Sinodo Valdese 2017. I due volti del sermone di apertura: fede e politica

Si è aperto il Sinodo Valdese 2017, con la consueta attenzione mediatica. La predicazione del culto inaugurale è stata affidata alla massima personalità teologica della chiesa valdese istituzionalizzata, il pastore e decano della Facoltà valdese di teologia prof. Fulvio Ferrario.

Nell‘articolo di Riforma dedicato al culto, vi è un ampio resoconto del suo sermone che appare come fortemente ed esclusivamente imperniato sul tema della conversione al “Dio reale e vicino”. Un sermone, dunque, “pietista”, parrebbe.

Ma il giornalista dell’Ansa, la più importante agenzia di notizie nazionale, deve aver evidentemente sentito un altro sermone perché il titolo del suo breve pezzo è “Sinodo, Vangelo è come guardia costiera”. Ovviamente questo sarà ciò che scriveranno i pochi giornali che si occuperanno del Sinodo, visto che l’operato della guardia costiera italiana e delle ong (organizzazioni non governative) rispetto ai migranti è l’argomento politico più caldo di questa estate e anche il più divisivo. Vero, tutti per ora su internet danno spazio quasi solo al messaggio che Bergoglio ha inviato al Sinodo, ma se diranno anche qualcosa su quanto espresso dai valdesi, l’equivalenza vangelo-guardia costiera sarà al centro di tutto, in chiave filo-governativa, o per meglio dire a sostegno di quella parte di governo particolarmente favorevole ai migranti. Ci sarà anche chi, legittimamente, trarrà l’ulteriore conseguenza: e cioè che “la guardia costiera è come il Vangelo” o, un passettino oltre, che “la guardia costiera è il Vangelo”.

E pensare che il prof. Ferrario si era mostrato scandalizzato perché nel nostro appello alla fedeltà alla confessione di fede noi dissidenti valdesi avevamo scritto che «da tempo la Chiesa Valdese, sola o insieme ad altre, impegna il proprio nome in iniziative, a volte anche lodevoli, almeno nelle intenzioni, che per la loro fallacia creano divisioni e non hanno nulla a che fare con ciò che essa deve essere». Ecco, se le nostre spiegazioni non erano sufficienti, ci ha pensato lui oggi a confermare la nostra affermazione.     

 

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*