L’importanza della Dichiarazione di Warrenton

La Dichiarazione di Warrenton è stata scritta all’inizio del 2021 da un gruppo di chiese e leader cristiani di tutto lo spettro confessionale. Ha lo scopo di fornire i principi biblici in modo che ci possa essere chiarezza nella guida all’interno della chiesa. I primi firmatari provenivano da una varietà di nazioni. È stato firmato da molti cristiani e leader della chiesa, inclusi molti di varie denominazioni riformate e presbiteriane. Le verità esposte in questa dichiarazione applicano le verità della Confessione belga e della Confessione di fede di Westminster in un contesto contemporaneo mentre affrontiamo un mondo in rapido cambiamento. 

La struttura di base di questo documento comprende un preambolo, una dichiarazione sull’autorità civile e una dichiarazione sui mandati medici. Nella sua analisi dell’autorità civile e della salute pubblica cercano di comprendere questi problemi all’interno della totalità della Scrittura e della dottrina cristiana (non solo sola Scriptura ma anche tota Scriptura). Ciò includerebbe la questione di sviluppare una buona esegesi all’interno della regola della Scrittura (regulae Scripturae), affrontare questioni di libertà cristiana nel contesto dell’autorità e della sottomissione e affrontare i comandi diretti di Dio come il comando di presentarsi davanti a Lui nel culto. L’obiettivo è fornire chiarezza ai dirigenti della Chiesa sia nella dottrina che nella pratica.

Prima di iniziare ad analizzare le due parti di questa affermazione, voglio affermare che questo documento è scritto nello spirito dell’antica massima calvinista secondo cui Dio è l’unico che abbia un’autorità assoluta e ogni altra autorità è delegata da Lui. Per questo, ti incoraggio a leggere Giovanni Calvino, Kuyper e altri autori riformati più antichi. 

Nella Sezione I, Articoli 1-15, gli autori seguono il flusso dell’autorità. Cominciano con la Signoria di Gesù Cristo come base per un buon governo. La linea di argomentazione mi ricorda un sermone che ho letto di recente dal Prof. B. Holwerda delle Chiese Liberate nei Paesi Bassi alla fine degli anni ’40, dopo la seconda guerra mondiale. Lì sostenne che l’ascensione di Gesù Cristo ai cieli è la base di ogni buon governo. Ha anche definito il compito limitato del governo civile

Ciò che è importante in questa prima sezione è il termine “per conseguenza buona e necessaria”. Questo è fondamentalmente un modo per parlare di argomentare dalla Scrittura in modo che possiamo ora come vivere in un nuovo contesto. All’interno della Scrittura troviamo principi e linee guida su come vivere in un mondo pieno di peccato e miseria mentre rispondiamo in ringraziamento alla salvezza di Gesù Cristo. Quando apriamo le Scritture e le leggiamo nel loro contesto, lo Spirito è all’opera per aiutarci a conoscere meglio come vivere di fede in questo mondo. E ciò implica il ragionamento biblico sulle giurisdizioni o sfere di autorità che sono chiaramente stabilite all’interno della Scrittura. 

Fanno alcuni punti interessanti negli articoli 12-13 che non dovrebbero passare inosservati nel mezzo della scarsa esegesi biblica che oggi generalmente vediamo. Ciò che dovrebbe essere ricordato nel contesto di Romani 13 è che Nerone ei suoi capi non sarebbero stati contenti dei doveri assegnati da Dio e dei limiti del loro ufficio che sono esposti nel passaggio. Negherebbero di essere ministri di Dio. E quindi l’affermazione di Paolo è controculturale. È anche importante ricordare che in Giovanni 19:10-11 e Filippesi 2:1-11 che Gesù alla fine viveva in obbedienza alla volontà di Suo Padre.

Nella Sezione II, articoli 16-26, gli autori affrontano il ruolo della salute pubblica all’interno di queste sfere di autorità. Il fatto è che non vi sia posto nelle Scritture che conceda specificamente allo Stato un’autorità legale in materia di salute. È dubbio che ciò possa anche essere sostenuto da una conseguenza “buona e necessaria”, poiché è stato semplicemente affidato loro il compito di punire il male e premiare il bene come stabilito nei principi fondamentali dei 10 comandamenti (bene e male definiti da Dio e non dal governo).

Gran parte di quanto affermato qui è in armonia con gli articoli 25 e 32 della Confessione belga , nonché con i capitoli XIX, XX e XXI della Confessione di fede di Westminster. Naturalmente non traiamo le nostre dottrine dalle confessioni ma dalla stessa Parola di Dio. Ma è ancora bene sapere che questo insegnamento è coerente con l’insegnamento della Chiesa dei secoli. Come ha affermato anche il pensatore e scrittore cattolico romano GK Chesterton in armonia con l’ampiezza di questo insegnamento: “Se gli uomini non saranno governati dai Dieci Comandamenti, saranno governati dai diecimila comandamenti“.

Ciò che è importante qui in questa sezione è che si sforzino di presentare una lettura chiara della Legge di Dio senza intorbidire le acque. L’apostolo Paolo e Giacomo parlano entrambi di non forzarsi a una mera opinione l’uno sull’altro specialmente nell’assemblea e di vivere nell’armonia e nella pace dello Spirito (Romani 14, Giacomo 4). Va bene avere vari studi medici in una chiesa. Come mai? Perché troviamo la nostra unità in Cristo e nella sua Parola. Può lo Stato impegnare le coscienze anche in materia di “salute pubblica”? Sì. Come mai? Perché anche loro sono peccatori. Non hanno autorità assoluta. 

La cosa interessante di questa sezione è che mettono le questioni di salute principalmente nelle mani dell’autogoverno e del governo familiare e lo rimuovono dalla sfera della chiesa e/o dello stato. Ha senso nel contesto più ampio della Scrittura. Anche se non esiste un testo di prova specifico per questo, abbiamo già visto che non esiste un testo di prova per dimostrare che lo stato o la chiesa detengono l’autorità assoluta in materia di decisioni sanitarie private. Probabilmente, le questioni di salute sono meglio determinate dall’individuo o dalla singola famiglia in consultazione con i medici. E come sottolineano gli autori, anche questo non significa che la famiglia possa negare ai propri figli ogni intervento medico sulla base dell’argomento che mostra una mancanza di fede in Dio (1 Tim. 5,23). 

Questa è una prima affermazione poiché si trova all’inizio della discussione. Quindi c’è spazio per affinare sia l’argomento che l’esegesi. Potrebbe esserci un dibattito in particolare nell’area di Levitico 13 e Romani 13. Eppure, c’è molta saggezza qui: inclusa la saggezza biblica, storica, confessionale e pastorale racchiusa in questa breve dichiarazione. 

La mia preghiera è che questa affermazione possa portare chiarezza e luce biblica in tutto il fumo, gli specchi e la nebbia vorticosa del dibattito contemporaneo. La sua parola è una lampada ai nostri piedi e una luce sul nostro cammino.

Soprattutto la mia preghiera è che gli uomini e le donne di tutto il mondo, indipendentemente dal loro status, età o nazionalità, vengano a conoscenza dell’autorità gentile e buona di Gesù Cristo che è venuto per redimere gli uomini dal peccato e rinnovare anche l’uso dell’autorità terrena attraverso il potere del vangelo. È asceso al cielo. Regna su tutte le cose. La vera giustizia, misericordia e pace vengono da Lui.

Qui potete leggere la Dichiarazione di Warrenton.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*