Dichiarazione di Francoforte sulle libertà cristiane e civili  (Agosto 2022)

Un gruppo indipendente di Cristiani di tutto il mondo, ha rilasciato una dichiarazione contro i regimi totalitari globali. Questa Dichiarazione di Francoforte include autorevoli firmatari come il Dr. Voddie Baucham, Dr. John MacArthur, il Dottor Tom Buck, il Dr. James White e altri leader cristiani. I firmatari si identificano prevalentemente nella fede cristiana riformata. Il Pastore Tobias Riemenschneider è uno degli autori iniziali di questa Dichiarazione”. Il processo di mettere questa istruzione è iniziata nel Marzo 2021, quando Riemenschneider ha affermato: “Si sperava che i pastori provenienti da tutto il mondo in grado di produrre una “risposta completa a ciò che è accaduto durante il fenomeno del Covid.”

https://frankfurtdeclaration.com

INTRODUZIONE

Cristiani contro l’abuso di potere

Nel corso delle umane vicende a volte diventa necessario che le persone di buona fede si esprimano contro l’abuso di potere. Questo dovrebbe essere fatto solo dopo una seria deliberazione fatta in spirito di preghiera, e anche allora, in un atteggiamento di umiltà e nel rispetto delle autorità che sono state stabilite da Dio. Tale protesta dovrebbe essere espressa nella speranza che le autorità civili che si trovano a erodere i diritti e le libertà possano ancora adempiere alle loro responsabilità come loro legittimi suoi tutori.

Alcuni pastori preoccupati provenienti da diversi continenti, di fronte ad un emergente totalitarismo dello Stato in tutte le sfere della società, e in particolare della Chiesa, e dal disprezzo dei diritti dati da Dio e costituzionalmente garantiti durante la crisi del Covid, si sono uniti in una causa comune per creare un dichiarazione solenne, che cerca di affrontare queste minacce con le verità senza tempo della Parola di Dio. Le seguenti affermazioni e smentite, derivate dai principi biblici, le poniamo all’attenzione di tutti i cristiani e delle autorità competenti, nella speranza che questo documento dia luce e forza per la fedele testimonianza di Gesù Cristo ai nostri giorni.

[2 Samuele 12:1-14 ; Atti 4:24-29 ; Romani 13:1-7 ; 1 Pietro 2:13-14]

Articolo 1 – Dio Creatore come Supremo Legislatore e Giudice

Affermiamo che il Dio Uno e Trino – Padre, Figlio e Spirito Santo – è il Creatore personale di tutte le cose visibili e invisibili, il beato e unico Sovrano e il Legislatore ultimo di tutta la condotta umana. Crediamo che Egli abbia rivelato nelle Sacre Scritture e nella coscienza delle creature umane una moralità immutabile che è radicata nel Suo stesso carattere e che definisce la natura della condotta buona e cattiva per tutte le persone in ogni momento. In qualità di Legislatore, Dio ha stabilito un giorno in cui giudicherà il mondo con giustizia mediante un uomo, il Signore Gesù Cristo risorto.

Neghiamo quindi che la materia impersonale sia la realtà finale dietro tutte le cose e la convinzione che la condotta umana sia semplicemente un fenomeno biologico o sociologico. Poiché Dio è l’ultimo Legislatore e Giudice, neghiamo il diritto di qualsiasi autorità terrena di definire la moralità e richiedere l’obbedienza incondizionata dei loro cittadini quando contrari alla Sua legge. Abbiamo anche buoni motivi per mettere in discussione le dichiarazioni etiche e la visione morale dello Stato moderno poiché il loro umanesimo secolare e l’etica relativistica non hanno basi trascendenti per il comportamento o la moralità umana.

[Genesi 1:1; 2:15-17; Esodo 1:17; 20:1-17; Giosuè 2:3-6; Salmi 9:7-8; Daniele 6:11; Michea 6:8; Matteo 28:19; Atti 4:19; 5:29; 9:25; 12:17; 17:31; Romani 1:32; 2:14-16; 11:36; Colossesi 1:16; 1 Timoteo 1:17; 6:15-16; 2 Timoteo 3:16-17; Ebrei 11:3; Giacomo; Apocalisse 4:11].

Articolo 2 – Dio come fonte di verità e ruolo della scienza

Affermiamo che Dio, il Creatore, è la Verità e che quindi la verità oggettiva esiste e può essere derivata dalla Sua rivelazione nella Scrittura e nella natura, e da tutti i fatti che possono essere credibili e verificati. Sosteniamo la scienza che cerca di scoprire, attraverso il metodo scientifico e il dibattito, le verità che Dio ha incorporato nel mondo naturale. Affermiamo anche i limiti della scienza, compresa la sua incapacità di parlare in modo autorevole su aree al di fuori della sua competenza e la sua propensione e che erra quando mancano i dati. Poiché l’uomo è caduto nel peccato, affermiamo inoltre che tutti i suoi pensieri, deduzioni e le istituzioni contengono gradi di corruzione che tendono a distorcere, manipolare o sopprimere la verità.

Neghiamo quindi che i governi umani siano moralmente e ideologicamente neutrali e sempre sappiamo o cercare ciò che è bene per i loro cittadini e che la loro narrativa debba essere accettataincondizionatamente con fiducia. Rifiutiamo qualsiasi inganno, allarmismo, propaganda e indottrinamento da parte dello Stato e dei mass media e tutti i rapporti su questioni critiche del mondo che siano prematuri, selettivi, o ideologicamente manipolativi. Rifiutiamo ulteriormente le affermazioni di qualsiasi cosiddetto “scientifico consenso” che abbandoni il metodo scientifico e ignori o sopprima le preoccupazioni di voci dissidenti. Allo stesso modo respingiamo lo scientismo poiché, anche quando le scoperte scientifiche siano corrette e descrivano un fenomeno particolare, non possono affrontare adeguatamente e normativamente complesse realtà sociali o prescrivere politiche che abbiano implicazioni etiche.

[Genesi 6:5; Salmi 19:1-8; 31:6; 119:160; Ecclesiaste 7:29; Giovanni 3:33; 14:6; 16:13; 17:17; Romani 1:18-20; 2 Corinzi 4:2; Efesini 2:3; 1 Timoteo 3:15; 2 Timoteo 3:16-17; Giacomo 2:9; Apocalisse 13:11-15].

Articolo 3 – L’essere umano come immagine di Dio

Affermiamo che ogni essere umano è creato ad immagine e somiglianza di Dio (imago Dei) e quindi ha dignità e valore intrinseci, insieme a certi diritti e libertà inalienabili requisiti per una vita umana corretta. Questi diritti e libertà includono il diritto al culto comunitario, relazioni personali e inter-personali, impieghi professionali e partecipazione ad eventi importanti della vita umana come il diritto a consolare i malati e i moribondi (soprattutto della propria famiglia), assistere a funerali, assistere alla nascita di un figlio, sposarsi in pubblico, radunarsi, condividere e mangiare insieme con gli altri e impegnarsi in un lavoro onorevole. Noi affermiamo pure che i governi dovrebbero riconoscere che ogni individuo è responsabile del proprio benessere fisico e dovrebbe proteggere il diritto all’autodeterminazione medica personale.

Neghiamo quindi le azioni disumanizzanti di un’autorità governativa o di qualsiasi altro istituto di sottoporre qualsiasi persona a manipolazioni e intimidazioni psicologiche. Ciò comprende fomentare il sospetto degli altri dipingendoli come potenziali minacce per il comune e bene individuale. Allo stesso modo ci opponiamo all’imposizione da parte dello Stato di decisioni mediche per i suoi cittadini, e la criminalizzazione, la segregazione forzata, l’impotenza professionale e qualsiasi altra privazione dei diritti delle persone che scelgano di non rispettare le cure mediche del proprio governo politico.

Rifiutiamo quindi ogni forma di coercizione medica e qualsiasi restrizione sulle libertà individuali per le persone che non siano infette da malattie contagiose e pericolose per la vita; questo include l’implementazione di pass per i vaccini, l’allontanamento sociale o l’uso di maschere in generale come prerequisito per l’accesso ai luoghi pubblici o per la partecipazione al lavoro o alla vita sociale.

Tendenze globali verso il transumanesimo e la sorveglianza tecnologica e il controllo sugli esseri umani anche noi ci opponiamo poiché minano l’azione umana che è così fondamentale per il nostro Dio dato chiamata a vivere come portatori della sua immagine.

[Genesi 1:26-28; 2:24; 9:6; Esodo 20:9; Daniele 3:1-30;  Matteo 25:31-40; 1 Corinzi 6:12-20; 1 Tessalonicesi 4:11-12; Giacomo 3:9; 5:14-15; Apocalisse 13:16-17].

Articolo 4 – Mandati e limiti imposti da Dio alle autorità

Affermiamo che tutte le autorità terrene traggono la loro autorità (“il diritto all’obbedienza”) da Dio, che è sopra tutti e al quale tutti devono rendere conto. Crediamo che abbia stabilito le loro diverse sfere di responsabilità (cioè i mandati) e così facendo ha posto dei limiti alle loro autorità. Dio ha delegato l’autorità ai governi civili allo scopo di ricompensare il bene e punire il male e proteggere i diritti e le libertà dati da Dio concessi a tutte le persone. Lui ha anche delegato alla Chiesa l’autorità nelle sue varie espressioni, in particolare per fare discepoli di tutte le nazioni predicando la Parola di Dio, e per stabilire e amministrare comunità di fede redente che vivono sotto l’autorità di Cristo. Inoltre, ha delegato l’autorità alla famiglia come unità fondamentale della società al fine di promuovere la coesione sociale e fedeltà sessuale, e per proteggere, provvedere, allevare ed educare i bambini nel modo del Signore. Affermiamo il nostro diritto di cittadini, genitori e cristiani di autodeterminare liberamente le nostre convinzioni e comportamenti basati su queste verità.

Neghiamo quindi le ideologie totalitarie dei governi che non riconoscono le confini della loro autorità e usurpano l’autorità delegata da Dio alla Chiesa o alla famiglia. In particolare, respingiamo la tendenza dei governi a centralizzare credenze e comportamenti per i loro cittadini creando una società autoritaria in cui lo Stato è assoluto. Tale totalitarismo e lo statalismo si basano su credenze che hanno fondamentalmente ridefinito il bene e il male e la natura degli esseri umani, e sono contrarie all’ordine divino delle cose. L’effetto di tali convinzioni servono a schiavizzare le libertà individuali e religiose e generare un’ideologia intollerante che cerca di mettere a tacere, cancellare e rieducare coloro che non siano d’accordo. Ci opponiamo anche noi all’idea che i bambini siano proprietà dello Stato e quindi soggetti ad essere indottrinati, e anche qualsiasi incoraggiamento o manipolazione dei bambini a sottoporsi a procedure mediche senza consenso dei loro genitori.

[Deuteronomio 6:6-7; Matteo 22:20-21; 28:18-19; Giovanni 17:14; Romani 12:1-2; 13:1-7; Efesini 5:21-6:4; Fiippesi 2:14-16; Colossesi 3:18-20; 1 Timoteo 2:1-2; Ebrei 13:17; 1 Pietro 2:13-14; 4:15; Apocalisse 13:7-8].

Articolo 5 – Cristo Capo della Chiesa

Affermiamo che la Chiesa del Signore Gesù Cristo gli appartiene perché redenta al costo della sua vita e che deve rendere conto a Lui solo in tutte le questioni di fede e di pratica. Crediamo che Cristo comandi di dare a Cesare (cioè all’autorità civile) ciò che appartiene a Cesare e a Dio ciò che appartiene a Dio stabilendo così l’indipendenza funzionale della Chiesa dallo Stato. Noi crediamo che Cristo, che è Signore su tutto, chiami tutti senza distinzione di sorta a liberamente e

riunirsi regolarmente nel Suo Nome in comunità locali per cercarLo e servirLo in verità e amore. Affermiamo inoltre che le attività della Chiesa locale in quanto atti essenziali del culto debbano essere regolate da Cristo solo.

Neghiamo quindi che qualsiasi altra autorità abbia giurisdizione sulla Chiesa per regolamentare qualsiasi dei suoi affari in materia di fede e di pratica, o di relegare le sue attività a uno status non essenziale. Rifiutiamo così tutte le azioni dello Stato che impongano misure coercitive sulla Chiesa intese a criminalizzare, inibire o regolare le sue attività che siano intraprese come atti di servizio verso il suo Signore. Infine, resistiamo alla tendenza delle piattaforme digitali nel culto cristiano e ministero di diventare sostituti del ministero nell’ambito di una comunità e personale – essenziali per la nostra fede.

[Matteo 18:20; 22:21; Atti 5:28-29; 10:36; 20:28; Romani 13:6-7; 1 Corinzi 12:12-13; 2 Corimzi 4:5; 5:10; Efesini 1:20b-23; 3:20; 4:15-16; Colossesi 1:27; 1 Timoteo 6:3-5; Ebrei 10:24-25; Apocalisse 5:9].

CONCLUSIONE

Invito al rispetto, al ravvedimento e alla resistenza

Lodiamo ed esprimiamo la nostra gratitudine a quelle autorità civili che rispettano la natura essenziale di queste credenze e pratiche cristiane e che hanno un’alta considerazione per le libertà individuali e religiose. A quelle autorità civili che hanno ignorato queste libertà, le invitiamo a ravvedersi e a ridiventare i protettori della libertà e dei diritti che Dio ha dato a tutti gli esseri umani, affinché nell’abuso della loro autorità data da Dio, diventino responsabili per sfuggire così all’ira di Dio. A coloro che desiderano costringerci a obbedire allo Stato secolare piuttosto che a Dio, diciamo rispettosamente, ma con fermezza (come i tre ebrei che rifiutarono di adorare la statua d’oro di Nabucodonosor): “Noi non abbiam bisogno di darti risposta su questo. Ecco, il nostro Dio che noi serviamo, è potente da liberarci, e ci libererà dalla fornace del fuoco ardente, e dalla tua mano, o re. Se no, sappi o re, che noi non serviremo i tuoi dèi e non adoreremo la statua d’oro che tu hai eretto” (Daniele 3:16-18).

Ai nostri fratelli e sorelle in Cristo nel mondo diciamo: “Sii forte e fatti animo; non ti spaventare e non ti sgomentare, perché l’Eterno, il tuo Dio, sarà teco dovunque andrai” (Giosué 1:9). Sembra che il mondo stia entrando in un momento di prova, non solo per la Chiesa, ma per tutti coloro che credono nella libertà e si oppongono alla tirannia. Sosteniamo coloro che sono in difficoltà, arrestati o isolati con la forza perché hanno scelto di fare ciò che è giusto. Restiamo solidali con coloro le cui chiese sono chiuse con la forza o che sono esiliati dalle loro congregazioni. Aiutiamo e sosteniamo concretamente coloro che sono multati o devono rinunciare al lavoro per amore di Cristo. E chiediamo ai nostri fratelli e sorelle che hanno vissuto tutta la vita sotto la persecuzione di pregare per noi, che Dio ci dia la grazia di benedire coloro che ci perseguitano e di pregare per loro; che Dio ci dia il coraggio di rimanere saldi nella nostra fede come Suoi testimoni; e che Lui, che è il Signore su tutto, ci darebbe la forza di rimanere fedeli e perseverare fino alla fine. Amen.

[2 Samuele 12:1-14 ; Daniele 5:22-23; Matteo 24:12-13; 1 Corinzi 16:13-14; Efesini 5:10-13].

Qui un’intervista all’autore iniziale: https://youtu.be/MB0geyi8Q70

I firmatari iniziali possono essere trovati a questo indirizzo.

Altre dichiarazioni evangeliche:  https://www.tempodiriforma.it/mw/index.php?title=Istruzioni_e_Dichiarazioni

1 Commento

  1. Da una dichiarazione di questo spessore autorevole, capisco come Dio stesso abbia potuto dichiarare, nel libro del profeta Daniele, che il popolo dei santi saranno degni e avranno il regno che sono sotto tutti i cieli.
    “Allora il regno, il potere e la grandezza dei regni che sono sotto tutti i cieli saranno dati al popolo dei santi dell’Altissimo; il suo regno è un regno eterno, e tutte le potenze lo serviranno e gli ubbidiranno” (Daniele cap.7 v.27)

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*