La risurrezione di Gesù: letterale o simbolica?

Empty Tomb With Shroud And Crucifixion At Sunrise - Risen Resurrection

Questo dialogo è stato avviato dopo che ero in una chat room cristiana. La nostra conversazione è continuata per un po’ finché non ho scoperto che viveva in Belgio ed era cattolica (almeno così si è identificata). Come lei, ha negato che la risurrezione sia effettivamente avvenuta e ha insistito sul fatto che è simbolica. Ora, non voglio in alcun modo insinuare che il suo comportamento sia il risultato dell’insegnamento cattolico. Sto semplicemente affermando i fatti. Ha detto che i cattolici non credono che la Bibbia sia letterale. Ho risposto che lo era. Quello che segue è questo dialogo:

Silvana: Allora perché prendi la Bibbia così letteralmente? Penso che dovrebbe essere preso simbolicamente.
Matteo: La Bibbia è accurata, veritiera, profeticamente precisa, le copie dei manoscritti sono pure al 99% ed è anche archeologicamente accurati.
Silvana: Forse. Ma c’è un errore che hai fatto. È impossibile.
Matteo: Perché è impossibile?
Silvana: Morto è morto.
Matteo: Non hai senso. . . Spiega per favore.
Silvana: Un morto non può rivivere la sua vita nello stesso corpo!!!
Matteo: Allora vuoi dire che Gesù non è risorto dai morti?
Silvana: No, non l’ha fatto!!! Questo è solo un simbolo.
Matteo: Allora vuoi dirmi che tutte le persone che l’hanno visto vivo si sono sbagliate?
Silvana: Avevano allucinazioni o si drogavano.
Matteo: Quindi, stai presupponendo che la risurrezione non possa avvenire. Come mai?
Silvana: Beh, chiedi a qualsiasi scienziato. . .
Matteo: Molti scienziati credono che potrebbe davvero accadere.
Silvana: Sì, è vero. Ma lo vedo come falso fino a prova contraria.
Matteo: Ma l’evidenza biblica è che la tomba era vuota, che Gesù apparve, mostrò alla gente le sue ferite, e che almeno altri 500 lo videro. Perché non riesci a credere ai fatti di ciò che hanno attestato?
Silvana: Non credo alla Bibbia alla lettera. Mi piace vederne l’uso simbolico. Come ‘sii buono’. Guarda dentro di te per trovare il meglio di te stesso.
Matteo: Allora, non stai basando la tua opinione sui fatti, ma semplicemente per un desiderio, un capriccio, di NON credere all’evidenza biblica. È saggio? Può portare alla verità?
Silvana: Lo spero, altrimenti la mia vita sarebbe inutile.
Matteo: Verissimo. Allora stai rischiando molto guardando dentro di te. Tu dai troppo per scontato. Presumi di avere la capacità naturale di conoscere la verità semplicemente guardando dentro te stesso.
Silvana: Presumo tutto. Cerco di capire tutto da sola. Non credo alle opinioni degli altri.
Matteo: Se presumi tutto, dovresti anche presumere che le persone che conoscevano Gesù stessero dicendo la verità quando dicevano che era risorto dai morti. Se questo è vero, allora non hai il diritto logico di negare la risurrezione; ed è sicuramente possibile. Se è possibile, allora è necessario esaminare le prove. Se l’evidenza è lì, allora Gesù è risorto dai morti. Se lo ha fatto, è assolutamente significativo. Nessun altro l’ha fatto. Pertanto, ciò che Gesù ha detto deve essere vero.
Silvana: Ma la Bibbia è cambiata.
Matteo: La Bibbia è testualmente affidabile ed è stata scritta da testimoni oculari. Gesù disse che sarebbe risorto dai morti ( Giovanni 2:19-21 ). Lui lo fece.
Silvana: Ha detto cose belle, cose belle. Se tutti noi vivessimo secondo la Sua parola, questo sarebbe un mondo migliore.
Matteo: Vero. Ma tu non credi a quello che ha detto.
Silvana: Gesù ha detto che sarebbe risorto dai morti, ma anche mio padre. . . (veramente).
Matteo: Tuo padre ha camminato sull’acqua? Legge il cuore delle persone? Ha calmato una tempesta con un comando? Ha dato da mangiare a 5000 persone con pochi pesci? Ha resuscitato altri dalla morte? Ha guarito delle persone? Vedi, c’è di più oltre a una semplice rivendicazione. Gesù lo ha sostenuto con ciò che ha fatto.
Silvana: Credo a quello che ha detto quando parlava di bene e male. Non gli credo quando ha detto che sarebbe risorto dai morti.
Matteo :Ma se lo ha detto e tu non Gli credi, allora chiami Gesù bugiardo. Egli è colui che ha camminato sulle acque, ha affermato di essere Dio (Giovanni 8:58), e ha detto che sarebbe risorto dai morti (Giovanni 2:19-21).
Silvana: Non credo che abbia camminato sull’acqua, ecc. Ascolto solo le sue parole e ne estraggo le cose che trovo utili.
Matteo: Su quali basi fai questa tua estrazione?
Silvana: Sulla base di ciò che ritengo giusto o sbagliato?
Matteo: Allora ti prefiggi di essere il giudice finale di giusto e sbagliato. Hai risuscitato altri dai morti, hai camminato sulle acque, hai guarito persone, hai adempiuto la profezia? Perché dovrei crederti su Gesù?
Silvana: Non dovresti. Dovresti credere a tutto quello che ti piace. Dovresti credere a tutto ciò che ti fa sentire meglio. Questo è tutto ciò che riguarda la fede.
Matteo: Scusa, non sono d’accordo. Non è questo il senso della fede. La fede è buona solo quanto la persona in cui la metti. Sei il tuo stesso salvatore?
Silvana: Sì, lo spero.
Matteo: Mi fido di Gesù, della sua risurrezione, della sua verità, ecc. È stato bello chiacchierare con te.
Il dialogo finì lì poiché era tardi.
Come potete vedere da questo dialogo, Silvana non ha motivo per il suo metodo per determinare la verità, per non parlare della veridicità delle affermazioni di Gesù. La risurrezione è stata attestata da testimoni oculari. La Bibbia è affidabile e degna di fiducia. Per lei negare arbitrariamente la veridicità della risurrezione di Gesù è illogico e contrario all’evidenza.

M. S.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*