Una lettera aperta di condanna da pastori evangelici canadesi a Justin Trudeau in favore del ristabilimento dei diritti civili violati

Mentre in Canada l’arcivescovo di Gatineau (nel Quebec) Paul-André Durocher attacca monsignor Carlo Maria Viganò per il suo sostegno alla protesta pacifica dei camionisti, i vescovi cattolici sono sempre più criticati per il loro silenzio e l’asservimento al regime. Ben diverso l’atteggiamento dei pastori evangelici che, in questo importante documento si oppongono alle misure tiranniche del governo riaffermando i diritti umani.

Carta intestata LCC.jpg

A:  il Presidente del Consiglio e il Governo Federale,

Vi scriviamo come pastori rappresentativi di comunità cristiane di tutta la nazione [canadese] e come cittadini rispettosi della legge che rispettano il ruolo definito da Dio del governo civile e sostengono la Carta canadese dei diritti e delle libertà, la più alta legge della nostra terra, che riconosce la supremazia di Dio su tutta la legislazione umana.  

Negli ultimi due anni, abbiamo cercato di far conoscere rispettosamente e pacificamente a tutti i livelli di governo la nostra profonda preoccupazione per la sospensione indefinita delle libertà civili, i mandati coercitivi e l’interferenza perpetua dello Stato nella vita, nella libertà e nel culto della Chiesa – libertà garantite sia dalla nostra tradizione ereditata di Common Law che dalla Carta. Abbiamo anche pregato sinceramente per le nostre autorità governative, ci siamo incontrati con loro, abbiamo scritto lettere e petizioni, ci siamo riuniti pacificamente per protestare con altri cittadini preoccupati e in alcuni casi abbiamo intentato causa. Abbiamo utilizzato ogni mezzo lecito a nostra disposizione per essere ascoltati e presi sul serio. Eppure, a ogni passo, siamo stati ampiamente ignorati, messi da parte, insultati e persino detto che non rappresentiamo in alcun modo i canadesi.

Nelle ultime settimane, il popolarissimo convoglio di camionisti contenente molti cristiani (compresi i pastori), ha catturato l’immaginazione non solo di questa nazione ma di altre nazioni in tutto il mondo, mettendo a nudo che ciò che abbiamo espresso e sostenuto per mesi è davvero rappresentativo delle preoccupazioni di milioni di canadesi ordinari che apprezzano la pace, la responsabilità personale e la libertà. La protesta di Ottawa ha offerto al vostro governo una meravigliosa opportunità per incontrare e parlare con i canadesi ordinari che richiedono legalmente e pacificamente il ripristino dei loro diritti costituzionali. Tuttavia, in risposta ai loro canti, preghiere, balli, zucchero filato, castelli gonfiabili, discorsi sulla costituzione e sfoghi di amore patriottico per il paese, il vostro governo non solo si è rifiutato di incontrare questi cittadini per ascoltare le loro preoccupazioni, ma avete insultato.

Come ambasciatori di Cristo, mentre rispettiamo il vostro ufficio di funzionario pubblico e onoriamo il ruolo limitato dell’autorità civile come ministero della giustizia pubblica, non esitiamo ad adempiere alla nostra responsabilità di servitori del Dio vivente ricordandovi senza scusarsi che Gesù Cristo è Signore e Re e capo dei re della terra. Egli insedia i re e fa cadere i potenti dai loro troni e nessuno può fermare la sua mano. Nelle parole delle stesse scritture incise sulla Torre della Pace a Ottawa e scritte nel nostro stemma nazionale:

Ora dunque, o re, siate savi; lasciatevi correggere, o giudici della terra. Servite l’Eterno con timore,
e gioite con tremore. Rendete omaggio al figlio, che talora l’Eterno non si adiri e voi non periate nella vostra via, perché d’un tratto l’ira sua può divampare. Beati tutti quelli che confidano in lui! (Sal 2: 10-12).

Signor Trudeau, con grande rispetto, lei non è né il re né il sovrano del Canada. Sia lei che i suoi colleghi siete funzionari pubblici inviati per un breve periodo al Parlamento per nostro volere come cittadini per governare sotto Dio nei termini della Carta canadese e per cercare un’armonia di interesse legale pubblico. Non concedi alle persone diritti e responsabilità che sono loro come portatori dell’immagine di Dio e popolo liberoDal momento che non li concedi , non hai l’autorità per rimuoverli. 

Il vostro governo non concede alle persone il diritto alla loro integrità fisica, il diritto a lavorare o guadagnarsi da vivere, il diritto di decidere per i propri figli o di stare con le loro famiglie o i propri cari morenti, il diritto di riunirsi per adorare e obbedire a Dio, il diritto di viaggiare nella propria terra o di entrare e uscire. Il governo civile esiste per proteggere queste libertà pre-politiche e fondamentali, non per elargirle e rimuoverle come se potesse funzionare al posto di Dio. 

In quanto tali, noi pastori cristiani condanniamo con la massima fermezza il vostro ricorso senza precedenti all’Emergency Powers Act (1988) con l’intento di esercitare un potere statale irresponsabile su cittadini pacifici – “uomini, donne e bambini” – che sono stati spogliati di loro libertà fondamentali per due anni e che in molti casi hanno perso tutto a causa dei mandati del vostro governo. Non esiste un’emergenza nazionale e invocarne una per reprimere il pacifico dissenso politico è un atto totalitario di repressione che mostra debolezza, non forzaQueste azioni tiranniche stanno esponendo questo governo e questo popolo al giudizio di Dio, e siamo profondamente preoccupati che tu non apprezzi il significato dell’ira di Dio su una nazione ribelle e senza legge.

Ti imploriamo di fare un passo indietro, di ripristinare le libertà costituzionali del popolo, di rispettare i diritti dati da Dio ai nostri cittadini e, soprattutto, di umiliarti e di inginocchiarti davanti a Cristo Re affinché tu non perisca nel modo in cui ti trovi. Vi esortiamo a pentirvi dei peccati di orgoglio, ribellione a Dio e falsa testimonianza. Non hai mostrato una cura e un amore fraterno per queste persone oneste e laboriose che hanno cercato di portare pacificamente alla tua attenzione le loro preoccupazioni molto serie.

La nostra speranza e preghiera per te e il tuo governo è che tu sollevi le misure di emergenza, metta fine a questi mandati illegali e promulghi giustizia per un popolo che ti ha eletto a tale scopo.

​”Egli signoreggerà da un mare all’altro, e dal fiume fino all’estremità della terra” (Salmi 72:8). 

Pro Rege

Rev. Dr. Joseph Boot, Rev. Dr. Michael Thiessen, Rev. Dr. Aaron Rock, Rev. Jacob Reaume, Rev. Nate Wright, Rev. Benjamin Hicks, Rev. Riley Toews, Rev. Chris Cousine, Rev. Joshua Enns, Rev. Alex Kloosterman, Rev. Dan Anderson, Rev. Scott Jacobsen, Rev. Steve Bainbridge, Rev. Trevor Stephens, Rev. Will Schuurman, Rev. Marty Elson, Rev. Greg Armstrong, Rev. Steve Richardson, Rev. Marcello Fracassi, Rev. Mark Reimer, Rev. Rene Pomerleau, Rev. Randy Frey, Rev. Tony Costa, Rev. Charles Van Hoffen, Rev. Eric Honsberger, Rev. Tyler Ellis, Rev. Tim Stephens, Rev. Andrew DeBartolo, Rev.  Tim Tysoe, Rev. James Coates, (etc.).

Per approfondimenti, vedasi: https://www.libertycoalitioncanada.com/

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*