\"NULLA SIA PIÙ FORTE DELLA VOSTRA FEDE\"

GIOSUÈ GIANAVELLO

“… diventerai oggetto di stupore, di proverbio e di scherno…”

Stefano, advice che ha condotto il culto e predicato, scrive: “Devo dire che ho preparato il culto con semplicità di cuore e ho cercato che la sala, come la celebrazione stessa, fosse il più accogliente possibile. Ho pregato Dio che mi dia la forza e pace per fare quello che Lui voglia che si faccia. Non sono uno che sicuramente è alla altezza (…), sono soltanto un uomo che non ha nulla né chiede nulla, perché ha lasciato tutto e ha perso anche tanto nella vita, e mi trovo qui in questa valle con una visione nel cuore, facendo dei passi per fede ogni giorno, come Pietro quando cammina sulle acque, guardando Gesù e solo a Lui perché se guardo giù so che, come Pietro, sprofondo giù. Daniela nella sua preghiera disse: “Signore siamo qui siamo deboli ma siamo qui…”. Voglio essere debole allo sguardo di Dio ma forte nell’amore che ci sostiene uno al altro, allora quello mi rende forte e mi fa sentire in famiglia, quindi meno solo… Secondo me, come dissi a Sergio, il culto e stato un buon momento, anzi è stato di benedizione per la mia vita. Che la mia piccola Clara possa esprimere il suo amore verso Dio e sia apprezzata la sua azione sincera e genuina nel Lodare l’Eterno. Poi la comunione nel percorso del culto e stata secondo me sentita e guidata dallo Spirito del Signore …

Ogni giorno prego Dio per la testimonianza che possiamo dare come Sentieri Antichi Valdesi al mondo valdese, qui e nel mondo. Ci aiuti lo Spirito Santo: vorrei che fossimo meno puntigliosi e più ferventi. C’è tanto da fare, le anime si perdono nell’errore. Satana si muove come leone feroce adoperiamoci per lottare con le armi che Dio ci dà perché la

vittoria è sua e io sogno con gli occhi della fede in una Nuova Chiesa Valdese Riformata perché i tempi sono maturi e Cristo torna sulla terra …ma troverà fede? (…) Egli vuole usare noi. Se lui ci ha uniti allora ci guiderà. Io penso che – non essendo dei nostalgici di un passato che non torna ma eredi delle salde testimonianze di quel passato – in Cristo faremmo cose nuove e meravigliose poiché ciascuno mette in pratica il versetto dicendo: “NON MI CONFORMO A QUESTO SECOLO. Tutto cambia ma la sua PAROLA non cambia, a Lui sia la

Gloria amen. Grazie ancora a Daniela per il suo amore fraterno, alla sua bellissima famiglia, a Sergio e Costantino per la loro vicinanza e affetto. Questo è l’inizio di grande cose: ne sono certo. Grazie alle preghiere dei nostri fratelli lontani da noi geograficamente: sento anche il loro amore che ci unisce”.

Sempre a riguardo di questo culto, su Facebook, ci sono stati questi commenti: “Felicitazioni di cuore per la vostra iniziativa e che il Signore abbia benedetto il vostro culto!”; “È un buon e nuovo inizio! Gloria a Lui”; “Un bellissimo momento per cui ringraziamo assieme l’Eterno”. “Buon giorno del Signore!”; “Carissimi, benedizioni abbondanti per questo nuovo ministero che seppur giovane ha radici ben profonde! Preoccupatevi sempre del buon nome e dell’integrità del vangelo predicato! Che possiate correre sui binari della Parola e dello Spirito, senza dimenticare la buona radice. Vi seguo e prego per voi.”
Stefano, cure che ha condotto il culto e predicato, scrive: “Devo dire che ho preparato il culto con semplicità di cuore e ho cercato che la sala, come la celebrazione stessa, fosse il più accogliente possibile. Ho pregato Dio che mi dia la forza e pace per fare quello che Lui voglia che si faccia. Non sono uno che sicuramente è alla altezza (…), sono soltanto un uomo che non ha nulla né chiede nulla, perché ha lasciato tutto e ha perso anche tanto nella vita, e mi trovo qui in questa valle con una visione nel cuore, facendo dei passi per fede ogni giorno, come Pietro quando cammina sulle acque, guardando Gesù e solo a Lui perché se guardo giù so che, come Pietro, sprofondo giù. Daniela nella sua preghiera disse: “Signore siamo qui siamo deboli ma siamo qui…”. Voglio essere debole allo sguardo di Dio ma forte nell’amore che ci sostiene uno al altro, allora quello mi rende forte e mi fa sentire in famiglia, quindi meno solo… Secondo me, come dissi a Sergio, il culto e stato un buon momento, anzi è stato di benedizione per la mia vita. Che la mia piccola Clara possa esprimere il suo amore verso Dio e sia apprezzata la sua azione sincera e genuina nel Lodare l’Eterno. Poi la comunione nel percorso del culto e stata secondo me sentita e guidata dallo Spirito del Signore …

Ogni giorno prego Dio per la testimonianza che possiamo dare come Sentieri Antichi Valdesi al mondo valdese, qui e nel mondo. Ci aiuti lo Spirito Santo: vorrei che fossimo meno puntigliosi e più ferventi. C’è tanto da fare, le anime si perdono nell’errore. Satana si muove come leone feroce adoperiamoci per lottare con le armi che Dio ci dà perché la vittoria è sua e io sogno con gli occhi della fede in una Nuova Chiesa Valdese Riformata perché i tempi sono maturi e Cristo torna sulla terra …ma troverà fede? (…) Egli vuole usare noi. Se lui ci ha uniti allora ci guiderà. Io penso che – non essendo dei nostalgici di un passato che non torna ma eredi delle salde testimonianze di quel passato – in Cristo faremmo cose nuove e meravigliose poiché ciascuno mette in pratica il versetto dicendo: “NON MI CONFORMO A QUESTO SECOLO. Tutto cambia ma la sua PAROLA non cambia, a Lui sia la

Gloria amen. Grazie ancora a Daniela per il suo amore fraterno, alla sua bellissima famiglia, a Sergio e Costantino per la loro vicinanza e affetto. Questo è l’inizio di grande cose: ne sono certo. Grazie alle preghiere dei nostri fratelli lontani da noi geograficamente: sento anche il loro amore che ci unisce”.

Sempre a riguardo di questo culto, su Facebook, ci sono stati questi commenti: “Felicitazioni di cuore per la vostra iniziativa e che il Signore abbia benedetto il vostro culto!”; “È un buon e nuovo inizio! Gloria a Lui”; “Un bellissimo momento per cui ringraziamo assieme l’Eterno”. “Buon giorno del Signore!”; “Carissimi, benedizioni abbondanti per questo nuovo ministero che seppur giovane ha radici ben profonde! Preoccupatevi sempre del buon nome e dell’integrità del vangelo predicato! Che possiate correre sui binari della Parola e dello Spirito, senza dimenticare la buona radice. Vi seguo e prego per voi.”
Stefano, dosage che ha condotto il culto e predicato, pill scrive: “Devo dire che ho preparato il culto con semplicità di cuore e ho cercato che la sala, come la celebrazione stessa, fosse il più accogliente possibile. Ho pregato Dio che mi dia la forza e pace per fare quello che Lui voglia che si faccia. Non sono uno che sicuramente è alla altezza (…), sono soltanto un uomo che non ha nulla né chiede nulla, perché ha lasciato tutto e ha perso anche tanto nella vita, e mi trovo qui in questa valle con una visione nel cuore, facendo dei passi per fede ogni giorno, come Pietro quando cammina sulle acque, guardando Gesù e solo a Lui perché se guardo giù so che, come Pietro, sprofondo giù. Daniela nella sua preghiera disse: “Signore siamo qui siamo deboli ma siamo qui…”. Voglio essere debole allo sguardo di Dio ma forte nell’amore che ci sostiene uno al altro, allora quello mi rende forte e mi fa sentire in famiglia, quindi meno solo… Secondo me, come dissi a Sergio, il culto e stato un buon momento, anzi è stato di benedizione per la mia vita. Che la mia piccola Clara possa esprimere il suo amore verso Dio e sia apprezzata la sua azione sincera e genuina nel Lodare l’Eterno. Poi la comunione nel percorso del culto e stata secondo me sentita e guidata dallo Spirito del Signore …

Ogni giorno prego Dio per la testimonianza che possiamo dare come Sentieri Antichi Valdesi al mondo valdese, qui e nel mondo. Ci aiuti lo Spirito Santo: vorrei che fossimo meno puntigliosi e più ferventi. C’è tanto da fare, le anime si perdono nell’errore. Satana si muove come leone feroce adoperiamoci per lottare con le armi che Dio ci dà perché la vittoria è sua e io sogno con gli occhi della fede in una Nuova Chiesa Valdese Riformata perché i tempi sono maturi e Cristo torna sulla terra …ma troverà fede? (…) Egli vuole usare noi. Se lui ci ha uniti allora ci guiderà. Io penso che – non essendo dei nostalgici di un passato che non torna ma eredi delle salde testimonianze di quel passato – in Cristo faremmo cose nuove e meravigliose poiché ciascuno mette in pratica il versetto dicendo: “NON MI CONFORMO A QUESTO SECOLO. Tutto cambia ma la sua PAROLA non cambia, a Lui sia la

Gloria amen. Grazie ancora a Daniela per il suo amore fraterno, alla sua bellissima famiglia, a Sergio e Costantino per la loro vicinanza e affetto. Questo è l’inizio di grande cose: ne sono certo. Grazie alle preghiere dei nostri fratelli lontani da noi geograficamente: sento anche il loro amore che ci unisce”.

Sempre a riguardo di questo culto, su Facebook, ci sono stati questi commenti: “Felicitazioni di cuore per la vostra iniziativa e che il Signore abbia benedetto il vostro culto!”; “È un buon e nuovo inizio! Gloria a Lui”; “Un bellissimo momento per cui ringraziamo assieme l’Eterno”. “Buon giorno del Signore!”; “Carissimi, benedizioni abbondanti per questo nuovo ministero che seppur giovane ha radici ben profonde! Preoccupatevi sempre del buon nome e dell’integrità del vangelo predicato! Che possiate correre sui binari della Parola e dello Spirito, senza dimenticare la buona radice. Vi seguo e prego per voi.”
C’è grande preoccupazione per la piega che molti vorrebbero prendesse questo Sinodo cattolico sulla famiglia. Alcuni cardinali tra l’altro hanno scritto al Papa:

“Il collasso delle chiese protestanti liberali nell’epoca moderna, sales accelerato dal loro abbandono di elementi chiave della fede e della pratica cristiana in nome dell’adattamento pastorale, buy information pills giustifica una grande cautela nelle nostre discussioni sinodali.”
Luca Zacchi
Chi avrebbe mai pensato che le chiese protestanti potessero diventare, anche agli occhi di cardinali cattolici, un esempio evidente di abbandono di elementi chiave – aggiungiamo “biblici” – della fede? Succede oggi. Ma fu previsto più di tremila anni fa:
Ma se non ubbidisci alla voce dell’Eterno, il tuo DIO, per osservare con cura tutti i suoi comandamenti e tutti i suoi statuti che oggi ti prescrivo… diventerai oggetto di stupore, di proverbio e di scherno in mezzo a tutti i popoli” Deuteronomio 28:15 e 37.

Leave a Reply

*

Se il mondo vi odia, sappiate che ha odiato me prima di voi. Se foste del mondo, il mondo amerebbe ciò che è suo; ma poiché non siete del mondo, ma io vi ho scelto dal mondo, perciò il mondo vi odia. Se hanno perseguitato me, perseguiteranno anche voi; se hanno osservato la mia parola, osserveranno anche la vostra.
(Giovanni 15:18-20)

Traduttore

Così dice l'Eterno: «Fermatevi sulle vie e guardate, e domandate dei sentieri antichi, dove sia la buona strada, e camminate in essa; così troverete riposo per le anime vostre». Ma essi rispondono: «Non cammineremo in essa».
(Geremia 6:16)

Link Consigliati

                 

Visitatori 2010 : 43.446

Visitatori 2011 : 81.694

Visitatori 2012(fino a al 13 Novembre) : 85.636

Statistiche visitatori dal 14-11-2012

  • 2056556Totale Visitatori:
  • 146Oggi:
  • 935Ieri:
  • 5531Ultimi 7 giorni:
  • 18227Questo mese:

Visitatori Online

Articoli Recenti