\"NULLA SIA PIÙ FORTE DELLA VOSTRA FEDE\"

GIOSUÈ GIANAVELLO

OSPEDALI VALDESI (2° parte)

1998-1999 – Il buco raddoppia, troche la Tavola rilascia fidejussioni senza dirlo

Ecco la seconda parte di questa piccola ricostruzione della penosa vicenda.

Dopo che nessuno aveva reagito per gli undici miliardi di lire di deficit del 1997, non c’è da stupirsi che nel 1998 il deficit sia all’incirca della stessa entità: poco meno di 11 miliardi. Si accentua però il ruolo negativo dell’ospedale di Torino che da solo determina un buco di poco meno di 8 miliardi.

Supponendo che prima del 1997 non ci fossero debiti, alla fine del 1998 il debito complessivamente accumulato è di circa 22 miliardi, equivalenti a 30 milioni di euro di oggi. Una cifra impressionante. I tagli alla sanità in Piemonte nel 2011, che tanto hanno fatto discutere e protestare, ammontavano a 135 milioni, ma sui 4,3 milioni di piemontesi, non sulla ventina di migliaia del bacino di utenza di Torre Pellice e Pomaretto, cui vanno sommati un potenziale di 50mila per Torino.

Ma la CIOV non si fece per nulla impressionare! Nella sua relazione al Sinodo del 1999 riuscì anzi a parlare di un ammanco di “soli” 4 miliardi, poiché con un artificio passò sotto silenzio quello accumulato a Torino da gennaio a settembre. In ogni caso si trattava di una cifra altissima, superiore alle contribuzioni di tutte le chiese valdesi d’Europa. È anche singolare che, prendendo per buona la cifra di 4 miliardi, nessuno si sia chiesto come si è potuto scendere a tale ammontare dagli 11 del 1997. Ciò detto, nessun allarme, nessuna ricerca delle cause di questa emorragia, nessuna proposta per frenarla.

La Commissione Sinodale per la Diaconia (CSD), nella sua relazione al Sinodo, ha un passaggio di involontario umorismo quando afferma che la gestione degli ospedali “richiede veramente molto impegno e una certa lungimiranza da parte di tutti”, notando di passaggio che nonostante la fusione delle gestioni dei tre stabilimenti essi “sono ancora lontani dalla loro piena integrazione funzionale”.

La Commissione sinodale d’Esame sull’operato della CSD lamenta che la relazione di quest’ultima “è assolutamente carente e non chiara” e che i dati in essa contenuti “non possono non dar luogo a preoccupazioni”.

Nonostante questo segnale d’allarme, il Sinodo del 1999 di fatto non affronta l’argomento, anche perché in quell’anno si sperimenta il lavoro a gruppi, pertanto – di fatto – degli ospedali si occupa solo una parte dei deputati e pastori e la loro relazione alla seduta plenaria è vaga e inconcludente.

L’elemento particolarmente inquietante di questo periodo è che – prima del Sinodo 1999 – vengono rilasciate, si suppone dalla Tavola, garanzie fidejussorie per ben 14 miliardi, senza le quali le banche non concederebbero quel credito multi miliardario. Ma –incredibile a dirsi e a udirsi – ciò non viene menzionato in alcuna relazione e il Sinodo ne viene tenuto del tutto all’oscuro. Fatte le dovute proporzioni, sarebbe come se il Governo italiano oggi si indebitasse, in un solo anno, di una cifra pari all’attuale debito pubblico (duemila miliardi di euro) senza neppure dirlo al Parlamento, e meno ancora ai cittadini! Nella ricostruzione dei fatti sembra chiaro che tali garanzie fidejussorie, che la CIOV non poteva concedere, siano state rilasciate dalla Tavola, il cui legale rappresentante è il Moderatore (vedi lista dei moderatori per sapere chi rivestiva tale carica all’epoca).

Anche qui, sarebbe bello sapere chi faceva parte della CIOV, della CSD, della Tavola e così via. Se qualcuno ha queste notizie o altre, o che smentiscono la ricostruzione dei fatti qui pubblicata, saremo ben felici di ricevere e pubblicarne i contributi.

Related Posts

One Response to “OSPEDALI VALDESI (2° parte)”

  1. Luca Zacchi ha detto:

    A dir poco inquietante…

Rispondi a Luca Zacchi Annulla risposta

Se il mondo vi odia, sappiate che ha odiato me prima di voi. Se foste del mondo, il mondo amerebbe ciò che è suo; ma poiché non siete del mondo, ma io vi ho scelto dal mondo, perciò il mondo vi odia. Se hanno perseguitato me, perseguiteranno anche voi; se hanno osservato la mia parola, osserveranno anche la vostra.
(Giovanni 15:18-20)

Traduttore

Così dice l'Eterno: «Fermatevi sulle vie e guardate, e domandate dei sentieri antichi, dove sia la buona strada, e camminate in essa; così troverete riposo per le anime vostre». Ma essi rispondono: «Non cammineremo in essa».
(Geremia 6:16)

Link Consigliati

                 

Visitatori 2010 : 43.446

Visitatori 2011 : 81.694

Visitatori 2012(fino a al 13 Novembre) : 85.636

Statistiche visitatori dal 14-11-2012

  • 2119560Totale Visitatori:
  • 537Oggi:
  • 1383Ieri:
  • 10130Ultimi 7 giorni:
  • 24269Questo mese:

Visitatori Online

Articoli Recenti