\"NULLA SIA PIÙ FORTE DELLA VOSTRA FEDE\"

GIOSUÈ GIANAVELLO

“La chiesa valdese negli anni ’70 appoggiò la lotta armata” – Lo scrive una radio di estrema sinistra

Nel culto inaugurale di domenica 21, viagra 40mg dopo l’annunzio del perdono e prima delle letture bibliche che hanno preceduto la predicazione, cheapest il Sinodo Valdese ha ascoltato, in piedi come dice il foglio dell’Ordine del Culto per i momenti più solenni, la “Confessione di fede”. Bene! Non può che essere la confessione di fede del 1655, che tutti i pastori sottoscrivono al momento della consacrazione e che non è mai stata cambiata negli ultimi 361 anni, e peraltro ne ricalca altre del secolo precedente.

Invece no! Si tratta di tutt’altro. È la “confessione di fede” scritta da un “pastore e poeta” svizzero di nome Kurt Marti. Il pastore ovviamente non è valdese e la confessione non è mai stata discussa da nessun organo valdese, ma – nel progressivo e finora inarrestabile attacco alla vera confessione di fede – viene tranquillamente solennizzata nel momento più visibile e partecipato della vita valdese.

La vera confessione di fede viene sempre più relegata, in altre parole sconfessata, ovvero abiurata. Abbiamo già osservato come è stata subdolamente accantonata negli altri Sinodi nell’unica circostanza in cui ancora compariva: la consacrazione dei pastori:

- fino al 2011 la sottoscrizione della Confessione di Fede Valdese da parte dei pastori consacrati era menzionata nei comunicati;

- 2012 e 2013: la sottoscrizione non è più menzionata, tra gli adempimenti dei pastori consacrati;

- 2015: non viene menzionato alcun adempimento;

- 2016: non avviene alcuna consacrazione e durante il culto viene introdotta una nuova confessione di fede.

Per evitare di contaminarsi troppo, la Confessione è anche stata quasi occultata nel sito ufficiale della chiesa.

Quanto alla confessione solennemente letta nel culto sinodale, potrebbe essere oggetto di una analisi più ampia. Ma alcune cose emergono chiare da un testo ambiguo.

1)      Come essa stessa dice, non è quella apostolica, riconosciuta da gran parte di tutte

Dopo la nuova confessione di fede è questo il nuovo stemma?

delle chiese cristiane, a cominciare da quelle riformate, da quella cattolica, da molte chiese ortodosse.

2)      I primi quattro articoli della Confessione di Fede Valdese – insieme a molti altri – sono del tutto ignorati: sciocchezzuole come Trinità, Rivelazione, Sacra Scrittura, Lettura biblica.

3)      Gesù NON è Figlio di Dio, ma “il messia (minuscolo nel testo) dei tormentati e degli oppressi”, e – sia chiaro – “essere umano”.

4)      Gesù non è “morto per i nostri peccati” come dice la nostra confessione di fede nel titolo dell’articolo 14, ma “per avere annunciato il Regno di Dio”. Cioè, in coerenza con il bergoglianesimo, la colpa è “degli altri”, e i nostri peccati non c’entrano e sono tranquillamente perdonati, perché il perdono è un diritto, anche se non si sa perché.

5)      Lo “Spirito santo” è una sorta di “coscienza di classe” marxista o post-marxista.

6)      Per la pace sulla terra ha senso la vorare. Per altre cose, come la diffusione della Buona Novella, non si sa. Probabilmente no.

7)      Non si crede nella resurrezione, ma in un “compimento della vita oltre la nostra vita” cioè in uno scopo del tutto terreno, quella “pace per la quale ha senso la vorare”, che rappresenta un ideale socio-politico più grande delle nostre vite.

In un’epoca che vive all’insegna della “tolleranza” è difficile parlare di che cosa significhi essere “un vero cristiano”, healing perché ciascuno pretende di esserlo a modo suo e che il suo modo di essere cristiano sia perfettamente legittimo. A dir di molti, pharmacy oggi, “una fede vale l’altra” e nessuno avrebbe il diritto di “imporre sugli altri il proprio modo di credere”. Il testo biblico scelto per la nostra riflessione di quest’oggi indubbiamente ci mette tutti in crisi perché qui il Signore Gesù ci chiama a verificare la sostanza della nostra adesione a Lui in quanto cristiani. I termini che Egli usa sono molto radicali, tanto da mettere in seria questione il cristianesimo della maggior parte di noi che lo professiamo. Leggeremo e commenteremo, cosi, quanto troviamo nel vangelo secondo Luca, al capitolo 14 dal versetto 25 al 33.

4 Settembre 2016  - 16. Domenica dopo Pentecoste

Salmo da cantare: 139 [Or Tu conosci, mio Signor (Ginevrino); Signore, Tu mi conosci (Arpa)].

D/R del Catechismo di Heidelberg: Quarantesima Domenica

Testi biblici: Geremia 18:1-11; Salmi 139:1-5, 12-17; Filemone 1-21; Luca 14:25-33

Preghiera:  Signore. concedici di confidare in Te con tutto il cuore, affinché, come tu sempre opponi resistenza al superbo che confida nelle sue forze. così non abbandoni mai coloro che si gloriano nella Tua misericordia; per Gesù Cristo, nostro Signore, che vive e regna con Te e con lo Spirito Santo, un solo Dio, ora e per sempre. Amen.

Predicazione: Cristiani senza mezze misure (Luca 12:25-33).

Collegamenti:

———
Paolo Castellina

Una nostra lettrice, generic Michaela, visit this che ringraziamo, ci segnala un articolo del 23 agosto sul sito di Radio Blackout, una radio di estrema sinistra, nata nel 1992, ma evidentemente con radici ideologiche e storiche nei decenni precedenti. L’emittente è collegata a gruppi come la Pantera, di pochi anni prima, poi ai siti “okkupati” e ai centri sociali. Oggi è anche impegnata sul fronte dell’animalismo e della sessualità.

Si tratta di un articolo sul Sinodo Valdese, dal titolo <<Una chiesa “di sinistra”: in corso il sinodo annuale valdese>>. L’interesse non viene tanto dall’affermazione del titolo. Niente di strano: l’impegno politico della chiesa valdese degli ultimi decenni è notissimo e fu oggetto della petizione del 1976, quando oltre 3300 membri di chiesa lanciarono l’allarme su di essa chiedendo che ci si attenesse invece all’Evangelo. E se si entra nella contesa politica ci si schiera, e la scelta dei dirigenti valdesi a favore della sinistra è ben conosciuta.

No, il punto è questo passaggio dell’articolo: “la chiesa valdese si può 

La foto simbolo della lotta armata degli anni ’70: l’uomo con la pistola P38

considerare una sorta di ala sinistra del cristianesimo (negli anni settanta appoggiò in parte la lotta armata in Italia e in America del Sud)”.

Il concetto è ribadito anche

Estremisti esibiscono il “segno della P38″

nell’intervista a “Manfredo, che per esperienza diretta conosce bene il mondo valdese:”, nella stessa pagina, dove si sente che “negli anni settanta i Valdesi sono stati molto vicini alla scelta della lotta armata”. La cosa interessante è che Radio Blackout mostra di vedere la cosa positivamente, non si tratta di attacco o di maldicenza: proprio il contrario.

La “lotta armata” degli anni ’70, è quella delle Brigate Rosse, di Prima Linea, dei Nuclei Armati Proletari e di

Renato Curcio

altre formazioni terroristiche, che si sono macchiate di diverse decine di omicidi, sequestri di persona e numerosi altri reati.

Ci dovremmo attendere smentite da parte della dirigenza valdese. Certo, non è un mistero il legame di Renato Curcio, il leader storico delle Brigate Rosse,

Mara Cagol

con la Valpellice. In valle è molto diffusa l’opinione che nel periodo trascorso tra la sua liberazione dal carcere di Asti, ottenuta con un audace incursione della moglie Mara Cagol nel febbraio 1975 e il suo nuovo arresto l’anno seguente, l’abbia in gran parte trascorso a Villar Pellice. In precedenza, l’8 settembre 1974 era stato arrestato per la prima volta poco distante, a Pinerolo.

Ma un legame della chiesa valdese con il terrorismo non era mai stato menzionato in modo così esplicito, per di più da posizione di simpatia verso quella pagina della storia d’Italia.

Attendiamo smentite, chiarimenti. O vorranno far finta di niente, avvalorando quanto dice Radio Blackout?

One Response to ““La chiesa valdese negli anni ’70 appoggiò la lotta armata” – Lo scrive una radio di estrema sinistra”

  1. Michaela scrive:

    Il fatto che un partito politico italiano, seppur ininfluente, appoggi l’ISIS è piuttosto eclatante e andrebbe riportato. Si tratta del PMLI (Partito Marxista-Leninista Italiano).

Leave a Reply

*

Se il mondo vi odia, sappiate che ha odiato me prima di voi. Se foste del mondo, il mondo amerebbe ciò che è suo; ma poiché non siete del mondo, ma io vi ho scelto dal mondo, perciò il mondo vi odia. Se hanno perseguitato me, perseguiteranno anche voi; se hanno osservato la mia parola, osserveranno anche la vostra.
(Giovanni 15:18-20)

Traduttore

Così dice l'Eterno: «Fermatevi sulle vie e guardate, e domandate dei sentieri antichi, dove sia la buona strada, e camminate in essa; così troverete riposo per le anime vostre». Ma essi rispondono: «Non cammineremo in essa».
(Geremia 6:16)

Link Consigliati

                 

Visitatori 2010 : 43.446

Visitatori 2011 : 81.694

Visitatori 2012(fino a al 13 Novembre) : 85.636

Statistiche visitatori dal 14-11-2012

  • 1221165Totale Visitatori:
  • 1047Oggi:
  • 1011Ieri:
  • 8352Ultimi 7 giorni:
  • 27582Questo mese:

Visitatori Online

Articoli Recenti

博彩 屌丝 外围赌球网站 澳门葡京娱乐场 澳门赌博官网 澳门百家乐 申博娱乐官网