Nulla sia più forte della vostra fede

GIOSUÈ GIANAVELLO

Il Sinodo conferma la rotta dell’annientamento. Che Dio abbia pietà del suo popolo

Si è concluso il Sinodo 2015 con il discorso del Moderatore, il Pastore Eugenio Bernardini, riconfermato insieme a tutta la Tavola (che non era in scadenza).

Un discorso sobrio, pacato, ricco di contenuti, diranno gli organi ufficiali evangelici (Riforma, Nev) e aperto all’ecumenismo e alla riconciliazione, diranno gli organi cattolici.

La realtà purtroppo è ben diversa. Nel discorso del Moderatore c’era molta autoreferenzialità e anche una buona dose di arroganza. In sintesi: noi Valdesi siamo gli unici a leggere la Scrittura nel modo corretto, a dare spazio alle vere esigenze del nostro tempo e con la nostra superiorità morale ci possiamo anche permettere di giudicare coloro che non la pensano come noi. Così Bernardini pontifica citando forze politiche (avverse) che si oppongono o semplicemente criticano l’attuale modello di “immigrazione selvaggia”, oppure ignorando tutte le realtà ecclesiastiche che ancora fanno riferimento alla “Sola Scrittura” e non accettano di aprirsi alla modernità, come ad esempio benedire unioni tra individui dello stesso sesso in nome di un senso distorto dell’amore di Dio.

Mentre un abbraccio fraterno lo riserva al pontefice cattolico (e al suo delegato), che ha chiesto perdono per gli orrori che la sua Chiesa ha commesso in passato, senza tuttavia sconfessare coloro che tali atrocità hanno commesso, e che vengono ancora venerati con l’onore degli altari (Santi cattolici).

Ma, come è apparso chiaro, quello che adesso importa alla nomenclatura della Chiesa Valdese è trovare alleati che sulle questioni “civili” la pensano come loro, poco importa se ci sono abissi ancora aperti sulle questioni teologiche fondamentali e irrinunciabili per una Chiesa Riformata.

Intanto ci si prepara a celebrare i 500 anni della Riforma cercando di coinvolgere le altre chiese sorelle. I Luterani hanno rifiutato la proposta valdese di un Sinodo congiunto. Ci domandiamo il perché, visto che in Sinodo non è stato spiegato.

I 180 deputati erano quasi tutti schierati a favore della linea ufficiale della Tavola, solo pochi dissidenti, comunque ignorati o zittiti con la sapiente regia che sta dietro ad ogni Sinodo, solo apparentemente democratico (metà sono pastori non eletti).

Anche i sermoni che aprivano le sedute mattutine sono stati abilmente proposti in salsa “pro linea Tavola”, per indirizzare i deputati su quello che dovevano poi votare (accoglienza indiscriminata degli immigrati, apertura al cattolicesimo romano, approvazione liturgia delle benedizioni delle unioni omosessuali). Tutti tranne uno, dove un pastore (non italiano) ha ricordato come senza Gesù Cristo non si va da nessuna parte, come non deve essere l’intelligenza dell’uomo a guidare un credente, bensì la sapienza di Dio, come l’amore per Dio deve necessariamente venire prima e guidare l’amore per il prossimo, altrimenti l’azione umana verso il suo prossimo diventa soltanto autoesaltazione umana. In buona sostanza, ha detto al Sinodo che nella nostra Chiesa manca la vera fede! Durante il suo sermone si poteva percepire il disagio che i 180 deputati provavano nell’ascoltare la sua predicazione, ma non un disagio di pentimento, bensì un disagio di fastidio per dover ascoltare cose ovvie ma ormai lontane da chi ha fatto della sua fede e della partecipazione alla sua chiesa una militanza soltanto laica, di tipo sociale o peggio ancora politico-sociale.

Poi le rassicuranti parole del Moderatore, che invece come un novello capitano del Titanic, mentre la sua nave affonda ogni anno di più, perdendo pezzi, ossia membri di Chiesa (altri 600 in meno nel 2014), continua imperterrito sulla rotta dell’annientamento, aggrappandosi a tutto, persino alla Costituzione Italiana, fuorché alla Parola di Dio scritturale, per legittimare blasfemità quali le benedizioni delle unioni omosessuali e altre deviazioni per andare a rimorchio della società civile, anziché essere un faro che la guidi (“Lux lucet in tenebris”).

Delusione, amarezza, tristezza e altro ancora, ma il senso è chiaro a chi ancora rivolge il cuore al Signore, cosa che purtroppo non lo è altrettanto alla Tavola e ai Sinodali che hanno confermato la rotta e il timoniere della Nostra Chiesa. Che Dio abbia pietà del suo popolo.

Nikodemos

3 Responses to “Il Sinodo conferma la rotta dell’annientamento. Che Dio abbia pietà del suo popolo”

  1. Calogero Fanara ha detto:

    “andare a rimorchio [degli istinti carnali] della società civile, anzicché essere un faro che la guidi”… Infatti. Ed è tragico, come lo era per quanti rimasti in pochi insieme ai profeti, avvertivano il popolo dei giudizi che avrebbe subito e che di fatto, come riportati nella rivelazione biblica, ha subito attraverso la Storia. Pure avendo in mano le tracce scritte di quanto è accaduto al popolo d’Israele, si ricomincia ne più e ne meno a cadere nella stessa disubbidienza… Mai come oggi i racconti dell’Antico Testamento sono stati così rilevanti e attuali.. Lo stiamo vedendo con i nostri occhi… Manteniamoci stretti a Cristo e non allontaniamoci dai vincoli biblici, Gesù ritorna!

  2. Alessio Rando ha detto:

    Ancor di più il Sinodo, come un novello Titanic, affonda sempre più nel mare dell’apostasia.
    Quando finirà tutto questo? Probabilmente solo al ritorno del Signore!

  3. Vincenzo Ribet ha detto:

    Ritengo che sarebbe assai auspicabile fare anche qui a Roma la presentazione dei due libri sulla Chiesa valdese e la sua confessione di fede.
    E’ una ipotesi da prendere in considerazione?
    Cordialmente
    Vincenzo Ribet

Rispondi a Alessio Rando Annulla risposta

Se il mondo vi odia, sappiate che ha odiato me prima di voi. Se foste del mondo, il mondo amerebbe ciò che è suo; ma poiché non siete del mondo, ma io vi ho scelto dal mondo, perciò il mondo vi odia. Se hanno perseguitato me, perseguiteranno anche voi; se hanno osservato la mia parola, osserveranno anche la vostra.
(Giovanni 15:18-20)

Traduttore

Così dice l'Eterno: «Fermatevi sulle vie e guardate, e domandate dei sentieri antichi, dove sia la buona strada, e camminate in essa; così troverete riposo per le anime vostre». Ma essi rispondono: «Non cammineremo in essa».
(Geremia 6:16)

Link Consigliati

                 

Visitatori 2010 : 43.446

Visitatori 2011 : 81.694

Visitatori 2012(fino a al 13 Novembre) : 85.636

Statistiche visitatori dal 14-11-2012

  • 2156502Totale Visitatori:
  • 488Oggi:
  • 1176Ieri:
  • 8505Ultimi 7 giorni:
  • 17081Questo mese:

Visitatori Online

Articoli Recenti