Nulla sia più forte della vostra fede

GIOSUÈ GIANAVELLO

Avere occhi che funzionano e non vedere (Giovanni 9) – Culto di Domenica 22 Marzo 2020

FORMATO BREVE CULTO

Avere occhi che funzionano e non vedere (Giovanni 9). Il motto dell’antica università di Oxford in Inghilterra è “Dominus Illuminatio Mea”, una frase in latino tratta dal primo versetto del Salmo 27 che dice: “Il Signore è mia luce e mia salvezza, di chi avrò paura?”. Testimonia dei principi cristiani sui quali era stata fondata quell’università. Gesù opera miracolosamente dando la vista ad un uomo che era nato cieco. I leader religiosi e politici di quel tempo si ostinavano a negare che il fatto fosse avvenuto e, soprattutto, pregiudizialmente, che Gesù fosse l’atteso Messia, il Salvatore del mondo. Erano inguaribilmente ciechi. C’è però chi, grazie a Dio apre gli occhi

———

Paolo Castellina

Per Facebook non si può dire che un pastore dovrebbe studiare

Strano. Un mio post su FaceBook che faceva conoscere un articolo sulle competenze che dovrebbe avere il conduttore di una comunità cristiana è stato segnalato e censurato come “non rispondente agli standard di FaceBook”. Chi l’ha segnalato? Un conduttore inetto ed incompetente che si è sentito offeso dagli standard proposti (che di fatto sono il curriculum di studi di una scuola di teologia)? Non c’è altra spiegazione.
Vedasi l’articolo “Studiare teologia” su: http://enciclopediateologica.pbworks.com/
———
Paolo Castellina

La Bibia Piemontèisa – Leture bibliche për Domìnica l’8 ëd Mars 2020 – Tersa domìnica ‘d Quarésima

Orassion: Nosgnor tut-potent, Ti’t sas ch’i l’oma gnun-a fòrsa an noi medésim për ess-ne d’agiut: guernane tant ant l’esterior ëd nòst còrp che ant l’interior ëd nòstra ànima, ch’i podoma trové protession da tùit ij sagrin ch’a peudrìo rivé al còrp e da tùit ij pensé malegn ch’a peudrìo taché nòstra ànima; për Gesù Crist, nòst Signor, ch’a viv e regna con Ti e con lë Spirit Sant, un sol Dé, ora e për sèmper. Amen.
Testament Vej: Surtìa 17:1-7
La marcia dël pòpol d’Israel da la s-ciavensa an Egìt anvers la tèra dla promëssa a l’é dura. Lor a l’han da confidesse ant le promësse ‘d Nosgnor e ant l’òm ch’a-j mnava anans, Mosè, fin-a l’ora che la situassion a smijava dësperà. Parèj, vàire vire lor a tombo ant la tentassion dla mancansa ‘d fede. Lolì as lo peul bin comprende, ma le promësse ‘d Nosgnor a falisso mai.
L’eva a Massa e a Merìba. L’antrega comunità dj’Israelita a marciava a tape dal Desert ëd Sin conforma j’istrussion ëd Nosgnor e a l’han butà ‘l camp a Refidim.

L’acqua fresca e pulita di un pozzo diverso dagli altri (Giovanni 4:5-42) – Culto di Domenica 15 Marzo 2020

L’acqua è essenziale alla vita, così come lo è ciò che realizza il Salvatore Gesù Cristo nel credente in Lui, che può soddisfare profondamente la vita umana.. La riflessione parlata e con musica (benché non sia più lunga di 30′) assume da oggi il formato di culto con la partecipazione di più voci.

———

Paolo Castellina

“Rimanete nelle vostre case fintanto che sia passato l’angelo della morte!”

Ecco una riflessione molto interessante CLICCA QUI

La salvezza viene dai Giudei

La Bibia Piemontèisa – Leture bibliche për Domìnica l’8 ëd Mars 2020 – Sconda domìnica ‘d Quarésima

Preghiera: Nosgnor! Toa glòria a l’é sèmper cola d’avèj misericòrdia. Sie misericordios anvers tuti coj ch’a son ëscartasse dai Tò senté e feje artorné con ëd cheur arpentì e con ëd fèj ferma a ambrassé e tense strèit a la vrità ch’a camgia mai ëd Toa Paròla, Gesù Crist, Tò Fieul; che con ti e con lë Spirit Sant, a viv e a regna, un sol Dé, pr’ ij sécoj dij sécoj. Amen.
Testament vej: Génesi 12:1-4
La figùra stòrica d’Abram a l’é considerà da la Bibia antrega coma ‘l protòtip ëd lòn ch’a veul dì esse ‘n chërdent, un model ëd fede e d’ubidiensa a la volontà arvelà ‘d Nosgnor. An costa conta i trovoma ‘l moment che Nosgnor a lo ciama a parte da sò pais con tut lòn ch’a l’ha, për ancaminesse për cola ch’i podrìo consideré l’aventura dla fede.
La vocassion d’Abram. Nosgnor a l’avìa dije a Abram: “Lassa tò pais, toa parentela e la famija ‘d tò pare, e vatne al pais che mi it mostrerai. It farai dventé na granda nassion. It benedirai e it rendrai famos. Ti midem it saras na benedission për vàire gent. I benedirai coj ch’at benediran e i maledirai coj ch’at malediran. Tute le famije dla tèra a saran benedìe për tò mojen”. Antlora Abram a l’é partì pròpi ‘me Nosgnor a l’avìa dije, e Lòt a l’é ‘ndàit con chiel. Abram a l’avìa stantesinch agn cand ch’a l’ha lassà Caran.

La necessità della rigenerazione (Giovanni 3:1-17) – Culto di Domenica 8 marzo 2020

Limitarci a vivere “secondo la carne” (è un’espressione biblica) è fare come i maiali che sguazzano nel fango e pure ne godono. Quello sta nella loro natura, e non puoi cambiarla. L’essere umano, però, era destinato a ben altro. Dante Alighieri fa dire ad Ulisse nel canto XXVI dell’Inferno nella sua “Divina Commedia”: “Fatti non foste a viver come bruti ma per seguir virtute e canoscenza”. Ulisse chiede cioè ai propri compagni di pensare alla propria origine: non sono stati creati per vivere come animali, ma per seguire la virtù e la conoscenza, per essere – diciamo noi – in consapevole e attiva comunione con Dio. E’ quanto il Salvatore Gesù Cristo dice a Nicodemo, che pure era un’intellettuale, ma che pareva non sapesse nulla della necessità della personale rigenerazione o rinascita. Ascoltiamone il racconto dal vangelo secondo Giovanni, capitolo 3.

———

Paolo Castellina

La Bibia Piemontèisa – Leture bibliche për Duminica 1 Mars 2020 – Prima dominica ‘d Quarésima

Orassion: Nosgnor tut-potent! Che Tò Fieul benedì a l’é stàit mnà da lë Spirit a d’esse tentà da Sàtana: Ven prest a giuté coj ch’a l’han da fé front a vàire tentassion; e che, dàit ch’it conòsse nòstra debolëssa, che ognidun ëd nojàutri a fasa l’esperiensa ch’it ses potent a salvé; për Gesù Crist, Tò Fieul, nòst Signor, ch’a viv e regna con Ti e con lë Spirit Sant, un sol Dé, ora e për sèmper. Amen.
Testament Vej: Génesi 2: 15-17; 3: 1-7
L’Esse uman a l’é la creatura la pì àuta ‘d tut lòn che Nosgnor a l’ha fàit, la cò dla creassion, ma a l’ha scotà lòn ch’a-j disìa l’aversari ‘d Nosgnor, Sàtana, e soe sedussion. Për lòn a l’ha degenerà e a l’é ancaminasse an sël senté dla përdission. Sto-sì a l’é ‘l racont dla croa dl’òm. L’òm ch’a càpita ambelessì as arpèt tùit ij dì ancora ancheuj.
Nosgnor Dé a l’ha ciapà l’òm e a l’ha butalo ‘nt ël vërzé dl’Eden parèj ch’a lo cudièissa e lo guernèissa. Peui Nosgnor Dé a l’ha comandaje: “Ti it peude bin mangé a tò gust la fruta ‘d minca erbo dël vërzé ma it l’has mach da nen mangé da l’erbo dla conossensa dël bin e dël mal, përché coma ch’ it na mange, bin sicur it meuireras. (…) Ora, ël serpent a l’era ‘l pì furb ëd tuti j’animaj servaj che Nosgnor Dé a l’avìa fàit. A-j dis a la fomna: “É-lo vera che Nosgnor a l’ha dit: ‘Vojàutri i peude nen mangé ij frut ëd j’erbo dël vërzé?'”. La fomna a rispond al serpent: “Sicur ch’i podoma mangé dij frut ëd j’erbo dël vërzé. A l’é mach al rësguard dël frut ëd l’erbo ch’a l’é ‘n mes al vërzé che Nosgnor a l’ha dit: ‘Vojàutri i l’eve nen da mangene e gnanca da tochene, dësnò i meuire”. Ël serpent a dis a la fomna: “A l’é nen vera ch’i peule meuire. A l’é mach che Nosgnor a sa bin che…

Sedotti e abbandonati (Matteo 4:1-11) – Culto di Domenica 1 Marzo 2020

Sedurre è considerato “un’arte”, qualcosa che si può apprendere. Non mancano i manuali che insegnano: “Come imparare l’arte della seduzione”. Non riguarda soltanto la seduzione a fini sessuali, che in negativo è anche detta “adescamento” (quello che fa l’amo con il pesce), ma anche la pubblicità commerciale o la propaganda politica. “Attirare a sé a fini non buoni” è il significato di fondo che meglio può descrivere il termine “tentazione”. Quali ne sono le caratteristiche e come la si può smascherare e respingere? La consideriamo oggi nell’episodio evangelico delle tentazioni di Cristo, come le troviamo in Matteo 4:1-11. Ascoltiamone prima di tutto il testo.

———
Paolo Castellina

Salmo 36

(La melodia è quella che l’innario francese usava per il salmo 68, “delle battaglie”, come tale usato dai Valdesi in guerrra.
Cantiamo insieme il Salmo 36
Del mio Signor la carità s’erge sovrana in ogni età sui vertici del mondo.
Ed i giudizi ch’egli dà nessun fra gli uomini potrà scrutare nel profondo.
All’universo fa saper la sua grandezza il suo poter sui popoli e le genti..
Dall’alta e provvida sua man la vita e il cibo sempre avran le stirpi dei viventi.
Quanto preziosa o sommo Re, è la divina tua mercè per l’alme a te fedeli! Se nell’angoscia e nel terror scampo cerchiamo in te ,Signor, il tuo poter ci sveli.
Spandi su noi la tua bontà, dissipa dubbi e oscurità che ognor ci fan cadere.
Dal popol tuo, che spera in te, con obbediente e lieta fè, si compia il tuo volere.

Se il mondo vi odia, sappiate che ha odiato me prima di voi. Se foste del mondo, il mondo amerebbe ciò che è suo; ma poiché non siete del mondo, ma io vi ho scelto dal mondo, perciò il mondo vi odia. Se hanno perseguitato me, perseguiteranno anche voi; se hanno osservato la mia parola, osserveranno anche la vostra.
(Giovanni 15:18-20)

Traduttore

Così dice l'Eterno: «Fermatevi sulle vie e guardate, e domandate dei sentieri antichi, dove sia la buona strada, e camminate in essa; così troverete riposo per le anime vostre». Ma essi rispondono: «Non cammineremo in essa».
(Geremia 6:16)

Link Consigliati

                 

Visitatori 2010 : 43.446

Visitatori 2011 : 81.694

Visitatori 2012(fino a al 13 Novembre) : 85.636

Statistiche visitatori dal 14-11-2012

  • 2391636Totale Visitatori:
  • 654Oggi:
  • 626Ieri:
  • 6647Ultimi 7 giorni:
  • 31735Questo mese:

Visitatori Online

Articoli Recenti