Nulla sia più forte della vostra fede

GIOSUÈ GIANAVELLO

Ramificare il Vangelo (Marco 4,26-34)

Dal Vangelo di Gesù Cristo secondo Marco 4, 26-34.

Diceva: «Il regno di Dio è come un uomo che getta il seme nella terra; 
dorma o vegli, di notte o di giorno, il seme germoglia e cresce; come, egli stesso non lo sa.
Poiché la terra produce spontaneamente, prima lo stelo, poi la spiga, poi il chicco pieno nella spiga. 
Quando il frutto è pronto, subito si mette mano alla falce, perché è venuta la mietitura». 
Diceva: «A che cosa possiamo paragonare il regno di Dio o con quale parabola possiamo descriverlo? 
Esso è come un granellino di senapa che, quando viene seminato per terra, è il più piccolo di tutti semi che sono sulla terra; 
ma appena seminato cresce e diviene più grande di tutti gli ortaggi e fa rami tanto grandi che gli uccelli del cielo possono ripararsi alla sua ombra».
Con molte parabole di questo genere annunziava loro la parola secondo quello che potevano intendere. 
Senza parabole non parlava loro; ma in privato, ai suoi discepoli, spiegava ogni cosa.

Ho letto più volte, ed ho sempre trovato molto bella, questa predicazione di Gregorio Magno su Gesù che è il granello di senapa della parabola, che nonostante l’ostilità degli uomini ed il loro peccato cresce fino a diventare il più grande albero su tutta la terra. Una immagine della Croce, l’albero della vita, che oltre a ricongiuncerci con il Padre con il suo palo, il suo braccio verticale, ci rende capaci, prolungando e moltiplicando i suoi bracci orizzontali con la Parola predicata, di adempiere alla promessa fatta al Cristo, al suo mandato, di essergli testimoni in tutto al mondo, ogni giorno, fino agli estremi confini della terra.

Testimoni della Parola, il compito di ogni predicatore del Vangelo, dal più umile al più capace. Perciò, personalmente, soffro quando vedo pastori e predicatori che di tutto parlano fuorchè della Parola di Dio, e, più ancora, strumentalizzano la Parola di Dio per renderla accetta a quello stesso mondo che l’ha rigettata a crocifissa!

Invece di aiutare la Chiesa, l’insieme dei rami che si allargano sul mondo, a crescere, così facendo essi ribattono i chiodi come chi vuole che il Cristo rimanga sulla croce, come una bella figurina da venerare, come un fumetto sempre uguale a se stesso, con sottoscritta una didascalia, “Amore” che nulla cambia e nulla finisce per significare. Perchè un Cristo inchiodato alla Croce non cambia la vita del mondo, perchè una figurina incollata all’album può esser vista dal proprietario e da pochi altri.

Invece il Cristo è un albero, un albero che cresce con la Sua Chiesa,  rami che si allargano a coprire il mondo, perchè come tutta la Creazione è opera del Padre, così tutta la Creazione è interessata dalla Redenzione del Figlio, tutta la Creazione soffre e geme in attesa di essere liberata dall’Evangelo. Ogni creatura è uno di quegli uccelli che cerca riparo tra le fronde e le foglie dell’albero della vita rinato e risorto.

Il Cristo è un albero che porta la salvezza, attraverso la forza, inconcepibile per il mondo, della Croce che ramifica la salvezza ad ogni uomo. Predicare il Cristo è il nostro compito, ognuno nel modo che più gli è proprio ed in cui è più capace, ma cercando costantemente di migliorarsi, di sforzarsi, nella conoscenza della Scrittura ed anche nelle tecniche di predicazione, perchè il messaggio sia il più efficace possibile. Proprio come fanno i rami degli alberi, capaci di torcersi, di mutare forma ma sempre alla ricerca della luce e dell’acqua.

La luce della Parola, l’acqua dello Spirito.

Luca Zacchi

Leave a Reply

Se il mondo vi odia, sappiate che ha odiato me prima di voi. Se foste del mondo, il mondo amerebbe ciò che è suo; ma poiché non siete del mondo, ma io vi ho scelto dal mondo, perciò il mondo vi odia. Se hanno perseguitato me, perseguiteranno anche voi; se hanno osservato la mia parola, osserveranno anche la vostra.
(Giovanni 15:18-20)

Traduttore

Così dice l'Eterno: «Fermatevi sulle vie e guardate, e domandate dei sentieri antichi, dove sia la buona strada, e camminate in essa; così troverete riposo per le anime vostre». Ma essi rispondono: «Non cammineremo in essa».
(Geremia 6:16)

Link Consigliati

                 

Visitatori 2010 : 43.446

Visitatori 2011 : 81.694

Visitatori 2012(fino a al 13 Novembre) : 85.636

Statistiche visitatori dal 14-11-2012

  • 2177495Totale Visitatori:
  • 531Oggi:
  • 1125Ieri:
  • 8753Ultimi 7 giorni:
  • 6502Questo mese:

Visitatori Online

Articoli Recenti