\"NULLA SIA PIÙ FORTE DELLA VOSTRA FEDE\"

GIOSUÈ GIANAVELLO

Chiesa Valdese e Metodista: le origini della crisi (2). Una unione senza successo

Proseguiamo la pubblicazione dell’articolo di Giuseppe Rai

Ricordiamo tutti la promessa fatta da Dio ad Abraamo, di fare di lui il padre di una discendenza così numerosa da non potersi contare. Però Abraamo, che era ormai vecchio e che col passare del tempo stava perdendo la fiducia nella promessa di Dio, pensò di dovere (o potere) lui fare qualcosa per salvare la situazione, così visto che sua moglie Sara era già avanti con gli anni e incapace di procreare, pensò di concepire un figlio con Agar, la sua giovane serva, e dopo un po’ ecco che nasce Ismaele, il figlio della carne. Dio però aveva ben altri progetti e dopo aver lasciato che Abraamo si rendesse conto del suo ingenuo errore o della sua mancanza di fede, ribadisce che il figlio della promessa doveva nascere da Sara, sua moglie, e non dalla serva. A tempo debito nacque Isacco, il figlio della promessa, anche se Ismaele rimase e Dio, per amore di Abraamo, riservò anche a lui un futuro.

Possibile ritratto di Claudio, vescovo di Torino (775?-840?) considerato dai valdesi, fino almeno al XIX secolo, parte della storia valdese. Di qui il nome dell’editrice valdese Claudiana

Quanto oltre mezzo secolo fa le due Chiese (Valdese e Metodista) cominciarono a rendersi conto che il loro futuro era incerto a causa del calo di vocazioni, sentivano di dover trovare una soluzione, ma quella che hanno poi trovato, il Patto d’Integrazione, era tutta umana, come quella di Abraamo con Agar, e il Patto che ne è nato ha generato Ismaele e non Isacco!

La Chiese Valdese e quella Metodista, pur condividendo alcuni aspetti, in altri sono molto diverse e sono proprio queste diversità che lungi dall’arricchire le due chiese, come sperato gli autori del Patto, hanno invece finito per contribuire a spegnere entrambe, condannandole ad una lenta e inesorabile agonia.

La Chiesa Valdese, la più antica Chiesa Evangelica, che ha aderito alla Riforma, ma che di fatto l’ha preceduta di tre secoli, è sempre stata una “Chiesa di popolo”; la potremmo definire un Israele in chiave Cristiano-protestante; perseguitata, peregrina tra Italia, Svizzera e Francia, ha la sua forza proprio nella sua identità di Popolo-Chiesa. L’evangelizzazione non è mai stata una delle sue principali vocazioni, anche se ci sono state conversioni nel corso dei secoli, i Valdesi erano assai più attenti a conservare la loro fede/identità di piccolo popolo eletto. Potremo dire che Valdesi si nasce… la sua teologia è quella Calvinista, e con questo abbiamo spiegato chi sono i Valdesi.

La Chiesa Metodista, nata nel settecento da una costola della Chiesa

John Wesley (1703-1791), fondatore della Chiesa Metodista, benché la sua intenzione fosse quella di dare nuovo vigore a quella anglicana

Anglicana, in Italia è arrivata come chiesa missionaria nell’ottocento; evangelizzare gli ultimi è stato da sempre la sua missione e la sua forza. Quella Metodista è una tipica chiesa del risveglio e anche la sua teologia originaria risente molto del percorso di santificazione individuale e della grazia, nel senso Arminiano del termine.

In sostanza la storia delle due chiese ha ben poco in comune, se non il fatto che entrambe in Italia sono state unite dal comune antipapismo di risorgimentale memoria, e da uno schieramento politico dei loro membri nelle correnti massoniche nell’anteguerra e nella sinistra italiana nel secondo dopoguerra.

Un abbraccio che ci assicura per sempre – Culto di domenica 28 maggio 2017

Mangiare assieme celebra e rinsalda la comunione di famigliari ed amici. Per i cristiani esso assume un particolare significato perché celebra e rinsalda la nostra comunione con il nostro Signore e Salvatore Gesù Cristo e fra di noi come suo corpo. Prima della sua sofferenza e morte Gesù fa un’ultima cena con i suoi discepoli celebrando e rinsaldando il suo amore per loro che giunge fino a dare per loro la sua vita stessa. In quell’occasione Gesù prega Dio Padre affinché egli li protegga per il tempo e l’eternità. Dal testo di Giovanni 17:1-11 scopriamo come non solo quella preghiera riguardi anche noi ma come ci insegni quattro verità fondamentali.

Domenica 28 Maggio 2017 – Settima Domenica di Pasqua

Confessione di fede: Catechismo minore di Westminster.

D/R 26 In che modo Cristo esegue il compito di Re?

Testi biblici: Atti 1:6-14; 1 Pietro 4:12-14; 5:6-11; Giovanni 17:1-11; Salmi 68:1-10, 33-36

Salmo da cantare: 68 [Che Dio si levi (Ginevrino)].

Preghiera: O Dio, Re di gloria, tu hai esaltato tuo Figlio Gesù Cristo facendolo trionfare ed entrare nel tuo regno in cielo. Non lasciarci privi di conforto, ma manda il Tuo Spirito Santo a rafforzarci, per esaltarci alla fine là dove il Salvatore Gesù Cristo ci ha preceduto; lui che vive e regna con te e con lo Spirito Santo, un solo Dio, nella gloria eterna. Amen.

Predicazione: Un abbraccio che ci assicura per sempre (Giovanni 17:1-11).

Versione video: https://youtu.be/fyvgxJUUvVw

Collegamenti:

———
Paolo Castellina

​Navigando verso la meta sospinti dal “vento giusto” – Culto di domenica 21 maggio

Dove sta andando la storia umana? Verso un inarrestabile progresso? Verso il caos e l’autodistruzione? In corsi e ricorsi sempre uguali?  Da nessuna parte? No, la storia umana segue il corso stabilito da Dio e si muove verso gli obiettivi che Egli ha stabilito. Di questi piani Egli ne ha dato intelligenza al suo popolo. Ce ne parla il testo biblico di questa settimana: Giovanni 16:13-15.

Domenica 14 Maggio 2017 – Quinta Domenica di Pasqua

Confessione di fede: Catechismo minore di Westminster.

D/R 25 In che modo Cristo esegue il compito di Sacerdote?

Testi biblici: Atti 17:22-31; 1 Pietro 3:13-22; Giovanni 14:15-21; Salmi 66:7-18

Salmo da cantare: 66 [Popoli in coro, orsù lodate (Ginevrino).

Preghiera: Oh Dio, che hai preparato per coloro che ti amano cose che vanno ben oltre la nostra comprensione: riversa nel nostro cuore un tale amore verso di Te che noi, amandoti in ogni cosa e sopra ogni cosa, si ottenga ciò che Tu prometti, che va ben oltre a quanto noi si potrebbe desiderare; per Gesù Cristo, nostro Signore, che vive e regna con te e con lo Spirito Santo, un solo Dio, nei secoli dei secoli. Amen.

Predicazione: Navigando verso la meta sospinti dal “vento giusto” (Giovanni 16:13-15)

Versione video: https://youtu.be/rQIH39viQuE

Collegamenti:

———
Paolo Castellina

Chiesa Valdese e Metodista: le origini della crisi

di Giuseppe Rai

Giuseppe Rai ha già scritto su questo sito, sia pure sotto pseudonimo. Lo ringraziamo per questo nuovo contributo, questa volta con il suo nome, che pubblichiamo in diverse parti, data la sua lunghezza.

Non ci sono più dubbi ormai, dentro la Chiesa lo ammettono da più parti; la Chiesa Valdese (Unione delle Chiese Metodiste e Valdesi) è in crisi! Una crisi che coinvolge diversi aspetti della vita ecclesiale, dei quali quello numerico, con un progressivo ed inarrestabile calo dei membri, è soltanto il più evidente, la punta dell’iceberg di una crisi molto più vasta e profonda.

Fino a pochi anni fa, di fronte ad un progressivo declino dei numeri, la risposta che l’establishment si e ci dava, era soltanto quella di “ignorare il problema” o tuttalpiù di consolarsi con il fatto che anche le altre Chiese (storiche) soffrivano dello stesso fenomeno; adesso però i numeri, i maledetti numeri (membri di Chiesa e contribuzioni) costringono tutti, a cominciare dai Pastori e dal resto dell’establishment, ad affrontare il problema, senza più nascondere la testa sotto la sabbia.

Che cos’è che non va nella Chiesa Valdese? Qual è la causa del suo progressivo “svuotamento”?

Dare una risposta non è facile, o meglio lo è, però così facendo si corre il rischio di banalizzare. Se sottoponessimo tutta la questione ad un gruppo di fedeli di un’altra Chiesa Cristiana, tra quelle che invece di essere in crisi sono in espansione, e nel giro di pochi giorni ci direbbero subito quali sono le cose che non vanno da noi, facendo un semplice confronto con la loro realtà.

Senza scomodare questi fratelli però, possiamo anche noi fare un’analisi interna per cercare le radici dei mali che ci affliggono.

Il nostro “male” non è cosa recente, ma ha origini lontane, almeno mezzo secolo, se non oltre, e se oggi si è cronicizzato, è solo perché durante gli ultimi cinquant’anni non si è voluto trovare una cura adeguata (poi vedremo anche il perché).

Cominciamo dal cd “Patto d’integrazione” di cui si è recentemente ricordato il quarantennale; Valdesi e Metodisti nel 1975 hanno deciso di trovare una via comune di testimoniare l’Evangelo in Italia. Durante le celebrazioni dell’anniversario si è più volte sottolineato come questo Patto abbia funzionato bene e come le sue origini siano state dettate dai molti punti di comunione che già allora legavano le due Chiese, Valdesi e Metodiste.

Non c’è dubbio che, al di là delle differenze teologiche delle due confessioni, che non pregiudicavano una comune azione di testimonianza, a giocare a favore del Patto sono state, da un lato la convergenza su molti temi etico-sociali e dall’altro la necessità di ottimizzare le forze (esigue) nella testimonianza. Questa seconda motivazione, però, denotava già allora la consapevolezza da parte dell’establishment delle due Chiese, dello stato di difficoltà che entrambe stavano attraversando già da diverso tempo (calo di vocazione e difficoltà di evangelizzare in una società sempre più laica e secolare). Unire le forze è quindi sembrata la soluzione più ovvia, ma purtroppo anche quella più “a buon mercato”, e come si sa, le soluzioni a buon mercato, o in termini biblici, quelle dettate dall’umano discernimento, che però non tengono veramente conto dell’opinione di Dio, produco molto spesso dei risultati deludenti, se non addirittura controproducenti a lungo andare.

(prima parte – continua)

Una predicazione che innesca una rivoluzione? – CULTO DI DOMENICA 14 MAGGIO 2017

La predicazione cristiana può suscitare in chi l’ascolta reazioni violente? Il più delle volte oggi, tutto quello che suscita sono spesso solo sbadigli ed attacchi di sonno per la noia di dover udire banalità inconcludenti che, in ogni caso, non turbano nessuno. Non così la predicazione fedele dell’Evangelo animata dallo Spirito Santo. È quello che succede dopo la predicazione di Stefano la cui risposta esaminiamo quest’oggi nel testo biblico di Atti 7:54-60.

Domenica 14 Maggio 2017 – Quinta Domenica di Pasqua

Confessione di fede: Catechismo minore di Westminster.

D/R 24. In che modo Cristo adempie al compito di Sacerdote?

Testi biblici: Atti 7:55-60; 1 Pietro 2:2-10; Giovanni 14:1-14; Salmi 31:1-5, 15-16

Salmo da cantare: 31 [Signor, fa' si ch'io non sia confuso (Ginevrino)].

Preghiera: Onnipotente Iddio, che vita eterna è conoscerti veramente: Concedici di conoscere Tuo figlio così perfettamente come via, verità e vita, che noi si possa perseveranti seguire i Suoi passi sulla via che conduce a vita eterna; per Gesù Cristo, Tuo figlio, nostro Signore, che vive e regna con Te nell’unità dello Spirito Santo, un solo Dio, nei secoli dei secoli. Amen.

Predicazione: Una predicazione che innesca una rivoluzione?

Versione video: https://youtu.be/AZtHJLWvYqg

Collegamenti:

———
Paolo Castellina

Nuove sorprese dalla Bibbia, fin “dal principio” (6). Un messaggio dal Pentateuco, nascosto per più di 3mila anni

Come abbiamo detto nelle parti precedenti (la prima, la seconda, la terza, la quarta, la quinta), esattamente all’inizio di Genesi e Esodo si trova la parola תורה , cioè “torah”, nome ebraico del Pentateuco, scritto nel modo normale, cioè da destra a sinistra, saltando 49 lettere dalla prima “t”, e – molto vicino all’inizio di Numeri e Deuteronomio, la si trova scritta a rovescio, saltando rispettivamente 49 e poi 48 lettere. Come avevamo già anticipato, in Levitico non si osserva questo fenomeno. Ma qualcuno ha cercato e cercato, come dice l’apostolo Paolo ha investigato le scritture, e nel terzo libro del Pentateuco ha trovato qualcos’altro. Ha trovato il nome di Dio nell’Antico Testamento, il “quadrilittero sacro”, quella parola, che si scrive יהוה , che gli Ebrei non leggono, dicendo invece

Il primo verso del Levitico. Nei cerchietti rossi, la parola “Yahwe”, con sette lettere di intervallo tra una lettera e l’altra

“Adonai”, cioè “il mio signore” quando la incontrano. Se pronunciata come si scrive dovrebbe essere “yahwe”, la stessa parola da cui i Testimoni di Geova prendono il nome. E dove si trova questa parola? Partendo dalla prima “y” del primo capitolo, poi saltando sette lettere ogni volta fino ad arrivare a alle quattro lettere della parola, come si vede nell’immagine qui a fianco. È evidente che l’intervallo di sette lettere è molto significativo. Sette è il numero biblico per eccellenza e 49, l’intervallo che si è riscontrato in Genesi, Esodo e Numeri, è sette volte sette. In Deuteronomio troviamo un intervallo di 48 lettere, ma questo vuol dire che ogni volta si deve leggere la quarantanovesima (7 volte 7).

Il messaggio è fortissimo: come proviamo a evidenziare nella figura qui a fianco, ci sono quattro dei cinque libri del Pentateuco convergono a indicare quello centrale. In altre parole al centro dell’insegnamento (questo è il significato proprio di “torah”, che molti traduttori rendono con “legge”; in entrambi i casi la cosa funziona benissimo), c’è Dio.

Vediamo quante probabilità ci sono che si tratti di un’ulteriore coincidenza. Proviamo ad essere il più severi possibile e diciamo che la parola “yahwe” che si trova in Levitico non è l’unica che possiamo immaginare, in quella posizione, anche se è difficile pensarne una più appropriata. Potrebbe forse esserci “elohim”, altra parola usata per indicare Dio, o un’altra parola ancora. E aggiungiamo che l’intervallo di 7 lettere è una possibilità in più rispetto a 49: in altre parole, se l’intervallo fosse stato di 49 lettere l’avremmo considerato lo stesso significativo. Nonostante questo, la probabilità che si verifichino le quattro particolarità che abbiamo visto nei precedenti capitoli in Genesi, Esodo, Numeri e Deuteronomio, e in più quella illustrata in questa parte a proposito del Levitico, è una su 3200 trilioni (una su 3.200.000.000.000.000). Che tu compri un solo biglietto della Lotteria d’Italia e vinca, e poi tu faccia la stessa cosa l’anno prossimo è 12 volte più probabile che accada rispetto a questo.

Insomma: NON È UN CASO. È chiaramente un fatto voluto. Rimasto nascosto migliaia di anni, finché un gruppo di studiosi l’ha scoperto circa 70 anni fa.

Nella prossima e ultima puntata vedremo quali sono le implicazioni di questo.

(sesta e penultima puntata)

Come Cristo o come tutti gli altri? – Culto di domenica 7 maggio 2017

 L’aspirazione ad “essere come tutti gli altri” è tipica di questo mondo.
Non è però quella del cristiano che, piuttosto, è quella di somigliare al Gesù, il Signore e Salvatore Gesù Cristo. È Lui il pastore che seguiamo fiduciosamente, perché seguire l’andazzo di questo mondo vuol dire andare in rovina, mentre seguire Gesù è salvezza.
Studieremo oggi l’argomento sulla base del testo biblico 1 Pietro 2:19-25. Lo faremo considerando (1) La perfezione della persona di Cristo; (2) In che senso Gesù deve essere nostro esempio; (3) Perché debba essere questo l’obiettivo della nostra vita; (4) alcune specifiche applicazioni, e (5) in che modo si possa assomigliare a Cristo.
———
Paolo Castellina

“Voi siete la luce del mondo” (Matteo 5:14) (3a e ultima parte)

di Marco Soranno

(segue dalla seconda parte)

Il pericolo non consiste nel fatto che la luce si spenga. I Cristiani debbono guardarsi da certi comportamenti che danneggerebbero la testimonianza al mondo:

1] La luce non va nascosta. Il discepolo di Cristo non deve chiudersi nella propria intimità (cosa che rivela oscurità), con il pretesto di darsi alla contemplazione, poiché non è mai stato comandato da Gesù. Il Chiostro (sia esso mentale o materiale) non appartiene al discepolato dei seguaci di Cristo, i quali debbono illuminare il mondo con l’esempio piuttosto che con la fuga. Per quelli che hanno bramosia di allegorizzare tutto, l’immagine della città non è del tutto adatta all’idea delle opere. Ma bisogna tenere conto che: 1) non si tratta di un’allegoria, Gesù parla di una città che è visibile da lontano; 2) Gesù parla di una città, quindi non si riferisce alla città per eccellenza (Gerusalemme, città di Dio sul monte Sion) ma semplicemente a una città sita su un monte; 3) anticamente, per questioni igieniche, quanto per maggiore sicurezza contro i criminali, le città (e le borgate) della Palestina erano edificate sulla sommità o i fianchi della montagna,e dunque a motivo della loro posizione elevata non possono essere nascoste. La Chiesa è dunque destinata ad occupare nel mondo una posizione eminente affinché possa svolgere con efficacia la missione affidatagli.

Il moggio (il contenitore d’argilla per misurare il grano) simboleggia ciò che è mondano e rischia di offuscare la nostra testimonianza. La robusta mondanità è tipica di tanti sedicenti discepoli, convinti che il vanto d’essere “di Cristo” autorizzi a vivere secondo il mondo, senza il benché minimo rischio.

2] La luce non deve abbagliare. La nostra testimonianza non dev’essere aggressiva. Dinanzi le coscienze più deboli e incerte di fronte ai cambiamenti nei confronti delle tradizioni, occorre rispetto. Perché riscoprano la fede, le persone dovranno maturare alla luce e al calore dell’Evangelo.

L’irruenza e l’intolleranza nei confronti di chi vuol affrettare il cambiamento nelle persone che vengono a contatto con la fede (e la Chiesa) Evangelica, non è una cosa buona. Un simile agire è demagogico, non pedagogico! Si lusingano le anime deboli, piuttosto che fortificarle.

Ricordiamocelo: I frutti matureranno a tempo debito, dal seme fecondo della Parola di Dio. Questo deve motivare l’evangelizzazione senza cedere però alla nevrosi, all’ansia da prestazione.

3] Il Cristiano non brilla di luce propria: Non dobbiamo vantarci di noi stessi. La nostra teologia, tradizione e identità religiosa non sono la luce. Tutto ciò che rende passivo il discepolo, non dà gloria a Dio. A differenza del sale (che può diventare insipido), la luce non perde il proprio splendore ma ciò non giustifica indolenza, bensì piena aderenza all’Evangelo. Nessuna pretestuosa “illuminazione interiore” (esperienza emotiva separata dalla Parola) ma la piena adesione al Vangelo: Tale è il criterio per definire la luce del Signore dagli effimeri bagliori della religione.

Matteo usa l’espressione καλὰ ἔργα che possiamo rendere con azioni nobili, onorevoli, quindi tutti i discepoli devono essere operosi, concreti nel manifestare gli effetti dell’insegnamento di Gesù.

Matteo (a differenza di Paolo) considera indicativo e imperativo. Il suo Vangelo è tra i pochi libri del N.T. in cui l’onore al Signore Dio appaia così chiaramente come l’obiettivo di tutto l’agire cristiano. Quando la vera luce illumina gli uomini, essi sono esortati a farla risplendere (Isaia 60:1-3). La Chiesa è la comunità di fede che deve far brillare la luce (adesione al Vangelo di Cristo) mediante le opere. Ciò vuol dire che i cristiani sono luce del mondo, perché lasciano brillare le loro opere.

L’indicativo “voi siete la luce del mondo” è una richiesta che è necessario attuare tramite le azioni, senza fermarsi alle parole.

Il Vangelo ci parla di buone azioni e ciò si presta a due interpretazioni: 1) traducendo l’espressione ebraica ma’asìm tòvìm, si intendono le richieste di Dio (opere pie, elemosine) che non sono prescritte come Legge dalla Toràh; 2) dopo la scomparsa degli Apostoli, i teologi intesero le parole di Gesù come definizione della prassi cristiana (cf. Il Pastore di Erma, la 2° Lettera di Clemente). NB: Per noi evangelici, parlarne è tutt’atro che facile. La nostra teologia contesta le cosiddette opere meritorie, ma non esclude affatto le opere di fede. In altre parole, l’opera è conseguenza della fede, non sua premessa. Le buone opere dimostrano concretamente il nostro cambiamento di vita. Pertanto, l’essere luce del Signore è strettamente connesso al frutto di luce (Efesini 5:9). In tutto ciò consiste il servizio cristiano: le diaconie sono connesse all’evangelizzazione poiché l’esempio insegna, e quanti hanno pregiudizio contro il Cristianesimo, nel vedere le nostre buone opere, possono essere portati ad amare la verità.

Concludendo, questo brano del Vangelo allontana dalla sete di gloria che è propria dell’uomo (cf. Teodoro di Eraclea).

Impariamo così quanto i Cristiani debbano essere santi e spirituali, perché solo una vita conforme all’Evangelo dà senso al nostro chiamarci Cristiani. Dopo cinquecento anni, la Riforma conserva tutto il valore, poiché l’urgenza della Chiesa Riformata e non conformata, ci sprona a effondere una luce che nessuna tenebra intellettuale e morale potrà mai offuscare.

Amen.

 

 

Alle radici della nostra libertà – Culto di domenica 30 aprile 2017

La libertà è un valore molto importante. Insieme alla democrazia e ad altri valori, fa parte della cultura occidentale ed è fermamente radicata nella fede ebraica e cristiana. La difesa della libertà, però, non è soltanto qualcosa che riguardi l’azione politica e sociale. Dobbiamo essere noi stessi, interiormente e spiritualmente, persone libere. Questo è il dono di Cristo quando lo seguiamo consapevolmente e con impegno come suoi discepoli. È ciò che ci insegna la Parola di Dio nel testo biblico di questa settimana: 1 Pietro 1:18-21.

Domenica 30 Aprile 2017 – Terza Domenica di Pasqua

Confessione di fede: Catechismo minore di Westminster.

D/R 22 In che modo Cristo, essendo Figlio di Dio, divenne uomo?

Testi biblici: Atti 2:14a,36-41; 1 Pietro 1:17-23; Luca 24:13-35; Salmi 116:1-3, 10-17

Salmo da cantare: 116 [Amo l'Eterno, mio soccorritor (Ginevrino)].

Preghiera: O Dio, il cui beato Figlio hai fatto conoscere ai Suoi discepoli nello spezzare del pane: Apri gli occhi della nostra fede, affinché possiamo contemplarlo nella Sua opera redentrice; che vive e regna con Te, nell’unità dello Spirito Santo, un solo Dio, ora e per sempre.

Predicazione: Alle radici della nostra libertà (1 Pietro 1:18-21).

Versione video: https://youtu.be/zZdUcFKAJmU

Collegamenti:

———
Paolo Castellina

“Voi siete la luce del mondo” (Matteo 5:14) (2a parte)

di Marco Soranno

(Segue dalla prima parte)

Chi rappresenta la luce del mondo oggi? Vi sono denominazioni che proclamano di essere l’unica espressione legittima della luce del mondo, ma ciò è fuorviante, perché la metafora della luce è rivolta al gruppo dei discepoli, gruppo piccolo e perseguitato. Gesù coinvolge tutta la Chiesa, non soltanto quelli che da molti sono considerati “addetti ai lavori” (teologi, pastori e predicatori).

V’è un richiamo all’Antico Testamento, poiché Israele fu chiamato da Dio ad essere Luce delle nazioni (Isaia 42:6; 49:6). Allo stesso modo, la Chiesa è da Lui chiamata a svolgere il medesimo ruolo, perchè tutto il Corpo di Cristo attraverso le epoche (Universale) e in ogni luogo (Locale) illumina il mondo (i Cristiani non debbono coltivare soltanto tra loro la speranza in Gesù, altrimenti diventano una consorteria).

Come intendere la parola mondo? Non pochi tra noi ne fanno una applicazione che risulta drastica: tutto ciò che riguarda noi “non piace a Dio” ed è prossimo ad esser distrutto. Ma non è così, perché il mondo è oggetto dell’amore di Dio (Giovanni 3:16) e proprio per questo va evangelizzato, non “bannato”.

Le persone hanno bisogno d’essere illuminate per poter capire la loro condizione peccaminosa, dovuta alle tenebre che separano da Dio.

Il pronome voi è enfatico. Se il cristiano è fedele alla sua missione, avendo accettato Gesù come luce del mondo, diverrà riflettore di questa luce.

Occorre dire cosa significhi essere luce per noi, oggi:

1] La luce vince le tenebre: Non è uno slogan. La luce è da sempre simbolo della presenza di Dio, che ha suscitato la Chiesa affinché vinca le tenebre del peccato e dell’ignoranza, rettificando gli errori e annunciando l’Evangelo ai perduti, affinché si ritrovino. La missione della Chiesa viene meno se prevale la tendenza a sminuire la gravità del peccato, poiché ancora oggi vi sono quelli che mutano la luce in tenebre (Isaia 5:20). Parlare di tenebre che accecano l’umanità per molti sa di “medioevo”, eppure è una verità senza tempo, proprio come lo è la promessa di Dio di vincere le tenebre.

2] La luce serve per indicare la direzione: Nell’annunciare la Buona Notizia, siamo tutti coinvolti quale popolo di convertiti: Il popolo che camminava nelle tenebre, vede una gran luce; su quelli che abitavano il paese dell’ombra della morte, la luce risplende (Isaia 9:1).

L’Evangelo invita alla conversione, cioè al cambio di direzione/comportamento.

Nel condurre a Cristo gli altri, indichiamo loro la strada giusta da seguire. La via per guadagnare il Cielo? No, ma il modo di ricevere il Cielo dentro di noi. Il nostro stile di vita testimonia il cammino che si è intrapreso in Cristo, ma dobbiamo ricordarci che in quanto Cristiani, siamo guidati dalla Parola (Salmo 119:105), dal precetto e dall’insegnamento (Proverbi 6:23). Quindi la dottrina è importante.

3] La luce significa separazione: Dio vide che la luce era buona; e Dio separò la luce dalle tenebre (Genesi 1:4). In vista della nuova creazione (Matteo 19:28), Dio ci separa, o ci mette a parte, per uno scopo: appartenergli appieno. La luce di Cristo esorta a santità tutti quelli che Egli chiama (Romani 8:30). Ci separiamo dalle cose del mondo (1Giovanni 2:15) ma non compiamo una fuga dalla vita! dobbiamo viverla come dono anziché peso, a motivo della nuova umanità che abbiamo ricevuto in Gesù. Soltanto così, i cristiani non rimarranno al di sotto del livello morale indicato nel Sermone sul monte.

(seconda parte – continua)

Se il mondo vi odia, sappiate che ha odiato me prima di voi. Se foste del mondo, il mondo amerebbe ciò che è suo; ma poiché non siete del mondo, ma io vi ho scelto dal mondo, perciò il mondo vi odia. Se hanno perseguitato me, perseguiteranno anche voi; se hanno osservato la mia parola, osserveranno anche la vostra.
(Giovanni 15:18-20)

Traduttore

Così dice l'Eterno: «Fermatevi sulle vie e guardate, e domandate dei sentieri antichi, dove sia la buona strada, e camminate in essa; così troverete riposo per le anime vostre». Ma essi rispondono: «Non cammineremo in essa».
(Geremia 6:16)

Link Consigliati

                 

Visitatori 2010 : 43.446

Visitatori 2011 : 81.694

Visitatori 2012(fino a al 13 Novembre) : 85.636

Statistiche visitatori dal 14-11-2012

  • 1349095Totale Visitatori:
  • 767Oggi:
  • 1022Ieri:
  • 6695Ultimi 7 giorni:
  • 18240Questo mese:

Visitatori Online

Articoli Recenti