LA COMMISSIONE FAMIGLIA-MATRIMONIO-COPPIE DI FATTO NOMINATA DALLA TAVOLA ALZA IL TIRO (2° parte)

Le benedizioni alle coppie gay erano solo un aperitivo!

Con questo comunicato della Commissione “Famiglia, Matrimonio e Coppie di fatto”, si va persino oltre l’ala estrema della “teologia” pro-omosessualità. Abbiamo evidenziato altre volte che, nonostante l’unità di azione, vi sono due “scuole di pensiero” nella Chiesa Valdese.

Una è quella, ad esempio, del pastore Aldo Comba, quella “moderata” che dice: “omosessuali si nasce, così come si nasce neri o amerindi, mancini o rom”. Dunque non accettare la pratica omosessuale è come non accettare che uno abbia la pelle di colore diverso e dunque è una mostruosità. Di qui a benedire liturgicamente ce ne dovrebbe passare parecchio, anche perché nessuno pensa di benedire i mancini in quanto tali, ma meglio non sottilizzare troppo.

L’altra scuola di pensiero, è quella, ad esempio, della pastora e professora Letizia Tomassone, secondo la quale, grazie al fatto di essere valdesi, si ha la possibilità di “avere relazioni [sessuali/affettive] significative con uomini e con donne”. Dunque, par di capire, non è come dice Comba che non si può scegliere. Si può scegliere benissimo.

È comunque evidente che le teorie delle due “scuole” sono non solo diverse, ma in aperta contraddizione fra di loro. Questo però non è oggetto di alcun dibattito, ma solo di domande poste da questo sito. Perché? La modesta spiegazione che ci viene in mente è che in realtà le teorie non interessino né agli uni né agli altri. Quel che interessa è la presa di posizione pro-gay, che obbedisce ai dogmi e alla moda del politicamente corretto. Come si spieghi la presa di posizione è trascurabile.

In ogni caso, il documento della Commissione va oltre entrambe le “scuole” su almeno tre punti:

1. È proprio nella “ricerca multiforme di relazioni coniugali e familiari” che c’è uno spazio privilegiato di espressione della fede, dice la Commissione. Non è più una possibilità, ma è una opzione privilegiata. Chi, anziché fare ricerche di questo tipo si limita a cercare di applicare Genesi 2:24 (“Perciò l’uomo lascerà suo padre e sua madre e si unirà a sua moglie, e saranno una sola carne”) e il comandamento Non commettere adulterio e a fare crescere in quell’ambito l’amore che viene da Dio è un cristiano di serie B.

2. Finalmente si risponde alla nostra domanda fatta fin dal 2010: se benediciamo le coppie dello stesso sesso, perché non benedire anche le unioni adulterine o incestuose (anch’esse proibite dalla Bibbia) o multiple o chissà come? La risposta della Commissione è chiara: dovremmo fare anche questo al più presto. Essa infatti afferma con sentenziosa certezza che si deve “vivere tutte le forme di famiglia in modo cristiano” e “relativizzare ogni modello di famiglia”, con tanto di corsivo per le parole “tutte” e la parola “ogni”.

3. Ultima e micidiale novità: le multiformi relazioni “coniugali e familiari” (in pratica quelle sessuali, anche non molto durature, visto che si deve fare “ricerca”) non sono semplicemente una espressione di libertà. Sono molto di più: “spazi privilegiati di espressione della fede e dell’amore conosciuti in Cristo”. Siamo più o meno arrivati al “Non lo fo per il piacer mio, lo fo per piacere a Dio” la frase che si ritiene giustificasse le mogli nell’adempimento del “dovere coniugale” nelle epoche sessuofobiche che ci hanno preceduto. È proprio vero che gli estremi si toccano: in questo caso, entrambi sono stravolgimenti della parola di Dio, che non ha mai condannato il sesso, tanto meno ha mai benedetto quello fra persone dello stesso sesso.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*