Fatti, non solo parole (Matteo 11:2-6) – Culto di Domenica 15 dicembre 2019

Terza domenica di Avvento

Siamo sommersi più che mai dalle parole. Politici e leader religiosi fanno discorsi, esortazioni, dichiarazioni di intenti, promesse, danno consigli e ricette. Sono spesso solo fumo fastidioso. Non stiamo neanche più ad ascoltarli. Vogliamo vedere fatti, e non parole. Giovanni, “il battezzatore”, aveva annunciato l’avvento imminente del Salvatore promesso, il Messia atteso. L’aveva indicato con precisione: “Eccolo colui del quale parlavo: Gesù di Nazareth”. Giovanni, però, dopo un po’ vuole ancora una conferma. Manda i suoi discepoli a verificare. Bei discorsi non bastano. Essi tornano e confermano: vi sono indiscutibili fatti. Nessuna ambiguità. Leggiamo di questo in Matteo 11:2-6.
———
Paolo Castellina

 

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*