lòn ch’i podrìo avèjne anvìa; për Gesù Crist, nòst Signor, ch’a viv e regna con Ti e con lë Spirit Sant, un sol Dé, pr’ ij sécoj dij sécoj. Amen.

I.

Salm 66 – Crijé fòrt vòste làude a Nosgnor da tuta la tèra. Ant ël Salm 66, col ch’i lesoma ancheuj, i trovoma cola ch’i podrìo dì ch’a l’é la confession ëd fede del pòpol ëd Nosgnor. Ël pòpol dij chërdent a l’ha fiusa che Nosgnor a restera sèmper fedel al Pat ch’a l’ha stabilì con lor. Fin-a ant ël perìod che Nosgnor a-j sogeta a d’assion disciplinàrie, lor a arconòsso ‘d meritess-lo e soa fede ‘d lor a ven mai a manch. Fin-a an coj cas-lì Nosgnor a provëd ij mojen për fene amenda. Ël chërdent a peul sèmper fidesse an Chiel com a ‘n Pare amorèivol e giust.

1Crijé fòrt vòste làude a Nosgnor da tuta la tèra. 2Canté ‘d làude për la majestà ‘d sò nom. Dèje l’onor ch’as mérita! 3Dì a Nosgnor: “Lòn ch’it fas a l’é përdabon ampressionant! Për motiv ëd toa granda potensa, dëdnans ëd Ti ij tò nemis as fan cit për la tëmma. 4Tuta la tèra as buta an gënojon dëdnans a Ti e a canta toe làude. A canta ‘d làude a tò nom!  5Vnì, e sìe ij testimòni dl’amprèise ‘d Nosgnor! Lòn che chiel a fà an favor ëd sò pòpol a l’é përdabon ‘mpressionant! 

Për lesi tut. A i’é ëdcò la registrassion da scoté, con la musica! – Leggi tutto. C’è anche l’audio, con la musica!

La Bibia Piemontèisa – Leture bibliche për Dumìnica 10 Magg 2020 – Quinta duminica ‘d Pasca

Orassion: Nosgnor tut-potent! Conòsse Ti përdabon a l’é vita eterna! Acòrdane ‘d conòsse Tò Fieul ëd manera tant përfeta ch’a peussa esse për noi ël senté, la vrità e la vita, e che nojàutri i séguito Soe pianà arlongh la vìa ch’a mën-a a la vita eterna; për Gesù Crist, Tò Fieul, nòst Signor, ch’a viv e regna con Ti e con lë Spirit Sant, un sol Dé, pr’ ij sécoj dij sécoj. Amen.

Leture bìblicheAt 7:54-601 Pero 2:4-10Johannes 14:1-14Salm 31:1-5, 15-16
I.

I la trovoma soens ant ij Salm l’idèja ‘d na rocafòrt, na sitadela, d’un castel anté ch’as peul trovesse sosta da j’atach dël nemis. Për sò pòpol Nosgnor Dé a l’é l’arfugi ël pì sicur possìbil, la sosta da dovresse an tute j’ocasion e dzurtut quand che nòstra vita a l’é an privo. Ëd vòlte, contut, fin-a ‘l pòpol ëd Nosgnor a l’é tentà d’arcore mach a d’arsorse uman-e ch’as arveleran, tutun fàusse e sensa fòrsa com a lo son tùit j’idoj. Pregoma ancheuj con le paròle sugerìje da cost tòch dël Salm 31.1Nosgnor, i l’hai trovà na sosta an ti! Lassme maj confonde! Delivr-me: cola-lì a sarà toa arvangia! 2Scotme! Delivr-me an pressa! Sie ti mè protetor e arpàr, na fortëssa andoa ch’i peuda sté sicur! 3Ti’t ses mia rocafòrt e fortëssa! Delivr-me e compagn-me: toa reputassion a l’é an discussion! 4Tirme fòra da la rèj ch’a l’avìo stërmà për ciapeme, përché ti’t ses mia fòrsa. 5An toe man i dago an goerna mia vita. Ti ‘t ‘m delivrëras, o Nosgnor, përché ti ‘t ses un Dé fidel! […] 15It ses ti ch’it fisse ij termo ‘d mè destin. Delivr-me da la potensa dij mè nemis e da coj ch’am dan adòss. 16Sorid a tò sërvent! Delivr-me për motiv ëd toa fidelità!” (Salm 31:1-5, 15-16).
II. 

Ij cristian a selebro Stevo [San Ëstevo] coma ‘l prim màrtir, ël prim che, al pressi ‘d soa vita medésima, a l’ha nunsià ciàir e net, sensa tëmma, che Gesù ‘d Nasaret a l’é ‘l Messìa, ël Salvator dël mond, l’ùnich. Ël mond soens a së stopa j’orije e as buta a crijé mach për nen ësté a sente costa vrità incòmoda e a-j dà adòss a coj ch’a-j la diso. La vrità, contut, a podrà mai esse crasà. Scotoma, dal lìber dj’At dj’Apòstoj, la fin ëd la vicenda dë Stevo.

La lapidassion dë Stevo “54Quand ch’a l’han sentì tut lòn, a son anfiammasse ‘d rabia e a argrignavo ij dent contra ‘d chiel. 55Stevo, nopà, ch’a l’era pien dë Spìrit Sant e ch’a l’avìa j’euj fìssà al cél, a l’ha vëddù la glòria ‘d Nosgnor, e Gesù ch’a l’era a la drita ‘d Nosgnor. 56“Vardé-là” a l’ha dit, “i vëddo ij céj duvert e ‘l Fieul ëd l’Òm ch’a sta a la drita ‘d Nosgnor!”. 

Për lesi tut. A i’é ëdcò la registrassion da scoté, con la musica! – Leggi tutto. C’è anche l’audio, con la musica!

 

I privilegi e le responsabilità del cristiano (1 Pietro 2:2-10) – Secondo culto settimanale di maggio 2020

Domenica 10 Maggio 2020 – Quinta domenica di Pasqua

Preghiera: Dio onnipotente, che conoscerti veramente è la vita eterna: concedici di conoscere tuo Figlio Gesù Cristo così perfettamente per essere la via, la verità e la vita, in modo che possiamo seguire fermamente i suoi passi sulla via che conduce alla vita eterna; per Gesù Cristo tuo Figlio nostro Signore, che vive e regna con te, nell’unità dello Spirito Santo, un solo Dio, nei secoli dei secoli. Amen.

Letture bibliche: Atti 7:55-60; 1 Pietro 2:2-10; Giovanni 14:1-14; Salmo 31:1-5, 15-16

L’essere umano, creato ad immagine e somiglianza di Dio, porta in sé stesso, proprio per quella ragione, una grande dignità. Essa deve essere sempre onorata, conservata e protetta in qualunque circostanza. Ad averla disonorata, ferita e infangata, però, è la scelta umana di peccare contro Dio e contro la sua legge, buona, santa e giusta – di ribellarsi a Lui. Questa dignità il Salvatore Gesù Cristo, in chi si affida a Lui, Egli la restaura e gliela restituisce pienamente.

PER LEGGERE O ASCOLTARE TUTTO IL CULTO CLICCA QUI

Erano insensati e tardi di cuore, ma… (Luca 24:13-35) – Culto di Domenica 26 aprile 2020

Potrebbe Gesù stesso dire anche a noi di essere “insensati e tardi di cuore” quando non riconosciamo la sua presenza nella predicazione della Parola di Dio e nella celebrazione della Santa Cena? Ci confrontiamo oggi con il racconto dei due discepoli che camminano sulla via di Emmaus e ai quali appare Gesù risorto, come lo troviamo nel capitolo 24 del Vangelo secondo Luca. Prima ascoltiamolo, e poi faremo al riguardo qualche riflessione.
I due discepoli sulla via di Emmaus. “13In quello stesso giorno, due di loro se ne andavano verso un villaggio, di nome Emmaus, distante sessanta stadi da Gerusalemme. 14Ed essi parlavano tra loro di tutto quello che era accaduto. 15Or avvenne che, mentre parlavano e discorrevano insieme, Gesù stesso si accostò e si mise a camminare con loro. 16Ma i loro occhi erano impediti dal riconoscerlo. 17Egli disse loro: «Che discorsi sono questi che vi scambiate l’un l’altro, cammin facendo? E perché siete mesti?». 18E uno di loro, di nome Cleopa, rispondendo, gli disse: «Sei tu l’unico forestiero in Gerusalemme, che non conosca le cose che vi sono accadute in questi giorni?». 19Ed egli disse loro: «Quali?». Essi gli dissero: «Le cose di Gesù Nazareno, che era un profeta potente in opere e parole davanti a Dio e davanti a tutto il popolo.
PER LEGGERE O ASCOLTARE TUTTO IL CULTO CLICCA QUI

Se il mondo vi odia, sappiate che ha odiato me prima di voi. Se foste del mondo, il mondo amerebbe ciò che è suo; ma poiché non siete del mondo, ma io vi ho scelto dal mondo, perciò il mondo vi odia. Se hanno perseguitato me, perseguiteranno anche voi; se hanno osservato la mia parola, osserveranno anche la vostra.
(Giovanni 15:18-20)

Traduttore

Così dice l'Eterno: «Fermatevi sulle vie e guardate, e domandate dei sentieri antichi, dove sia la buona strada, e camminate in essa; così troverete riposo per le anime vostre». Ma essi rispondono: «Non cammineremo in essa».
(Geremia 6:16)

Link Consigliati

                 

Visitatori 2010 : 43.446

Visitatori 2011 : 81.694

Visitatori 2012(fino a al 13 Novembre) : 85.636

Statistiche visitatori dal 14-11-2012

  • 2397219Totale Visitatori:
  • 392Oggi:
  • 658Ieri:
  • 6237Ultimi 7 giorni:
  • 4120Questo mese:

Visitatori Online

Articoli Recenti