Nulla sia più forte della vostra fede

GIOSUÈ GIANAVELLO

ACCOGLIERE LA VITA, ACCOGLIERE GESÙ (LUCA 2:22-40) – CULTO DI DOMENICA 2 FEBBRAIO 2020

 PRESENTAZIONE DI GESÙ AL TEMPIO

Ogni creatura umana che viene generata e nasce è un dono di Dio che come tale va rispettato e della quale dobbiamo prendercene cura, perché è una creatura “fatta ad immagine e somiglianza di Dio”. Attraverso i secoli i cristiani hanno onorato questo principio non solo con I propri figli, ma anche salvando ed accogliendo i bimbi che i pagani abbandonavano perché loro sgraditi e che avrebbero ucciso. E’ con la stesso grande rispetto che Giuseppe e Maria, così, accolgono e si prendono cura di Gesù, bambino, che nasce ed è loro affidato, e non solo perché era un bimbo “speciale”, ma proprio perché, come credenti, intendevano vivere in armonia con Dio secondo la sua volontà rivelata. Maria e Giuseppe, infatti, si distinguono perché essi onorano diligentemente, per il loro piccolo Gesù, quanto stabilisce la legge che Dio ci ha trasmesso attraverso Mosè, cosa buona e giusta, data per il nostro bene. E’ quanto vediamo oggi nell’episodio evangelico che va sotto il nome di “la presentazione di Cristo al Tempio”. Leggiamone il testo come lo troviamo in Luca 2:22-40.
———
Paolo Castellina

 

Dalle tenebre alla luce (Matteo 4:12-23) – Culto di domenica 26 Gennaio 2020

Terza domenica dopo l’Epifania

Il mondo moderno si vanta di essere “figlio dell’Illuminismo” e quando noi rileviamo come la concezione giudeo-cristiana del mondo e della vita abbia dato un contributo fondante alla civiltà occidentale, di solito non manca mai chi lo contesta a viva voce rilevando “gli orrori” dei “secoli bui” dominati, a suo dire dallo “oscurantismo” della religione (ignorando naturalmente gli innumerevoli orrori causati dall’ideologia di cui essi si vantano). L’incoerenza di alcuni settori del cristianesimo storico e la negatività di certa religione, però, non pregiudica il fatto che solo il Signore e Salvatore Gesù Cristo è l’unica e vera “luce del mondo” e quindi di una vera civiltà “illuminata” ed umana. E’ quello che annuncia il testo biblico di questa domenica, Matteo 4:12-23.
———
Paolo Castellina

La Bibia Piemontèisa – Duminica 26 ‘d Gené 2020 – Tersa Duminica apress l’Epifanìa

Leture bìbliche: Isaìa 9:1-4; 1 Corint 1:10-18; Maté 4:12-23; Salm 27

Orassion

Nosgnor! Dane la grassia ‘d rësponde pront a l’apel ëd nòstr Salvator Gesù Crist, e ‘d nunsié a tuti la Bon-a Neuva dla salvëssa ch’a l’ha procurane, për che nojàutri e ‘l mond antregh a peussa rendse cont ëd la glòria ‘d soe euvre maravijose; ch’a viv e regna con ti e con lë Spirit Sant, un sol Dé, pr’ ij sécoj dij sécoj. Amen.

Testament Vej
Isaìa 9:1-4

Malgré tut lòn, col temp ëd top e ‘d disperassion a ‘ndrà pa anans për sèmper. La tèra ‘d Zebulon e ‘d Neftali a sarà umilià, ma a vnirà ‘l temp quand che la Galilèa dle Gent, ch’a sta arlong la strà ch’a va dal Giordan al mar, a sarà ‘nluminà ‘d glòria. La gent ch’a marcia ant ël top a vëdrà na lus granda…

Për lesi tut – LEGGI TUTTO

Pastor Pàul Castlin-a Proget Bibia piemontèisa

La Bibia Piemontèisa – Duminica 19 ‘d Gené 2020 – Sconda Duminica apress l’Epifanìa

Leture: Isaia 49:1-7; 1 Corint 1:1-9; Gioann 1:29-42; Salm 40:1-12

Orassion

Nosgnor tut-potent, dont nòst Salvator Gesù Crist a l’é la lus dël mond: Acòrda che tò pòpol, anluminà da Toa Paròla e dai Sacrament, a peuda bërluse con la radiansa dla glòria ‘d Crist; che Chiel a sìa conossù, adorà e scotà fin-a ai confin dla tèra; për Gesù Crist, che con Ti e con lë Spirit Sant a viv e regna, un sol Dé, ora e për sèmper. Amen.

Për lesi tut – LEGGI TUTTO

Pastor Paolo Castellina

 

Non si finisce mai di imparare (Giovanni 1:29-42) – Culto di domenica 19 gennaio 2020

Seconda domenica dopo l’Epifania
Capita talvolta di sentire esclamare: “Non si finisce mai di imparare”. Lo dice chi viene sorpreso da qualcosa che gli dà l’occasione di conoscere ciò che prima ignorava. La conoscenza, però, normalmente non ci casca addosso all’improvviso, ma è risultato dell’impegno diligente e perseverante a leggere, riflettere, studiare ed imparare.
Il testo dell’Evangelo che consideriamo quest’oggi parla dei discepoli di Giovanni il battezzatore che vengono accompagnati a riconoscere in Gesù l’unico, solo e vero Salvatore del mondo. Diversi di essi diventeranno, a loro volta, discepoli di Gesù, sapienza di Dio fattasi uomo e che li chiama a seguilo con fiducia. Potremmo noi esserne da meno?
Per le letture bibliche ora ho una valente collaboratrice: Audry Taschini, da Bergamo
———
Paolo Castellina

 

La United Methodist Church si divide sul matrimonio gay – Nascono i Traditional Methodists

La United Methodist Church è la più grande denominazione metodista del mondo. Raccoglie infatti oltre 12 degli 80 milioni di metodisti del pianeta, 6 milioni negli USA e 6 in altri 135 paesi.

Ebbene, i vertici della  Chiesa Metodista Unita hanno comunicato l’intenzione, dopo anni di lotte e contrasti sulla questine del matrimonio gay, di dividersi. La decisione andrà presa nella assemblea mondiale a maggio di quest’anno. Tale divisione, dicono è “il miglior modo di risolvere le nostre differenze, consentendo a ciascuna parte della Chiesa di rimanere fedele alla propia concezione teologica e allo stesso tempo riconoscendo la pari dignità e il rispetto per ogni persona.”

Il vescovo Kenneth Carter, presidente del consiglio dei vescovi della chiesa ha detto: “Mi sono sempre dedicato all’unità. Ma, alla lunga, non può essere unità a spese di qualcuno”.

Il piano di divisione ha ricevuto l’apprezzamento sia dei conservatori sia dei progressisti.

Nel febbraio scorso ci fu una conferenza mondiale sull’argomento. Due erano le posizioni ritenute prevalenti: dare alle 32mila chiese locali la scelta se celebrare o meno i matrimoni tra persone dello stesso sesso oppure semplicemnte consentirli in tutte. Sorprendendo la maggior parte degli osservatori, però, ha ampiamente prevalso la terza opzione: proibire i matrimoni gay e inasprire le sanzioni per chi le pratica.

Ha vinto le elezioni, ma… – Culto di domenica 12 gennaio 2020

(Matteo 3:13-17; Isaia 42:1-8)

Ha vinto le elezioni, ma i suoi avversari non ammettono la sconfitta… Dopo ogni elezione o referendum vi è il momento della proclamazione ufficiale dei vincitori. In quel momento i perdenti pure riconoscono la loro sconfitta e rendono onore al vincitore. E’ quello che si chiama “fair play” o gioco leale. Capita però non poche volte che gli sconfitti non accettino i risultati delle elezioni, li contestino e cerchino in tutte i modi di farle ripetere perché il risultato non piace loro. Cercano così la maniera di farle considerare illegittime o falsate, salvo poi in tutti i modi ostacolare il vincitore. Leggi tutto sul Blog di Paolo Castellina

Pastore Paolo Castellina

Resistere o fuggire? – Culto di Domenica 5 gennaio 2020

Resistere o fuggire? Accettare pazientemente o difendersi? (Matteo 2:13-23)
Domenica 5 gennaio 2020 – Seconda domenica dopo Natale
Oggi sta aumentando in modo esponenziale in tutto il mondo l’odio e le violenze contro ebrei e cristiani. Le forze che ne sono responsabili non si possono neanche più menzionare a causa di nuove leggi che, con pretesti vari, di fatto proteggono bugiardi e assassini. Com’è tipico per i bulli, i persecutori si fanno passare loro stessi per vittime! Non manca nemmeno, fra di noi, chi queste violenze le giustifica. Tutto questo non sorprende. Gesù stesso diceva: “Se il mondo vi odia, sappiate che prima di voi ha odiato me” (Giovanni 15:18).
L’odio verso il Dio vero e vivente e tutto ciò che lo riguarda, qualunque forma quest’odio assuma, è costante espressione di questo mondo decaduto e ribelle a Dio. Sarà il mondo a prevalere? E’ un povero illuso se lo crede. Sarà Dio ed il suo Regno a prevalere, a loro vergogna. Troviamo questo persino nei racconti evangelici dell’infanzia di Gesù, che consideriamo quest’oggi, nel capitolo 2 di Matteo.
Pastore Paolo Castellina

Paolo Castellina <paolocastellina@gmail.com>

2020 un anno di responsabilità e di anniversari per noi

Nel 2020 ogni giorno i credenti avranno la responsabilità di rispondere alla chiamata di Dio attraverso Gesù Cristo, il Messia. Noi veri valdesi abbiamo una responsabilità particolare per la nostra storia, per la fede e la perseveranza di chi ci ha preceduto.

Nel 2020 saranno

10 anni dalla nascita di valdesi.eu, il sito web dei valdesi che cercano di seguire le tracce dei padri e condividono per davvero la confessione di fede che tutt’ora i pastori sottoscrivono per poi contraddirla;

10 anni dall’approvazione da parte del Sinodo delle benedizioni alle coppie dello stesso sesso; da una intervista alla moderatora dell’epoca sappiamo che la Chiesa Valdese rischio la scissione delle comunità “etniche”, fatta rientrare non si sa come;

50 anni da quando ad Agape iniziarono i “campi ecumenici”, nei quali – lo dice la Fondazione Valdese – c’è stato l’incontro “con l’elaborazione del pensiero marxista di gruppi politici più liberi e minoritari spesso ai limiti dell’eresia”;

100 anni dal primo dei due soli incontri di rappresentanti di tutte le denominazioni evangeliche italiane;

125 anni dall’apertura dell’Asilo per Anziani di Luserna San Giovanni;

150 anni da quando, subito dopo la battaglia con cui Roma entrò a far parte del Regno d’Italia, un colportore valdese introdusse le sue bibbie nella città e il pastore Prochet vi tenne il primo culto in una stanza d’albergo

210 anni dalla nascita a Torre Pellice di Alexis Muston, pastore, medico  e storico valdese, autore di “Israël des Alpes”, la migliore storia valdese pubblicata, e dell’Inno “Le serment de Sibaud” sul celebre giuramento

310 anni dalla pubblicazione del libro di Henri Arnaud sul Glorioso Rimpatrio

330 anni dalla seconda fase del Glorioso Rimpatrio

331 anni dal Glorioso Rimpatrio

350 anni dalla morte a Leida del grande storico Valdese Jean Léger

365 anni dalle “Pasque Piemontesi”, il massacro dei Valdesi del Piemonte

370 anni dalla nascita di Guglielmo d’Orange, futuro Stadtholder delle Province Unite e re Guglielmo III d’Inghilterra, decisivo sostenitore del Glorioso Rimpatrio

459 anni dalle ripetute vittorie dei Valdesi del Piemonte contro le persecuzioni lanciate dal Duca di Savoia e terminate con la Pace di Cavour; nello stesso anno vengono annientati i Valdesi di Calabria

460 anni dalla stesura della prima confessione di fede valdese da parte del pastore Scipione Lentolo

460 anni dalla morte sul rogo a Roma del pastore Gian Luigi Pascale

460 anni dall’arrivo delle truppe ducali in Val Pellice con lo scopo di sopprimere il culto valdese

475 anni dal massacro dei Valdesi del Luberon, Francia

800 anni da quando gli Statuti di Pinerolo condannano a una multa di dieci soldi chi ospita un valdese

800 anni dalla Constitutio in Basilica Beati Petri dell’imperatore Federico II di Svevia in cui inasprisce le misure contro gli “eretici” tra cui i Leonisti, cioè i Valdesi

1988 anni (presumibilmente) dalla morte e risurrezione di Gesù

1990 anni dall’inizio della predicazione di Gesù

2021 anni dalla nascita di Gesù

3425 anni dall’Esodo del popolo d’Israele dall’Egitto e dalla consegna dei Dieci Comandamenti

4030 anni dalla vocazione di Abramo

Le parole non bastano: abbiamo bisogno di verbi! (Giovanni 1:1-18) – Culto di Domenica 29 dicembre 2019

Prima Domenica dopo Natale

Avete mai provato a fare un discorso cancellando da esso tutti I verbi? Diventa una successione di parole statiche, magari anche belle da contemplare, ma che non porta da nessuna parte… Quando il Dio vero e vivente si esprime Egli ti coinvolge con verbi. Quando Dio entra in questo mondo nella persona di Gesù, il Cristo, Egli non viene come “conferenziere”, ma come uomo che unisce sempre la parola all’azione. Ecco perché forse sarebbe meglio considerarlo non tanto come “Parola di Dio”, ma come “Verbo di Dio”. Dovremmo, con buona ragione, considerarlo così. Lo vediamo oggi dal prologo del vangelo secondo Giovanni.

Paolo Castellina <paolocastellina@gmail.com>


 

Se il mondo vi odia, sappiate che ha odiato me prima di voi. Se foste del mondo, il mondo amerebbe ciò che è suo; ma poiché non siete del mondo, ma io vi ho scelto dal mondo, perciò il mondo vi odia. Se hanno perseguitato me, perseguiteranno anche voi; se hanno osservato la mia parola, osserveranno anche la vostra.
(Giovanni 15:18-20)

Traduttore

Così dice l'Eterno: «Fermatevi sulle vie e guardate, e domandate dei sentieri antichi, dove sia la buona strada, e camminate in essa; così troverete riposo per le anime vostre». Ma essi rispondono: «Non cammineremo in essa».
(Geremia 6:16)

Link Consigliati

                 

Visitatori 2010 : 43.446

Visitatori 2011 : 81.694

Visitatori 2012(fino a al 13 Novembre) : 85.636

Statistiche visitatori dal 14-11-2012

  • 2321893Totale Visitatori:
  • 454Oggi:
  • 1181Ieri:
  • 10497Ultimi 7 giorni:
  • 35446Questo mese:

Visitatori Online

Articoli Recenti