Nulla sia più forte della vostra fede

GIOSUÈ GIANAVELLO

Dio perdona …io no! (Matteo 18:21-35) – Culto di domenica 13 settembre 2020

Quindicesima Domenica dopo Pentecoste

Letture bibliche: Salmo 114; Esodo 14:19-31; Romani 14:1-12; Matteo 18:21-35

“Dio perdona …io no” è il titolo di un vecchio film western che mette in evidenza persone che “si fanno giustizia da sole” e si vendicano di torti subiti. Ci sono cristiani che seppure non si vendicano per veri o presunti torti subiti, reagiscono in modi difficilmente compatibili con l’insegnamento biblico. Oggi esaminiamo la parabola evangelica del creditore spietato in Matteo 18.

Sono ancora oggi disponibili, soprattutto sul web, vecchi film western prodotti in Italia, i cosiddetti “spaghetti western”, che sono diventati ormai dei “classici” nel loro genere. Storie spesso violente (la violenza nei film, come il sesso, diverte e intrattiene l’umanità decaduta…), rappresentavano criminali, difensori della giustizia ed eroi che bene illustravano i contrastanti sentimenti umani di cui spesso erano parabole. Mi ricordo film come: “Sartana non perdona” (1968), oppure quello precedente che aveva per protagonisti gli italianissimi Bud Spencer e Terence Hill, con “Dio perdona …io no” (1967), e di cui avevano fatto la parodia Franco Franchi e Ciccio ingrassia con “Ciccio perdona, io no!” (1968).

In effetti ci sono tanti anche in mezzo a noi che operano sul principio di “Dio perdona …io no” e che non temono di giustificarlo quand’anche si dichiarassero cristiani. Il perdono, però, anche e soprattutto immeritato, sta alla base dell’Evangelo stesso. Infatti Dio, in Cristo, opera per la redenzione, il ricupero dei peccatori, non la loro condanna, che rimane sicuramente solo come “ultima ratio”, espressione questa che deriva dall’espressione latina “ultima ratio regum”. Tradotta letteralmente, significa l’ultima ragione dei re, ovvero in senso metaforico indica come la forza militare sia la risorsa finale a sostegno della autorità di un sovrano.

Del principio evangelico del perdono erano ben coscienti i discepoli di Gesù. Nel vangelo secondo Matteo, al capitolo 18, troviamo questo dialogo fra Pietro e Gesù: “Allora Pietro si avvicinò e gli disse: «Signore, quante volte perdonerò mio fratello se pecca contro di me? Fino a sette volte?» E Gesù a lui: «Non ti dico fino a sette volte, ma fino a settanta volte sette” (Matteo 18:21-22).

Al tempo di Gesù, gli esperti nella legge di Dio insegnavano che quattro volte fosse il limite in cui si potesse perdonare una persona che avesse sbagliato. Pietro eccede nella sua stima…

PER LEGGERE O ASCOLTARE TUTTO IL CULTO CLICCA QUI 

 

La Bibia Piemonteisa – Leture bìbliche për Duminica 6 dë Stèmber 2020 – Dumìnica apress la Pancòsta ch’a fa quatòrdes

Con le vos ëd Pàul Castlin-a, Anin Ferrero, Massimo Marietta, Marco Moretti e Gianni Marietta

Leture bibliche: Salm 149; Surtìa 12:1-14; Roman 13:8-14; Maté 18:15-20

Ël pòpol ëd Nosgnor a l’é ‘n pòpol che, an ëd temp regular, as ancontra për selebré, con gòj e arconossensa, le figure e j’aveniment amportant ëd soa stòria e identità. I trovoma sossì ben testimonià për tuta la Bìbia. La Bìbia, an efet, nen mach a na fà la dëscrission, ma a comanda la selebrassion ëd certe feste, an dis coma selebreje e an dà fin-a ij materiaj ch’i n’oma da manca për selebreje. La pì amportanta ëd coste feste a l’é la Pasca. Ël verb “selebré” a ven dal latin “celebratio”, l’é a dì l’afluensa ‘d tanta gent për solenisé, onoré, esalté na përson-a o n’aveniment amportant. A veul dì laudé, comemoré, magnifiché, esalté, tùit ansema e ‘d maniera grandiosa, quajdun o quaicòsa. La Bibia an ciama a selebré Nosgnor Dé (e mach chiel), ch’a realisa për sò pòpol e an mes a sò pòpol, d’at ëd salvassion e ‘d liberassion. Le leture bìbliche dë sta duminica an propon-o un Salm ëd làude e ‘d ringrassiament e an parla dl’istitussion ëd la Pasca, nòstra vera festa dla liberassion, la pì autèntica. As trata nen contut ëd na formalità da fesse “mach për tradission” (coma quajvòta a càpita), ma ‘d quaicòsa ch’a l’ha da trasformesse an d’at concret, sostansiaj, d’amor, ëd giustissia e ‘d vita bin dissiplinà. Sossì a l’é ‘dcò lòn ch’an mostro la tersa e la quarta letura d’ancheuj, ciapà dal Testament Neuv.

I.

Ël Salmista a cissa ‘l pòpol ëd Nosgnor a laudé Nosgnor con calor e con tut ël cheur. La làude a l’ha da esse istintiva e génita, fàita an pùblich e ant la companìa dij fedej, përchè soa providensa as arneuva dì apress dì. Dé a l’é fedel, a-j susten e a-j salva, e a porterà a compiment un bel dì ëd tute lë promesse ch’a l’ha fàit për ij temp ùltim. Dé a l’é col ch’a l’ha formà e liberà sò pòpol. Le rason ëd selebrelo a son tante, fin-a con la mùsica e la dansa e nen mach an pùblich, ma ‘dcò an privà, quand ch’is artiroma an nòstra ca. A son tante le fòrse ch’a-j fan oposission al pòpol ëd Nosgnor, ma a la fin lor a saran batùe. La làuda ‘d Nosgnor – a l’é ciàir – a l’é peui pa quaicòsa da fé mach con ij làver, ma a l’ha da incarnesse and na vita d’ubidiensa arconossenta.

“Laudé Nosgnor! Canté a Nosgnor na càntica neuva! Laudelo ant la radunansa dij sò divot! Che Israel a s’arlegra an sò Creator! Che ‘l pòpol ëd Sion a argiojissa an sò Re! Ch’a làudo Sò nòm con la dansa! Ch’a canto ‘d làude a Chiel con l’acompagnament dij tamburnin e dl’arpa! Përchè Nosgnor a l’ha gòj ‘d Sò pòpol. Chiel a esalta coj ch’a son crasà con la liberassion. Che ij sò divot as arlegro përchè Nosgnor a l’ha daje l’arvangia! Ch’a crijo ‘d gòj ant ij sò let. Ch’a làudo Nosgnor quand ch’a ten-o an man na spa a doi trancie;  për vendichesse dle nassion e për castighé ij forësté. A grupo ij sò re con ëd caten-e e ij sò nòbij con ëd such ëd fer. A dan esecussion al giudissi che ij sò nemis a son ëstàit condanà. Tùit ij Sò fidej a saran vendicà. Laudé Nosgnor!” (Salm 149).

II.

Nosgnor Dé a l’é col ch’a lìbera sò pòpol da minca opression, e la festa da fesse tùit j’agn për armarchelo, a l’é la Pasca, ch’an arcòrda la liberassion d’Israel da la s-ciavensa an Egit. Costa festa…

Për lesi tut. A i’é ëdcò la registrassion da scoté, con la musica! – Leggi tutto. C’è anche l’audio, con la musica!

 

Un progetto di vita e le sue regole (Matteo 18:15-20) – Culto di domenica 6 settembre 2020

Quattordicesima Domenica dopo Pentecoste

Letture bibliche: Salmo 149; Esodo 12:1-14; Romani 13:8-14; Matteo 18:15-20

La comunità cristiana può essere paragonata ad una scuola o ad un laboratorio dove operano degli apprendisti. La comunità cristiana, infatti, la chiesa, per sua stessa natura, deve essere persone che stanno imparando a vivere secondo la volontà di Dio. Gesù ci mette in comunione con Dio e ci fa vivere nell’ambito di una comunità, quella cristiana. Come ci si deve, però, comportare con Dio? Come ci si deve comportare con gli altri? Secondo i criteri che Gesù stesso ci insegna e che spesso sono molto diversi da quelli comuni in questo mondo ed ai quali siamo abituati. In questo mondo, per esempio, prevale il pensare solo e sempre a sé stessi, ai propri interessi, vantaggi e comodi. “Non così dovrà essere tra voi”, dice Gesù. In questo mondo ciascuno pensa per sé, e non si ha scrupoli nel danneggiare gli altri, umiliarli, ferirli, calpestarli, sfruttarli per fare i nostri interessi a loro danno. “Non così dovrà essere tra voi”, dice Gesù. In questo mondo prevalgono i conflitti, la concorrenza spietata, i rapporti di potere e di forza. “Non così dovrà essere tra voi”. dice Gesù. In questo mondo si ritiene umiliante ammettere di avere sbagliato e chiedere perdono. Quando ci fanno dei torti, si coltiva il risentimento, si rompono i rapporti e si pensa “a fargliela pagare”. “Non così dovrà essere tra voi”, dice Gesù. Certo, la comunità cristiana è chiamata a distinguersi consapevolmente dal modo di pensare, parlare ed agire, comune in questo mondo.

Nella parte centrale del capitolo 18 di Matteo troviamo Gesù che ci istruisce al riguardo ciò che dobbiamo fare quando qualche nostro fratello in fede ci fa un torto, ci offende, o, in qualche modo ci danneggia. Che dobbiamo fare? “Tenergli il broncio”, non parlargli più, coltivare in noi il risentimento e pensare a “fargliela pagare”?

«Ora, se il tuo fratello ha peccato contro di te, va’ e riprendilo fra te e lui solo; se ti ascolta, tu hai guadagnato il tuo fratello; ma se non ti ascolta, prendi con te ancora uno o due persone, affinché ogni parola sia confermata per la bocca di due o tre testimoni. Se poi rifiuta di ascoltarli, dillo alla chiesa; e se rifiuta anche di ascoltare la chiesa, sia per te come il pagano e il pubblicano. In verità vi dico che tutte le cose che voi avrete legate sulla terra saranno legate nel cielo; e tutte le cose che avrete sciolte sulla terra saranno sciolte nel cielo. Ancora io vi dico che, se due di voi si accordano sulla terra per domandare qualunque cosa, questa sarà loro concessa dal Padre mio che è nei cieli. Poiché dovunque due o tre sono riuniti nel mio nome, io sono in mezzo a loro»” (Matteo 18:15-20).

In questo testo Gesù stabilisce quelle che potremmo considerare delle “misure di protezione” dei deboli o comunque di quanti, nella comunità cristiana, subiscono abusi e prevaricazioni…

PER LEGGERE O ASCOLTARE TUTTO IL CULTO CLICCA QUI 

 

La Bibia Piemonteisa – Leture bìbliche për Duminica 30 d’Aost 2020 – Dumìnica apress la Pancòsta ch’a fa tërdes

Leture bìbliche: Salm 105:24-45; Surtìa 3:1-15; Roman 12:9-21; Maté 16:21-28

Con le vos ëd Pàul Castlin-a e Michel dij Bonavé

Le leture bìbliche sernùe dal Lessionari për costa duminica a buto an evidensa coma la stòria, j’aveniment, dël pòpol ëd Nosgnor, l’istess che cole ch’a riguardo ‘l Signor e ‘l Salvator Gesù Crist, a son pa ‘d fàit ch’a son capità për asar o dovù a le circostanse. A corispond a j’intension eterne ‘d Nosgnor e për lòn a  l’é bin ciamà “la stòria dla salvassion”. An costa stòria, nojàutri ij cristian, i soma tuti implicà e a séguita a dene ‘d lession ëd pèis. I podrìo dì che tuti nojàutri i soma an “formassion permanent”, “i soma sèmpe a scòla” për serve sèmpe mej la càusa ‘d Nosgnor an cost mond. An ësto “servissi ativ” ch’i na soma anrolà, as treuva la rason ëd nòstra vita e ‘l bin pì grand.

I.

Selebré j’aveniment ij pì amportant ëd la stòria dl’Israel antich, tanme la miracolosa liberassion da la s-ciavensa an Egit, la marcia providensial ëd la Surtìa e lë stansiament ant la Tèra dla Promëssa, don che Nosgnor a l’avìa faje, a l’é cheicòsa ch’as arpet soens ant la Bibia coma ‘l contnù dle làude dël pòpol sernù a sò Signor. I lo vëdoma ant ël tòch dël Salm 105 ch’i andoma a lese. Armarché coma l’elession, la sernùa, a l’abia ‘l bu ‘d formesse ‘n pòpol fedel e ubidient a Nosgnor: “e lòn për che lor a podèisso osservé ij Sò comandament e scoté Soe lej”. Sensa la fidelità e l’ubidiensa, a van a rìsigh ëd perde ij sò privilegi e benedission. L’istess a val për l’umanità, creà da Dé: cost-sì a l’é ‘n prinsipi ch’a stà a la rèis ëd tùit ij problema ch’i l’oma.

“… Peuj Israel a l’é trasferisse an Egìt; Giacòb a l’é vivù për un cert temp ant la tèra d’Ham. Nosgnor a l’ha rendù Sò pòpol motobin dru e a l’ha fàit ch’a rivèisso a d’esse pì ‘d nùmer dij sò nemis. A l’ha fàit ch’a l’avèisso an ghignon Sò pòpol e ch’a maltratèisso ij Sò servitor. Peui Nosgnor a l’ha mandà ij Sò servitor Mosè e Aronne, che Chiel a l’avìa ‘dcò sernù. A l’han dàit esecussion ai Sò segn miracolos antrames ëd lor e d’assion da nen chërde ant la tèra d’Ham. A l’ha fàit dventé ‘d sangh soa eva tant da fene meuire ij pèss. Ant la tèra d’Egit a j’é stàita n’invasion ëd ran-e, ch’as anfilavo fin-a ‘nt ël palass dël rè. A l’ha ordinà ch’a vnisso le mosche e ‘d moschin a l’ero daspërtut. A l’ha mandà la tempesta ansema a la pieuva e la lòsna a l’é abatusse su tut ël pais. A l’ha ruinà soe vigne e ij sò fié, e a l’ha s-ciapà j’erbo an tut ël teritori. A l’ha ordinà ch’a vnisso le cavalëtte e tanti grij ch’as podìo gnanca contesse. A l’han divorà tuta la vegetassion dël pais e tut ël gran dij camp. A l’ha abatù tùit ij prim nà an soa tèra, le primissie ‘d soa produssion. A l’ha fane seurte fòra Sò pòpol anrichì d’òr e d’argent – gnanca una ‘d soe tribù a l’é ‘ntrapasse. L’Egìt a l’é stàit bin content quand ch’a son andass-ne, përché a l’avìa tëmma ‘d lor. Nosgnor a l’ha slargà an su ‘d lor na nìvola për coateje e a l’ha procuraje ‘n feu për anlumineje la neuit. A l’han ciamà dla carn e Chiel a l’ha procuraje le quaje; a l’ha sodisfaje con ëd ròba da mangé ch’a venìa dal cel. A l’ha dovertà na rochera e a l’é sortijne d’eva; na rivera a corìa ‘nt un desert. Vera, Nosgnor a l’é ‘rcordasse ‘d Soa promëssa sacrà, cola ch’a l’avìa fàita a Sò servitor Abram. Quand ch’a l’ha fàit seurte fòra Sò pòpol, lor a son arlegrasse, ij Sò elet a l’han crijà ‘d gòj. A l’ha daje ‘l teritòri ‘d d’àutre nassion, e a l’ha daje ‘n proprietà lòn che d’àutri pòpoj a l’avìo frutà, e lòn për che lor a podèisso osservé ij Sò comandament e scoté Soe lej. Alleluja! Laudé Nosgnor!” (Salm 105:24-45).

II.

L’episòdi ëd “la ronza ch’a brusava ma ch’as consumava pa”, dël capìtol 3 dla Surtìa a l’é ‘l pont pì àut ëd l’arvelassion ëd Dé a Mosè e, për sò mojen, a sò pòpol.

Për lesi tut. A i’é ëdcò la registrassion da scoté, con la musica! – Leggi tutto. C’è anche l’audio, con la musica!

 

La nostra anima: valorizzarla oppure sprecarla e rovinarla per sempre? (Matteo 16:24-28) – Culto di domenica 30 agosto 2020

Tredicesima Domenica dopo Pentecoste

Letture bibliche: Salmo 105:24-45; Esodo 3:1-15; Romani 12:9-21; Matteo 16:21-28

Quanto vale la tua anima? Domanda incomprensibile, questa, per chi ritiene che la vita che abbiamo con tutte le sue funzioni psicofisiche sia solo un accidente del caso e che la nostra identità personale finirà nel nulla, così come diventerà polvere il nostro corpo. “Perché, allora occuparsene – dicono – viviamo come capita approfittando delle occasioni, tanto…”. Il Signore e Salvatore Gesù Cristo, però, in sintonia con tutta la rivelazione biblica,  afferma chiaramente l’esistenza dell’anima e dichiara che è uno stolto, uno stupido, chi non se ne occupa, perché essa permane anche quando il nostro corpo come tale scomparirà. Ci sono così solo due opzioni, o valorizzarla  in Cristo e con Cristo, oppure sprecarla, facendola finire solo nel deposito spazzatura dell’universo. Oggi ascolteremo quanto il Signore Gesù dice a questo riguardo nel vangelo secondo Matteo al capitolo. 16 e poi faremo qualche considerazione.

Nel vangelo secondo Matteo al capitolo 16 troviamo queste parole: “Allora Gesù disse ai suoi discepoli: «Se uno vuol venire dietro a me, rinunzi a sé stesso, prenda la sua croce e mi segua. Perché chi vorrà salvare la sua vita, la perderà; ma chi avrà perduto la sua vita per amor mio, la troverà. Che gioverà a un uomo se, dopo aver guadagnato tutto il mondo, perde poi l’anima sua? O che darà l’uomo in cambio dell’anima sua? Perché il Figlio dell’uomo verrà nella gloria del Padre suo, con i suoi angeli, e allora renderà a ciascuno secondo l’opera sua. In verità vi dico che alcuni di coloro che sono qui presenti non gusteranno la morte, finché non abbiano visto il Figlio dell’uomo venire nel suo regno»” (Matteo 16:24-28).

Vi sono persone che, benché il loro corpo possa non essere sano, valorizzano e si prendono cura con diligenza della propria anima, del proprio spirito. Non la scambierebbero per nulla al mondo, perché sono consapevoli del suo grandissimo valore. Le cose di questo mondo per loro sono importanti ma relative: quello che più conta per loro è lo spirito, e quello coltivano con diligenza, non solo nutrendolo di valori superiori, di comunione con Dio, ma valorizzando tutto ciò che di più grande e nobile hanno a disposizione. Esse prendono sul serio quanto dice l’Apostolo, quando scriveva: “…fratelli, tutte le cose che sono veraci, tutte le cose che sono oneste, tutte le cose che sono giuste, tutte le cose che sono pure, tutte le cose che sono amabili, tutte le cose che sono di buona fama, se vi è qualche virtù e se vi è qualche lode, pensate a queste cose” (Filippesi 4:8); e ancora: “Se dunque siete risuscitati con Cristo, cercate le cose di lassù, dove Cristo è seduto alla destra di Dio. Abbiate in mente le cose di lassù, non quelle che sono sulla terra” (Colossesi 3:1,2).

Coltivare la propria anima, il proprio spirito potrebbe sembrare un’attività egoistica, ma non è così, perché è solo essendo persone migliori che si dare alla società un contributo costruttivo. Ecco così che essi sviluppano caratteristiche virtù, come uno spirito forte, deciso, dinamico, creativo, dotato di senso di responsabilità e impegnato in favore degli altri.

Coltivare l’anima, recuperare l’anima, salvare l’anima, persuasi che essa trascende la vita terrena e che deve continuare ad essere utile a Dio, che l’ha creata, anche dopo la morte del corpo (e non gettata in una pattumiera) è essenziale. Esiste, però, l’anima? Alcuni lo negano, e quindi non comprendono il suo valore, l’esigenza biblica che essa non vada perduta.

PER LEGGERE O ASCOLTARE TUTTO IL CULTO CLICCA QUI 

Il teologo valdese Ferrario lamenta “l’irrilevanza delle chiese”. Un po’ di autocritica?

Il pastore Fulvio Ferrario professore di teologia e decano della Facolta di Teologia Valdese, ha pubblicato ieri 21 agosto su Facebook questo interessante testo:

Chiese “irrilevanti”
Anzitutto per i loro membri
La chiesa chiusa e il tabaccaio aperto: è uno dei simboli della recente emergenza sanitaria, che ha certificato quella che un teologo protestante tedesco chiama “l’irrilevanza delle chiese dal punto di vista sistemico”. Detto più semplicemente, senza il tabaccaio la società di inceppa, senza le chiese no.
In Italia, soprattutto nella prima fase del cosiddetto lockdown, i vescovi cattolici hanno reagito con una certa ira, attribuendo la situazione all’atteggiamento autoritario del governo: guardate, hanno detto, che il nostro volontariato è rilevante eccome, e se gli togliete i sacramenti chiudendo le chiese potrebbe lasciarvi soli di fronte alla crisi. In Germania entrambe le chiese si sono mostrate stupite e anche turbate dalla naturalezza della “chiusura” e dal fatto che la Cancelliera Merkel, membro della chiesa evangelica e figlia di un pastore, non ha nemmeno rilevato il problema, nel discorso alla nazione relativo all’emergenza.
I temi sarebbero molti: ci si potrebbe chiedere, ad esempio, che significa “rilevanza sistemica” o “sociale” per le chiese e se davvero il tabaccaio e la chiesa possano essere collocati sullo stesso piano e dunque confrontati. C’è però una questione molto più semplice, e più inquietante.
Prendiamo il caso tedesco. Ancora oggi (ma non per molto), più del 50 % dei tedeschi appartiene alla chiesa cattolica o a quella evangelica, all’incirca in parti uguali. Dunque, le chiese SONO statisticamente rilevanti. Esse sono però SPIRITUALMENTE IRRILEVANTI per i loro stessi membri. Le percentuali di frequenza ai culti, ad esempio, sono agghiaccianti: circa il 3% per la chiesa evangelica, un po’ meglio per quella cattolica, ma sempre ben sotto il 10%. E’ ovvio che, in una società nella quale essere cristiani non è necessario per essere accettati, un simile indifferentismo DEI COSIDDETTI CREDENTI conduce all’evaporazione della chiesa. Prima o poi ci si chiede se vale la pena pagare la tassa ecclesiastica e la risposta è inesorabile. La chiesa è irrilevante per la società perché lo è per i suoi membri. Un esempio semplicissimo: le chiese tedesche si arrabattano ecumenicamente per far chiudere i supermercati alla domenica. Ma se metà Germania evitasse sistematicamente di fare la spesa nel giorno del Signore, i supermercati chiuderebbero da soli.
In Italia, la tassa ecclesiastica non c’è e il problema è leggermente meno drammatico. Anche le percentuali di frequenza al culto cattolico sono migliori. Le chiese evangeliche sono diaspora e vivono dinamiche diverse. Dove non lo sono, i fenomeni appaiono del tutto analoghi. In ogni caso, in molte comunità valdesi o metodiste il numero di coloro che contribuiscono finanziariamente è inferiore al 50% dei membri, il che, per una minoranza, è semplicemente letale. La chiesa, per queste persone, “non vale niente”, alla lettera.
Summa summarum: sembra che, al momento, il problema più urgente non sia tanto l’evangelizzazione delle masse scristianizzate e sedotte dall’ateismo di Odifreddi, quanto spiegare a chi ancora ha un rapporto con la chiesa che se non prendi sul serio quello che Paolo chiama il corpo di Cristo, bestemmi il buon Dio. Detto così, non pare un messaggio teologicamente complesso, eppure fatica a passare.
P.S. Dopo aver dato una scorsa ai commenti, mi permetto una piccola osservazione. Chi ama pensare che i guai delle chiese dipendano dal sinistrismo è liberissimo di farlo, anche se non mi trova d’accordo e, in ogni caso, è in ritardo di una trentina d’anni. Se poi si insiste nell’equiparare, che so, la Caritas a una cellula sovversiva, allora il dissenso verte proprio sulla comprensione dell’evangelo di Gesù.
IN OGNI CASO, eviterei di tirare in ballo Subilia. E’ vero che egli criticava il sinistrismo di maniera; più in radice, però, criticava il cristianesimo di maniera, cioè quello bigotto, che è profondamente reazionario e, di solito, politicamente non di sinistra. L’interpretazione conservatrice di Subilia è a mio parere miope e ingiusta anche nei confronti della figura.”

Benché sia solo un post su Facebook, si tratta di uno scritto importante, perché tocca alcuni punti fondamentali della vita delle chiese, e ovviamente in particolare di ciò che resta della Chiesa Valdese: il ruolo delle chiese nella vita della nostra società, ma soprattutto nella vita dei loro membri. Bisogna “spiegare a chi ancora ha un rapporto con la chiesa che se non prendi sul serio quello che Paolo chiama il corpo di Cristo, bestemmi il buon Dio”, dice Ferrario. Noi lo prendiamo molto sul serio, fin dall’Appello al Sinodo del 2010 (alcuni di noi iniziarono a farlo già con la petizione del 1976), finito sotto le critiche proprio del professor Ferrario, garbate, ma di certo non molto aperte alle nostre ragioni, non dico per abbracciarle, ma per esaminarle seriamente. La sua lettera criticava il tono, lo stile, le citazioni del nostro Appello (Bibbia e Confessione di Fede,pensa un po’), ma non ne affrontava realmente il contenuto. Si limitava a dire di ritenere incomprensibile la nostra affermazione secondo la quale «da tempo la Chiesa Valdese, sola o insieme ad altre, impegna il proprio nome in iniziative, a volte anche lodevoli, almeno nelle intenzioni, che per la loro fallacia creano divisioni e non hanno nulla a che fare con ciò che essa deve essere». In modo simile aveva replicato alle forti critiche giunte da chiese evangeliche, senza appunto approfondire il tema fondamentale: la compatibilità o meno con la Bibbia delle decisioni sinodali sulle benedizioni alle coppie dello stesso sesso. Noi replicammo ampiamente e con argomenti, ma oggi potremmo sintetizzare dicendo: come ci si può lamentare dell’irrilevanza delle chiese, dei molti credenti che non prendono sul serio il corpo di Cristo, cioè la Chiesa, se non si sono presi sul serio i tanti all’interno di essa, di cui si sono calpestati i sentimenti, le idee e gli appelli, se non si è presa sul serio la Parola di Dio? Come si può pensare di essere rilevanti nella societàe nei membri di chiesa se non si ritiene rilevante la Parola di Dio, l’evangelo (quello vero, non quello tutto interpretazione di certi teologi)?

(prima parte – continua)

La Bibia Piemonteisa – Leture bìbliche për Duminica 23 d’Aost 2020 – Dumìnica apress la Pancòsta ch’a fa dodes

Duminica 23 aost 2020 – Dumenica apress la Pancòsta ch’a fa dódesCon le vos ëd Paul Castlin-a, Massimo Marietta, Gianni Marietta, Anin Ferrero, Marco Moretti

Leture bìbliche: Salm 124; Surtìa 1:82:10; Roman 12:1-8; Maté 16:13-20

Ël pòpol ëd Nosgnor, për motiv ëd soa vocassion e carater, a l’è ciamà a marché soa distinsion moral e spiritual dal rest dël mond e ‘d felo ‘d manera ciàira. Sossì a l’era vera ant l’antichità e a resta vera ‘dcò ancheuj. La vocassion, ch’i podoma nen arnunseje, a esse anticonformista, a l’ha causaje e a-j càusa tanti problema. Tante fòrse polìtiche a l’han provà soens, an efet, a sugetela, la gesia cristian-a e fin-a ‘d dësblela. As trata dij “tentativ”, përché gnente e gnun a riussirà mai a felo dël tut. La rason as treuva ant le leture bìbliche dë sta duminica che an sicura che ij progèt ëd Nosgnor a peudo pa esse rendù inùtij, mai – lor as compisso sèmpe. Nosgnor a l’ha promëttù dë sté sèmpe dacant ai Sò, ëd libereje, ëd vendicheje con soa potensa. Ël pòpol ëd Nosgnor, la Gesia, a l’é n’organism ch’a viv, al sërvissi ‘d sò Signor.

I.

Ël pòpol ëd Nosgnor a l’ha tanti nemis da fòra e da drintra ch’a rendo pitòst precari sò echilibri e soa dzurvivensa. I lo vedoma ‘d manera costanta ant ël cors ëd la stòria già dal temp dël Testament Vej. Vàire aversari a l’avrìo vorsù, e a lo veulo ancora, dëstrùe la Gesia ‘d Nosgnor! A son mai riussì a felo e mai a riussiran. Përchè? A lo fortisso le paròle dël Salm 124.

“Còsa sarìa-lo rivane se Nosgnor a fussa nen ëstait da nòstra part? Che tut Israel a l’arpeta: Còsa sarìa-lo rivane se Nosgnor a fussa nen ëstàit da nòstra part quand ch’i j’ero atacà dai nòstri nemis? An soa furia afoà lor a n’avrìo angosasse viv. N’inondassion a l’avrìa ramassane via complet. N’arianass a l’avrìa portane vìa. Vera, d’aque furiose a l’avrio dël tut scancelane da la facia dla tèra. Ch’a sia benedì Nosgnor che ij sò dent ëd lor a l’han pa fane a tochet! I soma scapà via tanme n’osel da la tràpola dël cassador. La tràpola a l’é s-ciapasse e adess i soma liber! Nòstr agiùt a l’é ‘Nosgnor, col ch’a l’ha fàit ël cél e la tèra” (Salm 124).

II.

Mosè a l’é un di përsonagi an tra ij pì amportant ëd la stòria dël pòpol ëd Nosgnor. A l’é chiel che Nosgnor a l’avìa sernù per guidé ‘l pòpol ëd Dé da la s-ciavensa an Egit a la libertà e a la Tera dla Promëssa. Chiel a l’é l’autor ëd la pì part dël test dij prim sinch lìber ëd la Bìbia, ël Pentateuch, o Torah. A l’é chiel ch’a l’ha butà ansema la Lege moral e sirimonial dël pòpol ëd Dé. Dal lìber ëd la Surtìa, capìtol 1 e 2, i lesoma ancheuj ël prelùdi ëd soa stòria, cola anté che Nosgnor a-i dësvlopa, an soa providensa, ij sò propòsit etern.

Crasament ëd j’Ebreo e nassensa ‘d Mosè. A l’é vnùit al podêj an Egit un rè neuv ch’a l’avìa mai conossù Giusep. Chiel-sì a l’ha dije a soa gent: “Vardé-sì, la gent d’Israel a l’é vnùita pì numerosa e pi potenta che nojàutri. Fomse furb con lor: i l’oma da fé quaicòsa për ampedine la chërsùa, dësnò, s’a-i rivèissa mai na guèra, a podrìo fé n’aleansa con ij nòstri nemis. I combaterìo contra ‘d noi për peui scapé dal pais”...

Për lesi tut. A i’é ëdcò la registrassion da scoté, con la musica! – Leggi tutto. C’è anche l’audio, con la musica!

Qual è il fondamento che regge la chiesa ed ogni cristiano? (Matteo 16:13-20) – Culto di domenica 23 agosto 2020

Dodicesima Domenica dopo Pentecoste

Letture bibliche: Salmo 124; Esodo 1:8-22 + 2:1-10; Romani 12:1-8; Matteo 16:13-20

Il lago di Tiberiade, nei pressi del quale ebbe luogo il dialogo di Matteo 16:13-20

Che cos’è la chiesa cristiana? Qual è la sua identità e la sua missione? Questo è ciò sul quale siamo chiamati ad interrogarci in questo tempo di crisi, dove nemmeno le parole hanno più un loro significato certo. Vi sono chiese che ambiscono solo a fare “il cappellano” del potere costituito o delle ideologie prevalenti, e vi sono quelle che fanno “sondaggi d’opinione” per essere quello che la maggioranza della società si aspetta che debbano essere. La vera chiesa di Gesù Cristo, però, ha un solo Signore, un solo “determinante”: Gesù Cristo, quella proclamato e spiegato dalle Sacre Scritture, e quello solo intende servire. Lo consideriamo oggi sulla base del testo biblico di Matteo 16:13-20: la confessione di Pietro.

Che cos’è la chiesa cristiana? Qual è la sua identità e la sua missione? Questo è ciò sul quale siamo chiamati ad interrogarci in questo tempo di crisi, dove nemmeno le parole hanno più un loro significato certo. C’è confusione anche perché le realtà di diverse fra le più antiche chiese, pur continuando a considerarsi tali, col passare del tempo sono degenerate alterando il loro volto, identità originale e funzione. Può sorprendere o scandalizzare, ma questa è una realtà contro la quale dovremo sempre avere a che fare fintanto che il Signore Gesù Cristo tornerà per trasformare ogni cosa.

Ne erano coscienti i riformatori protestanti che, promuovendo la necessità del discernimento e dell’auto-critica costante della Chiesa, osservavano: “Anche le chiese più pure sulla terra sono soggette sia a compromessi che a errori, e alcune sono talmente degenerate da diventare non chiese di Cristo, ma sinagoghe di Satana. Cionondimeno, vi sarà sempre sulla terra una chiesa per rendere culto a Dio secondo la sua volontà” (Confessione riformata di Westminster, 1647, 25:5).

Che cosa deve essere la comunità cristiana? Quale deve essere la sua identità e missione? Per stabilirlo essa non guarda allo spirito del tempo in cui vive, quasi che fosse la volontà popolare, le sue vere o presunte necessità, la sua mentalità o aspirazioni, o peggio, le mode, a compilare la sua agenda. La Chiesa di Cristo non è una ditta commerciale che, per prosperare, faccia ricerche di mercato per produrre e vendere quello che la gente sembra maggiormente desiderare e preferire… La Chiesa di Cristo guarda al suo Signore, Gesù Cristo, in funzione del quale solamente essa esiste. La Chiesa di Cristo guarda alla propria “carta costituzionale”, la Bibbia, che sola può definirne la sua identità e compiti.

Qual è dunque l’identità della Chiesa cristiana? Essa è strettamente legata a quella del nostro Signore e Salvatore Gesù Cristo, di cui la Chiesa ne costituisce il corpo.

C’è un testo del vangelo secondo Matteo dove Gesù interroga i Suoi discepoli sulla Sua propria identità, un testo molto significativo che dimostra come davvero l’identità e la missione della Chiesa sia inscindibile da quella del Signore Gesù Cristo.

“Poi Gesù, giunto dalle parti di Cesarea di Filippo, domandò ai suoi discepoli: «Chi dicono gli uomini che io, il Figlio dell’uomo, sia?». Ed essi dissero: «Alcuni, Giovanni Battista, altri Elia, altri Geremia, o uno dei profeti». Egli disse loro: «E voi, chi dite che io sia?». E Simon Pietro, rispondendo, disse: «Tu sei il Cristo, il Figlio del Dio vivente». E Gesù, rispondendo, gli disse:

La Bibia Piemonteisa – Leture bìbliche për Duminica 9 d’Aost 2020 – Dumìnica apress la Pancòsta ch’a fa des

Con le vos ëd Paul Castlin-a, Massimo Marietta, Gianni Marietta, Anin Ferrero, Marco Moretti

Leture bìbliche: Salm 105:1-22Génesi 37:1-30Roman 10:5-15Maté 14:22-33

Coj che Nosgnor a ciama për fé part ëd sò pòpol, tant ai temp ëd la Bibia che ancheuj, a fan l’esperiensa ‘d coma che Dé a sìa fedel a soe promësse. Nosgnor, an efet, an soa providensa, a bogia j’aveniment ëd soa vita ‘d lor përchè tut a contribuissa a la fin për ël bin, a fà nen se la situassion a peussa esse considerà negativa o a sò dëscapit. Coma ch’a dis l’Apòstol: “I savoma ‘dcò che tute le còse a contribuisso al bin ëd coj ch’a veulo bin a Nosgnor, lor ch’a son ciamà conform ai sò propòsit” (Roman 8:28).   Ant le leture bìbliche ‘d costa duminica i lo trovoma ant la vicenda dël patriarca Giusèp, mensionà ant la làuda a Dé dël Salm 105 e peui da la letura d’un tòch dël capìtol 37 dla Génesi. Ant la letura ch’a-i ven dapress, cola dal capìtol 10 dl’epistola ai Roman, i trovoma che costa ciamà a riva ancheuj a ‘d gent ëd tute le nassion për ël mojen dl’anonsi dl’Evangeli. Coj ch’a son ciamà a formo ‘n pòpol caraterisà da la pien-a fiusa ch’a l’han an Dé e ant ël Crist. A l’é pa sèmpe belfé deje fiusa, coma ch’a dimostra la letura dël capìtol 14 dël vangel ëscond San Maté. An costa letura i trovoma Pero (San Pé) ch’a aceta na dësfida impossìbila che Gesù a-i propon. Pero a ‘mprendrà a fidesse dël tut e për tut an Gesù e as rendrà cont che l’avèj anvestì tuta sua vita an Gesù a mérita sèmpe la pen-a.

I.

Ël Salm 105, dont i lesoma ancheuj mach un tòch, a ciama ‘l pòpol d’Israel, ël pòpol dj’Elet ëd Nosgnor, a laudé e ringrassié Dé an arciamand a la memòria dj’aveniment ij pì amportant ëd soa stòria, ch’a dimostro che Chiel a l’é stàit fedel a tute soe promësse, cole ch’a l’ha gravà ant ël Pat che Chiel a l’ha stabilì con lor. Sossì a dventa ciàir dzurtut ant ij moment che tut për lor a smijava përdù përchè a j’ero crasà da le circostanse e dai sò nemis ch’a l’avìo votaje a lë stermini. Nosgnor a antërven ëd manera providensial e a-j lìbera, a-j salva e a-j guerna. La letura ancheuj as antëromp con la vicenda ‘d Giusèp che, anghignonà e peuj vendù tanme në s-ciav, a monta fin-a a dventé ël consijé ‘l pì important dël Faraon d’Egit. Ëd sossì a na parlera nòstra sconda letura.

“Ringrassié Nosgnor! Invoché Sò Nòm! Fé conòsse a tùit ij pòpoj lòn che Chiel a l’ha fàit! Canté e fé ‘d mùsica an Sò onor! Dé notissia dij miràcoj che Chiel a l’ha fàit! Andé fier ëd Sò Nòm sant! Che ij cheur ëd coj ch’a serco Nosgnor as arlegro! Serché Nosgnor e la fòrsa che mach Chiel a peul dene! Serché sèmper Soa presensa! Arciamé a la ment ij segn miracolos che Chiel a l’ha fàit, soe assion potente e ij giudissi ch’a l’ha emanà. Fieuj d’Abram, servitor ëd Nosgnor! Vojàutri ij dissendent ëd Giacòb, j’Elet ëd Nosgnor! Chiel a l’é Nosgnor, nòst Dé; Chiel a dà esecussion ai Sò giudissi an tuta la tèra. Chiel as arcòrda sèmper dij decret sigilà an Sò Pat, le promësse che Chiel a l’ha fàit a mila generassion – la promëssa che Chiel a l’ha fàit a Abram, la promëssa ch’a l’ha giurà ‘d realisé për Isaach! Chiel a l’ha dàita a Giacòb tanme ‘n decret, a Israel coma na promëssa ch’a val për sèmper, e ch’a disìa: “A ti it darai la tèra ‘d Canaan coma na part ëd toa ardità”. Quand che lor a j’ero pòchi, mach pòchi ‘d nùmer, e ch’a vivìo ambelelà tanme ‘d forësté, lor a andasìo dëdsà e dëlà, da nassion a nassion, da ‘n règn a n’àutr. Nosgnor a l’ha nen lassà che quajdun a-j crasèissa; për lor a l’ha dissiplinà dij rè. A l’ha dit: “Toché nen coj ch’i l’hai sernù! Fé nen ëd mal ai mè profeta!”. Nosgnor a l’ha fàit rivé na famin-a ‘n tuta la tèra, a l’ha fàit calé le proviste. A l’ha mandà ‘n’òm ch’a l’é ‘ndaje danans – Giusèp, ch’a l’era stàit vendù tanme në s-ciav. Le caden-e a-j fasìo mal ai sò pé; a l’avìa ‘n colarin ëd fer; fin-a ‘l temp che la predission a l’é realisasse. La paròla ‘d Nosgnor a l’é comprovasse vera. Ël rè a l’ha consentì ch’a fussa torna butà ‘n libertà; col ch’a dominava ‘d nassion a l’ha liberalo. A l’ha nominalo gerent ëd soa ca e aministrator ëd soe proprietà” […] (Salm 105:1-22).

II.

La vicenda dël patriarca Giusèp, contà dal capìtol 37 al 50 a la fin dël lìber ëd la Génesi…

Seguire Gesù anche su un mare in tempesta (Matteo 14:22-33) – Culto di Domenica 9 agosto 2020

Decima Domenica dopo Pentecoste

Letture bibliche: Salmo 105:1-22; Genesi 37:1-4,12-30; Romani 10:5-15; Matteo 14:22-33

E’ saggio investire tutto quel che abbiamo nelle promesse di grandi guadagni che qualcuno ci potrebbe far fare? No, in questo mondo meglio non rischiare troppo. Può andarci relativamente bene, ma può andarci anche male e perdiamo tutto. Meglio differenziare. La testimonianza, però, degli antichi discepoli di Gesù e tanti dopo di loro nel corso dei secoli è unanime: sì, ne vale la pena ad investire tutta la nostra vita nel Signore e Salvatore Gesù Cristo. Pietro, Giacomo, Giovanni e tutti gli altri lo hanno fatto, e non ne sono stati delusi. Anche quando Pietro risponde all’ “impossibile” invito di Gesù di scendere dalla barca sulle acque di un mare in tempesta. E’ quello che vediamo oggi leggendo e commentando Matteo 14:22-33.

Un operaio del comune stava lavorando per far passare una tubatura coperta accanto ad un campo. Durante lo scavo si imbatte in un baule sotterrato li vicino in quel campo, lo apre e scopre che quel baule è pieno di antiche monete d’oro. Non lo dice a nessuno e lo ricopre di nuovo con la terra. Il giorno dopo raccoglie tutti i soldi che lui e sua moglie possiedono e acquista quel campo. Il tesoro che vi aveva trovato diventa così legalmente suo. Per quel campo aveva investito tutto ciò che aveva. All’inizio sua moglie era rimasta perplessa e protestava incredula, ma ora sono ricchi. Non so se questo sia possibile in questi termini, ma questa storia ricalca una parabola che Gesù un giorno aveva raccontato ai suoi discepoli sulla lungimiranza di investire tutta la loro vita nei valori del regno di Dio, di fatto in Gesù stesso. Ne era valsa per loro la pena investire tutta la loro vita al seguito di Gesù Cristo? Sì, certo.

Questa lezione “teorica”, però, Gesù non la riteneva per loro sufficiente. Gesù li avrebbe messi ben presto alla prova facendo in modo che essi si trovassero in una situazione di vita o di morte dalla quale ne sarebbero usciti solo affidandosi completamente al Signore e Salvatore Gesù Cristo. E’ quanto troviamo nell’episodio del vangelo secondo Matteo conosciuto come: “Gesù cammina sul mare”. I discepoli di Gesù si sarebbero trovati in una situazione “impossibile”, ma con Gesù ciò che è umanamente impossibile diventa possibile. Scopriranno che devono e possono fidarsi di Gesù, in ogni circostanza della vita – e non ne sarebbero stati delusi. Ascoltiamo questo racconto e poi ci chiederemo che cosa esso insegna anche a noi.

“Subito dopo Gesù costrinse i suoi discepoli a salire sulla barca e a precederlo all’altra riva, mentre egli licenziava le folle. Dopo averle congedate, salì sul monte in disparte per pregare. E, fattosi sera, era là tutto solo. La barca intanto si trovava al largo, in mezzo al mare, ed era sbattuta dalle onde perché il vento era contrario. Alla quarta vigilia della notte, Gesù andò verso di loro, camminando sul mare. I discepoli, vedendolo camminare sul mare, si turbarono e dissero: «È un fantasma!». E si misero a gridare dalla paura; ma subito Gesù parlò loro, dicendo: «Rassicuratevi; sono io, non temete!». E Pietro, rispondendogli disse: «Signore, se sei tu, comandami di venire da te sulle acque». Egli disse: «Vieni!» E Pietro, sceso dalla barca, camminò sulle acque, per venire da Gesù. Ma, vedendo il vento forte, ebbe paura e, cominciando ad affondare, gridò dicendo: «Signore, salvami!». E subito Gesù stese la mano, lo prese e gli disse: «O uomo di poca fede, perché hai dubitato?». Poi, quando salirono in barca, il vento si acquietò. Allora quelli che erano nella barca vennero e l’adorarono, dicendo: «Veramente tu sei il Figlio di Dio!» (Matteo 14:22-33).

La prima cosa che troviamo in questo testo è che Gesù spinge i suoi discepoli ad assumersi le loro responsabilità…

PER LEGGERE O ASCOLTARE TUTTO IL CULTO CLICCA QUI 

Se il mondo vi odia, sappiate che ha odiato me prima di voi. Se foste del mondo, il mondo amerebbe ciò che è suo; ma poiché non siete del mondo, ma io vi ho scelto dal mondo, perciò il mondo vi odia. Se hanno perseguitato me, perseguiteranno anche voi; se hanno osservato la mia parola, osserveranno anche la vostra.
(Giovanni 15:18-20)

Radio Tempo di Riforma

Traduttore

Così dice l'Eterno: «Fermatevi sulle vie e guardate, e domandate dei sentieri antichi, dove sia la buona strada, e camminate in essa; così troverete riposo per le anime vostre». Ma essi rispondono: «Non cammineremo in essa».
(Geremia 6:16)

Link Consigliati

                 

Visitatori 2010 : 43.446

Visitatori 2011 : 81.694

Visitatori 2012(fino a al 13 Novembre) : 85.636

Statistiche visitatori dal 14-11-2012

  • 2856921Totale Visitatori:
  • 421Oggi:
  • 563Ieri:
  • 5411Ultimi 7 giorni:
  • 20916Questo mese:

Visitatori Online

Articoli Recenti