\"NULLA SIA PIÙ FORTE DELLA VOSTRA FEDE\"

GIOSUÈ GIANAVELLO

Il Sinodo dirà che omosessualità è “famiglia”. Abbandonato il fondamento biblico, ci si basa su documenti politici, giuridici e “scientifici” (1)

Il bel vantaggio di avere un Sinodo in maggioranza non eletto è che si può sapere già prima che cosa deciderà. Infatti, page l’antropologa Paola Schellenbaum, case nell’articolo principale dell’ultimo numero di Riforma, generic dal titolo “La famiglia cambia, cambino le leggi”, annuncia che la “commissione famiglie” presenterà al Sinodo un documento che “andrà nella direzione” indicata da organismi politici internazionali e cioè del “riconoscimento legale delle unioni civili” (non c’è neanche bisogno di dire che si tratta di unioni omosessuali) che vanno “sostanzialmente allineate al matrimonio”.

Già è interessante leggere che la commissione, di cui la Schellenbaum pare far parte, poiché dal sito ufficiale della Chiesa Valdese sappiamo che è “composta da tre pastori, un’antropologa e un giurista”, ora si chiama “commissione famiglie”, mentre quella ufficiale pare (usiamo sempre formule dubitative perché, come sappiamo, la trasparenza è sempre scarsa e le regole molto ballerine) essere ancora “Commissione famiglia, matrimonio e coppie di fatto”. Il passaggio da “famiglia” a “famiglie” indica ovviamente il nuovo articolo di fede, per il quale esistono “una pluralità di famiglie”, nel senso che una coppia omosessuale è anche famiglia. Chi abbia autorizzato tale nuova denominazione ovviamente non è dato sapere, ma è chiaro che la commissione ha un compito unilaterale e non ha nessuna intenzione di ascoltare le voci di coloro che sono contrari alla deriva recente, come ad esempio le comunità valdesi cosiddette “multietniche”, che anzi proprio la commissione aveva definite come affette da “omofobia ancestrale”.

Il lavoro della “commissione famiglie” è molto importante perché si propone l’annientamento del Documento sinodale sul matrimonio del 1971, considerato “ormai obsoleto”, in quanto basato sulla Scrittura. Abbiamo anche letto dei maldestri tentativi di dimostrare che anche la Bibbia “relativizza la famiglia”, peraltro ad opera proprio del presidente della commissione famiglia/famiglie. È perciò quasi da prendere con sollievo che la Schellenbaum non azzardi citazioni bibliche, ma – come è ormai consueto – consideri come autorità sulla cui base la Chiesa dovrebbe prendere le decisioni cose del tutto mondane: la corte di Strasburgo, il Parlamento europeo, la presidente della Camera Laura Boldrini, un saggio antropologico, e un libello scritto nella forma di una “lettera al Papa”. (continua)
Il bel vantaggio di avere un Sinodo in maggioranza non eletto è che si può sapere già prima che cosa deciderà. Infatti, page l’antropologa Paola Schellenbaum, case nell’articolo principale dell’ultimo numero di Riforma, generic dal titolo “La famiglia cambia, cambino le leggi”, annuncia che la “commissione famiglie” presenterà al Sinodo un documento che “andrà nella direzione” indicata da organismi politici internazionali e cioè del “riconoscimento legale delle unioni civili” (non c’è neanche bisogno di dire che si tratta di unioni omosessuali) che vanno “sostanzialmente allineate al matrimonio”.

Già è interessante leggere che la commissione, di cui la Schellenbaum pare far parte, poiché dal sito ufficiale della Chiesa Valdese sappiamo che è “composta da tre pastori, un’antropologa e un giurista”, ora si chiama “commissione famiglie”, mentre quella ufficiale pare (usiamo sempre formule dubitative perché, come sappiamo, la trasparenza è sempre scarsa e le regole molto ballerine) essere ancora “Commissione famiglia, matrimonio e coppie di fatto”. Il passaggio da “famiglia” a “famiglie” indica ovviamente il nuovo articolo di fede, per il quale esistono “una pluralità di famiglie”, nel senso che una coppia omosessuale è anche famiglia. Chi abbia autorizzato tale nuova denominazione ovviamente non è dato sapere, ma è chiaro che la commissione ha un compito unilaterale e non ha nessuna intenzione di ascoltare le voci di coloro che sono contrari alla deriva recente, come ad esempio le comunità valdesi cosiddette “multietniche”, che anzi proprio la commissione aveva definite come affette da “omofobia ancestrale”.

Il lavoro della “commissione famiglie” è molto importante perché si propone l’annientamento del Documento sinodale sul matrimonio del 1971, considerato “ormai obsoleto”, in quanto basato sulla Scrittura. Abbiamo anche letto dei maldestri tentativi di dimostrare che anche la Bibbia “relativizza la famiglia”, peraltro ad opera proprio del presidente della commissione famiglia/famiglie. È perciò quasi da prendere con sollievo che la Schellenbaum non azzardi citazioni bibliche, ma – come è ormai consueto – consideri come autorità sulla cui base la Chiesa dovrebbe prendere le decisioni cose del tutto mondane: la corte di Strasburgo, il Parlamento europeo, la presidente della Camera Laura Boldrini, un saggio antropologico, e un libello scritto nella forma di una “lettera al Papa”. (continua)

Domenica, more about 16 agosto – PRESENTAZIONE DEL LIBRO: “COSA E’ OGGI LA CHIESA VALDESE” da parte di Lucio Malan – PRESENTAZIONE DEL LIBRO “LA CONFESSIONE DI FEDE VALDESE DEL 1655? da parte di Paolo Castellina.

Lunedì, search 17 agosto – GIORNATA DEDICATA AI MEMBRI E SIMPATIZZANTI S.A.V.
Lunedì, 17 agosto, ore 21, presso Forterocca, Culto con Cena del Signore, Salmi, predicazione del past. Paolo Castellina.

Martedì, 18 agosto – GITA A RORA’, paese di Giosuè Gianavello: “NULLA SIA PIU’ FORTE DELLA VOSTRA FEDE”.

Il bel vantaggio di avere un Sinodo in maggioranza non eletto è che si può sapere già prima che cosa deciderà. Infatti, page l’antropologa Paola Schellenbaum, case nell’articolo principale dell’ultimo numero di Riforma, generic dal titolo “La famiglia cambia, cambino le leggi”, annuncia che la “commissione famiglie” presenterà al Sinodo un documento che “andrà nella direzione” indicata da organismi politici internazionali e cioè del “riconoscimento legale delle unioni civili” (non c’è neanche bisogno di dire che si tratta di unioni omosessuali) che vanno “sostanzialmente allineate al matrimonio”.

Già è interessante leggere che la commissione, di cui la Schellenbaum pare far parte, poiché dal sito ufficiale della Chiesa Valdese sappiamo che è “composta da tre pastori, un’antropologa e un giurista”, ora si chiama “commissione famiglie”, mentre quella ufficiale pare (usiamo sempre formule dubitative perché, come sappiamo, la trasparenza è sempre scarsa e le regole molto ballerine) essere ancora “Commissione famiglia, matrimonio e coppie di fatto”. Il passaggio da “famiglia” a “famiglie” indica ovviamente il nuovo articolo di fede, per il quale esistono “una pluralità di famiglie”, nel senso che una coppia omosessuale è anche famiglia. Chi abbia autorizzato tale nuova denominazione ovviamente non è dato sapere, ma è chiaro che la commissione ha un compito unilaterale e non ha nessuna intenzione di ascoltare le voci di coloro che sono contrari alla deriva recente, come ad esempio le comunità valdesi cosiddette “multietniche”, che anzi proprio la commissione aveva definite come affette da “omofobia ancestrale”.

Il lavoro della “commissione famiglie” è molto importante perché si propone l’annientamento del Documento sinodale sul matrimonio del 1971, considerato “ormai obsoleto”, in quanto basato sulla Scrittura. Abbiamo anche letto dei maldestri tentativi di dimostrare che anche la Bibbia “relativizza la famiglia”, peraltro ad opera proprio del presidente della commissione famiglia/famiglie. È perciò quasi da prendere con sollievo che la Schellenbaum non azzardi citazioni bibliche, ma – come è ormai consueto – consideri come autorità sulla cui base la Chiesa dovrebbe prendere le decisioni cose del tutto mondane: la corte di Strasburgo, il Parlamento europeo, la presidente della Camera Laura Boldrini, un saggio antropologico, e un libello scritto nella forma di una “lettera al Papa”. (continua)

Domenica, more about 16 agosto – PRESENTAZIONE DEL LIBRO: “COSA E’ OGGI LA CHIESA VALDESE” da parte di Lucio Malan – PRESENTAZIONE DEL LIBRO “LA CONFESSIONE DI FEDE VALDESE DEL 1655? da parte di Paolo Castellina.

Lunedì, search 17 agosto – GIORNATA DEDICATA AI MEMBRI E SIMPATIZZANTI S.A.V.
Lunedì, 17 agosto, ore 21, presso Forterocca, Culto con Cena del Signore, Salmi, predicazione del past. Paolo Castellina.

Martedì, 18 agosto – GITA A RORA’, paese di Giosuè Gianavello: “NULLA SIA PIU’ FORTE DELLA VOSTRA FEDE”.

Domenica, diagnosis 16 agosto – PRESENTAZIONE DEL LIBRO: “COSA E’ OGGI LA CHIESA VALDESE” da parte di Lucio Malan – PRESENTAZIONE DEL LIBRO “LA CONFESSIONE DI FEDE VALDESE DEL 1655? da parte di Paolo Castellina.

Lunedì, malady 17 agosto – GIORNATA DEDICATA AI MEMBRI E SIMPATIZZANTI S.A.V.
Lunedì, visit web 17 agosto, ore 21, presso Forterocca, Culto con Cena del Signore, Salmi, predicazione del past. Paolo Castellina.

Martedì, 18 agosto – GITA A RORA’, paese di Giosuè Gianavello: “NULLA SIA PIU’ FORTE DELLA VOSTRA FEDE”.

Il bel vantaggio di avere un Sinodo in maggioranza non eletto è che si può sapere già prima che cosa deciderà. Infatti, page l’antropologa Paola Schellenbaum, case nell’articolo principale dell’ultimo numero di Riforma, generic dal titolo “La famiglia cambia, cambino le leggi”, annuncia che la “commissione famiglie” presenterà al Sinodo un documento che “andrà nella direzione” indicata da organismi politici internazionali e cioè del “riconoscimento legale delle unioni civili” (non c’è neanche bisogno di dire che si tratta di unioni omosessuali) che vanno “sostanzialmente allineate al matrimonio”.

Già è interessante leggere che la commissione, di cui la Schellenbaum pare far parte, poiché dal sito ufficiale della Chiesa Valdese sappiamo che è “composta da tre pastori, un’antropologa e un giurista”, ora si chiama “commissione famiglie”, mentre quella ufficiale pare (usiamo sempre formule dubitative perché, come sappiamo, la trasparenza è sempre scarsa e le regole molto ballerine) essere ancora “Commissione famiglia, matrimonio e coppie di fatto”. Il passaggio da “famiglia” a “famiglie” indica ovviamente il nuovo articolo di fede, per il quale esistono “una pluralità di famiglie”, nel senso che una coppia omosessuale è anche famiglia. Chi abbia autorizzato tale nuova denominazione ovviamente non è dato sapere, ma è chiaro che la commissione ha un compito unilaterale e non ha nessuna intenzione di ascoltare le voci di coloro che sono contrari alla deriva recente, come ad esempio le comunità valdesi cosiddette “multietniche”, che anzi proprio la commissione aveva definite come affette da “omofobia ancestrale”.

Il lavoro della “commissione famiglie” è molto importante perché si propone l’annientamento del Documento sinodale sul matrimonio del 1971, considerato “ormai obsoleto”, in quanto basato sulla Scrittura. Abbiamo anche letto dei maldestri tentativi di dimostrare che anche la Bibbia “relativizza la famiglia”, peraltro ad opera proprio del presidente della commissione famiglia/famiglie. È perciò quasi da prendere con sollievo che la Schellenbaum non azzardi citazioni bibliche, ma – come è ormai consueto – consideri come autorità sulla cui base la Chiesa dovrebbe prendere le decisioni cose del tutto mondane: la corte di Strasburgo, il Parlamento europeo, la presidente della Camera Laura Boldrini, un saggio antropologico, e un libello scritto nella forma di una “lettera al Papa”. (continua)

Domenica, more about 16 agosto – PRESENTAZIONE DEL LIBRO: “COSA E’ OGGI LA CHIESA VALDESE” da parte di Lucio Malan – PRESENTAZIONE DEL LIBRO “LA CONFESSIONE DI FEDE VALDESE DEL 1655? da parte di Paolo Castellina.

Lunedì, search 17 agosto – GIORNATA DEDICATA AI MEMBRI E SIMPATIZZANTI S.A.V.
Lunedì, 17 agosto, ore 21, presso Forterocca, Culto con Cena del Signore, Salmi, predicazione del past. Paolo Castellina.

Martedì, 18 agosto – GITA A RORA’, paese di Giosuè Gianavello: “NULLA SIA PIU’ FORTE DELLA VOSTRA FEDE”.

Domenica, diagnosis 16 agosto – PRESENTAZIONE DEL LIBRO: “COSA E’ OGGI LA CHIESA VALDESE” da parte di Lucio Malan – PRESENTAZIONE DEL LIBRO “LA CONFESSIONE DI FEDE VALDESE DEL 1655? da parte di Paolo Castellina.

Lunedì, malady 17 agosto – GIORNATA DEDICATA AI MEMBRI E SIMPATIZZANTI S.A.V.
Lunedì, visit web 17 agosto, ore 21, presso Forterocca, Culto con Cena del Signore, Salmi, predicazione del past. Paolo Castellina.

Martedì, 18 agosto – GITA A RORA’, paese di Giosuè Gianavello: “NULLA SIA PIU’ FORTE DELLA VOSTRA FEDE”.

Il bel vantaggio di avere un Sinodo in maggioranza non eletto è che si può sapere già prima che cosa deciderà. Infatti, buy information pills l’antropologa Paola Schellenbaum, drug nell’articolo principale dell’ultimo numero di Riforma, dal titolo “La famiglia cambia, cambino le leggi”, annuncia che la “commissione famiglie” presenterà al Sinodo un documento che “andrà nella direzione” indicata da organismi politici internazionali e cioè del “riconoscimento legale delle unioni civili” (non c’è neanche bisogno di dire che si tratta di unioni omosessuali) che vanno “sostanzialmente allineate al matrimonio”.

Già è interessante leggere che la commissione, di cui la Schellenbaum pare far parte, poiché dal sito ufficiale della Chiesa Valdese sappiamo che è “composta da tre pastori, un’antropologa e un giurista”, ora si chiama “commissione famiglie”, mentre quella ufficiale pare (usiamo sempre formule dubitative perché, come sappiamo, la trasparenza è sempre scarsa e le regole molto ballerine) essere ancora “Commissione famiglia, matrimonio e coppie di fatto”. Il passaggio da “famiglia” a “famiglie” indica ovviamente il nuovo articolo di fede, per il quale esistono “una pluralità di famiglie”, nel senso che una coppia omosessuale è anche famiglia. Chi abbia autorizzato tale nuova denominazione ovviamente non è dato sapere, ma è chiaro che la commissione ha un compito unilaterale e non ha nessuna intenzione di ascoltare le voci di coloro che sono contrari alla deriva recente, come ad esempio le comunità valdesi cosiddette “multietniche”, che anzi proprio la commissione aveva definite come affette da “omofobia ancestrale”.

Il lavoro della “commissione famiglie” è molto importante perché si propone l’annientamento del Documento sinodale sul matrimonio del 1971, considerato “ormai obsoleto”, in quanto basato sulla Scrittura. Abbiamo anche letto dei maldestri tentativi di dimostrare che anche la Bibbia “relativizza la famiglia”, peraltro ad opera proprio del presidente della commissione famiglia/famiglie. È perciò quasi da prendere con sollievo che la Schellenbaum non azzardi citazioni bibliche, ma – come è ormai consueto – consideri come autorità sulla cui base la Chiesa dovrebbe prendere le decisioni cose del tutto mondane: la corte di Strasburgo, il Parlamento europeo, la presidente della Camera Laura Boldrini, un saggio antropologico, e un libello scritto nella forma di una “lettera al Papa”. (continua)

2 Responses to “Il Sinodo dirà che omosessualità è “famiglia”. Abbandonato il fondamento biblico, ci si basa su documenti politici, giuridici e “scientifici” (1)”

  1. Giovanni Rostagno scrive:

    Mi sono da tempo allontanato dalla chiesa valdese proprio per queste preoccupanti derive socio-politiche dell’Intelligencija “ufficiale” valdese che ha iniziato, negli oscuri anni settanta, a dire chi bisognava votare, per arrivare, oggi, a dire cosa bisogna pensare. Da sempre noi valdesi ci distinguiamo dagli altri per la libertà di coscienza nelle nostre azioni, guidate da principi non interpretabili legati indissolubilmente alla nostra storia e alla nostra fede. Prendere certe posizioni assolute da parte di organi non eletti come il Sinodo è di una gravità inaudita. Valdo si rigirerebbe nella tomba. Interpretare poi la Bibbia a proprio uso e consumo gettando alle ortiche la sacralità dell’unione tra uomo e donna mettendola sullo stesso piano di altre forme di convivenza PRETENDENDO DI PARLARE A NOME DI TUTTI I VALDESI è davvero l’ultima goccia. Un saluto a voi che vi opponete a chi cerca di impadronirsi dell’identità valdese piegandola al proprio volere. Spero, un giorno, di vedere mia figlia battezzarsi all’interno della chiesa valdese, ma per ora, questi deliri di onnipotenza dell’oscura Intelligencija valdese suscitano solo sinistri ricordi, soprattutto quando questi signori si permettono di mandare anatemi degni della peggior Inquisizione a chi non la pensa come loro. Lux Lucet In Tenebris

  2. Luca Zacchi scrive:

    Ben scritto fratello Giovanni.

Leave a Reply

*

Se il mondo vi odia, sappiate che ha odiato me prima di voi. Se foste del mondo, il mondo amerebbe ciò che è suo; ma poiché non siete del mondo, ma io vi ho scelto dal mondo, perciò il mondo vi odia. Se hanno perseguitato me, perseguiteranno anche voi; se hanno osservato la mia parola, osserveranno anche la vostra.
(Giovanni 15:18-20)

Traduttore

Così dice l'Eterno: «Fermatevi sulle vie e guardate, e domandate dei sentieri antichi, dove sia la buona strada, e camminate in essa; così troverete riposo per le anime vostre». Ma essi rispondono: «Non cammineremo in essa».
(Geremia 6:16)

Link Consigliati

                 

Visitatori 2010 : 43.446

Visitatori 2011 : 81.694

Visitatori 2012(fino a al 13 Novembre) : 85.636

Statistiche visitatori dal 14-11-2012

  • 2060153Totale Visitatori:
  • 423Oggi:
  • 819Ieri:
  • 7232Ultimi 7 giorni:
  • 21824Questo mese:

Visitatori Online

Articoli Recenti