linea_verde_spessa

“VALDESI E UNIONI GAY: DECISIONE ROZZA E CONTRADDITTORIA. CHIESA VALDESE AL MARASMA”

27 Agosto 2010 admin 0

 

“Sono riuscito a leggere il testo approvato dal Sinodo grazie a un sito gay, poiché al nostro sito dissidente è stato con tracotanza negato l’accesso alla seduta, mentre su quello della Chiesa Valdese ci sono solo titoli generici e in grande ritardo.
Nonostante gli appelli pacati e accorati alla prudenza, nonostante fino a poco tempo fa era ancora accreditata l’opinione che si sarebbe rinviata la decisione all’anno prossimo, si è imposta l’ala che fa delpolitically correct la propria Sacra Scrittura”.
Un’accelerazione fortemente voluta dalla Moderatora che, due giorni prima dell’apertura del Sinodo, aveva rilasciato un’intervista in cui – lei che è solo “organo amministrativo”, come dice il sito della Chiesa Valdese – prefigurava la decisione finale e anche i suoi tempi. Già solo questo sarebbe stato ragione sufficiente a decidere diversamente.Mentre il nostro annuncio a pagamento sul settimanale della Chiesa veniva invece affiancato da un pezzo affossatorio del direttore, molto vicino alla Moderatora, che sosteneva che persino le premesse dell’Appello erano insussistenti.
Siamo così giunti a una situazione paradossale: diamo il via libera alle benedizioni delle coppie gay, ma sulla famiglia resta in vigore un documento del 1971 totalmente rigoroso sulla visione di essa come formata da uomo e donna e fondata, ordinariamente, sulla procreazione. Ma è chiaro che le coppie gay vengono ammesse alla benedizione in quanto forma di famiglia – a meno che non si intenda introdurre la benedizione di qualsiasi cosa, dagli amici del bar alla squadra bocciofila. Una decisione perciò fortemente discutibile nel contenuto, ma certamente demenziale nella struttura dell’atto. E pensare che quest’anno il Sinodo è presieduto da un magistrato!

No Image

UN MESSAGGIO DI SOSTEGNO da Paolo Brancé

18 Agosto 2010 admin 0

Cari Fratelli,

mi rivolgo  a voi, piccolo, esiguo, “insignificante” gruppo di dissidenti che coraggiosamente fa sentire la sua voce nel deserto dei cuori di molti Valdesi che, oramai, sono così pregni di acume filosofico e di di raffinatezza teologica a tal punto di aver turato completamente le orecchie.

No Image

DALLA CHIESA VALDESE DI GINEVRA (CHE SI RIUNISCE NELL’ “AUDITOIRE DE CALVIN”) ci scrive Samuele Sieve

18 Agosto 2010 admin 0

Cari fratelli, sono d’accordo con voi e sottoscrivo pienamente al vostro appello, ma non mi faccio troppe illusioni sul risultato. Purtroppo la nostra chiesa valdese va alla deriva da troppi anni, seguendo : “… l’andazzo di questo mondo…”(Ef 2:2 ). Spero comunque che vi siano ancora dei credenti che pongono la Parola al disopra degli interessi della moda.

La differenza tra la Fede e il fanatismo sta nel dovere di non imporre agli altri quello che io considero giusto.

Ma la mia opinione non coinvolge la comunità, perché, come nella maggior parte delle chiese, non si parla di etica, di posizioni da assumere. Queste cose annoiano e recano un certo disagio, perciò si preferisce lasciare che altri decidano. Del resto il corpo pastorale è diviso, sia per quello che concerne l’omosessualità, che per la comunione ai bambini o per le posizioni politiche.

No Image

RICEVIAMO DA BARCELLONA (SPAGNA) CON PREGHIERA DI PUBBLICAZIONE QUESTA FORTE TESTIMONIANZA.

15 Agosto 2010 admin 0

CON UN APPELLO AI PASTORI: “SI ESPRIMANO CHIARAMENTE IN UNA MANIERA O NELL’ALTRA”

Carissime sorelle, carissimi fratelli nel Signore,
mi rallegro grandemente della vostra iniziativa. Da tempo noi tutti, evangelici italiani residenti in Spagna, aspettavamo un risveglio della chiesa valdo-metodista verso cui abbiamo un debito di riconoscenza, in particolare nei confronti delle passate generazioni per una fedeltà all’ Evangelo che assai spesso è giunta fino al martirio!
Purtroppo anche da noi in Spagna, assistiamo ad un’infiltrazione di teorie liberali e moderniste che inevitabilmente sono naufragate sui flutti di un esercizio del ministero i cui frutti non si sono lasciati attendere: