\"NULLA SIA PIÙ FORTE DELLA VOSTRA FEDE\"

GIOSUÈ GIANAVELLO

Il capo dei gesuiti non crede nella Bibbia

“Padre” Arturo Sosa Abascal, da pochi mesi eletto Preposito Generale della Compagnia di Gesù, cioè il capo dei gesuiti, ha detto in un’intervista: “bisognerebbe incominciare una bella riflessione su che cosa ha detto veramente Gesù. A quel tempo nessuno aveva un registratore per inciderne le parole”.

Abascal, in un certo senso, è anche il capo di Jorge Bergoglio, in quanto gesuita.

Il catechismo della chiesa cattolica, al capitolo 81 dice: “La Sacra Scrittura è la Parola di Dio in quanto è messa per iscritto sotto l’ispirazione dello Spirito divino”.

Ma se Abascal non si fida della Scrittura, al punto da dire che “non si sa cosa ha detto veramente Gesù”, è anche giusto e coerente che non si fidi del suo catechismo. In altre parole: se non crede in Gesù, del quale sappiamo cosa ha detto e fatto unicamente dalla Bibbia, alla quale non crede, sarebbe assurdo che credesse alla Chiesa Cattolica, per quanto in essa abbia un ruolo assai importante.

Abascal, che in un certo senso è anche il capo di Jorge Bergoglio, in quanto gesuita dice anche: “nell’ultimo secolo nella chiesa c’è stato un grande fiorire di studi che cercano di capire esattamente cosa volesse dire Gesù. Ciò non è relativismo, ma certifica che la parola è relativa, il Vangelo è scritto da esseri umani, è accettato dalla chiesa che è fatta di persone umane”. Notevole che dica “nell’ultimo secolo”, come se Paolo, Agostino d’Ippona, Tommaso d’Aquino e tutti gli altri si fossero occupati d’altro che non di capire “cosa volesse dire Gesù”. E se bisogna aspettare 1900 anni per capirlo significa che la “ispirazione dello spirito divino” non funziona molto bene. La sostanza è, insomma, piuttosto chiara: “nell’ultimo secolo” c’è stato davvero qualcosa di assai diverso da quello che è accaduto nei diciannove precedenti secoli di cristianesimo, cioè sedicenti “teologi” hanno deciso di saperne più di Paolo, più degli evangelisti… alla fine più di Gesù stesso.

La Chanson del Vaudois, canto valdese probabilmente della fine del XVI secolo, dice, nell’ultima strofa:

Dieu veuille avoir merci de nos pauvres ministres

Qui sont dans le Piémont parmi les Jesuites.

Dieu leur fasse la grâce de pouvoir tenir bon

A chanter Ses louanges et à benir son nom.

Dio voglia aver pietà dei nostri poveri pastoriChe sono nel Piemonte fra i Gesuiti.

Dio faccia loro la grazia di perseverare

Nel cantare le Sue lodi e a benedire il Suo nome.

All’epoca molti pastori valdesi erano prigionieri in varie località del Piemonte e generalmente erano inquisitori gesuiti a tormentarli in ogni modo perché rinunciassero alla loro fede.La preghiera contenuta nel canto fu esaudita e le abiure furono pressoché nulle. 

Oggi invece è successo addirittura il contrario: molti pastori valdesi hanno preceduto i Gesuiti nell’abbandonare Gesù Cristo.

 

Leave a Reply

*

Se il mondo vi odia, sappiate che ha odiato me prima di voi. Se foste del mondo, il mondo amerebbe ciò che è suo; ma poiché non siete del mondo, ma io vi ho scelto dal mondo, perciò il mondo vi odia. Se hanno perseguitato me, perseguiteranno anche voi; se hanno osservato la mia parola, osserveranno anche la vostra.
(Giovanni 15:18-20)

Traduttore

Così dice l'Eterno: «Fermatevi sulle vie e guardate, e domandate dei sentieri antichi, dove sia la buona strada, e camminate in essa; così troverete riposo per le anime vostre». Ma essi rispondono: «Non cammineremo in essa».
(Geremia 6:16)

Link Consigliati

                 

Visitatori 2010 : 43.446

Visitatori 2011 : 81.694

Visitatori 2012(fino a al 13 Novembre) : 85.636

Statistiche visitatori dal 14-11-2012

  • 1290179Totale Visitatori:
  • 364Oggi:
  • 1797Ieri:
  • 8858Ultimi 7 giorni:
  • 36014Questo mese:

Visitatori Online

Articoli Recenti