\"NULLA SIA PIÙ FORTE DELLA VOSTRA FEDE\"

GIOSUÈ GIANAVELLO

I protestanti hanno ancora qualcosa da dire? Dipende da “quali”!

“Ogni pianta che il Padre mio celeste non ha piantata, drug sarà sradicata” (Matteo 15: 13).

“Le zizzanie sono i figli del maligno; il nemico che le ha seminate è il diavolo (…) cogliete prima le zizzanie e legatele in fasci per bruciarle” (Matteo 13: 38, 39; 30).

Una volta i contadini piantavano gli alberi da frutta proprio in mezzo ai prati, era un’abitudine di cui ancora oggi posso osservarne, nella campagna, letteralmente i frutti, derivanti dal frutto di decisioni umane.

I meli non erano quelli che vediamo in giro nelle coltivazioni, ma erano alti e ombrosi, piantati nel bel mezzo dei prati, perché una volta si falciava l’erba “a mano” armati di falce e proprio lì, sotto l’albero, in mezzo alla gran fatica, ci si poteva fermare a martellare la falce all’ombra e mangiarsi un buon frutto sugoso.

Fra questi alberi ancora in vita ce ne sono ancora di una qualità speciale: è il pero delle “toumette”; che sono delle pere sugose e tonde, e pure l’albero è di forma tondeggiante!

Su un albero di “toumette” un contadino si divertì a fare un innesto e perciò in estate ci sono delle buonissime pere che dissetano, ma l’albero continua a portare il suo frutto anche in autunno con pere altrettanto sugose e gustose.

Ai giorni nostri questi alberi hanno dato un gran fastidio al contadino, che non usa più la falce, ma dei mezzi rumorosi e velocissimi per compiere il lavoro, e tali alberi in mezzo ai campi  intralciavano l’operato e così… tante di queste antiche qualità di alberi da frutta, sono state sradicate.

E’ nella facoltà decisionale dell’uomo piantare, innestare e anche sradicare e non sarebbe altrettanto così per il Dio che decide ogni cosa, e fa tutto ciò che gli piace? ”il nostro Dio è nei cieli; egli fa tutto ciò che gli piace” (Salmo 115:3).

Egli pianta e sradicherà ciò che non ha piantato; Egli toglie via ogni tralcio che non dà frutto e pota il tralcio che dà frutto (Giovanni 15:2)) e semina il grano (Matteo 13:37) e ordinerà pure di cogliere le zizzanie, che Egli non ha seminato, di legarle in fasci e bruciarle!

E noi, creati alla somiglianza di Dio, che con la nostra decisione piantiamo e sradichiamo, che abbiam da replicare se a Dio è piaciuto e ha deciso di ” fare il mestiere dell’agricoltore”?

Daniela
di Paolo Castellina

Margot Käßmann, find già vescovo (luterano) di Hannover e l’ex presidente della Chiesa protestante in Germania, tadalafil ha tenuto recentemente una molto partecipata conferenza a Strasburgo, nella chiesa “Temple Neuf”, dal titolo “I protestanti hanno ancora qualcosa da dire?”.
Ne dà notizia il Dernières Nouvelles d’Alsace. Il giornale, commentando le parole di quella che definisce “la seducente vescovo dalla parlantina sciolta”, rileva come abbia voluto affrontare “l’anima della tradizione protestante”. Mettendo in evidenza l’importanza di avere “uno sguardo critico sul passato” del Protestantesimo, che sarebbe “da rileggere” contro chi “perverte la storia della Riforma”, la Käßmann afferma che bisognerebbe avere “l’onestà intellettuale” di dire che “la Riforma non è stata tollerante” e - tirando fuori i soliti luoghi comuni pretestuosi degli avversari sull’appoggio dato da Lutero alla soppressione violenta delle rivolte contadine e il suo antisemitismo, come pure l’esecuzione nella Ginevra di Calvino del polemista antitrinitario Serveto (senza nemmeno, naturalmente, cercare di comprendere) - mette in rilievo come la chiesa luterana non sia stata sempre “amica della repubblica e della democrazia” e come sia essenziale denunciare la sua “deriva” in un “moralismo inaccettabile e sterile”.

La Käßmann poi mette in rilievo quello che secondo lei è un “dato acquisito” dei più preziosi della Riforma, cioè “il diritto inalienabile di ciascuno di pensare con la sua testa” e che qui la Riforma si riunisca con l’Illuminismo e con gli ideali della democrazia e dell’individualismo. A questo riguardo, come tipico esponente del protestantesimo liberale, mette in rilievo la classica rivendicazione di Martin Lutero contro le imposizioni delle gerarchie ecclesiastiche: “Agire contro la propria coscienza non è né prudente, né lecito. Qui sto fermo”. Mette poi in rilievo come l’anima del Protestantesimo sia l’approccio critico, “il sostenere le proprie convinzioni nel rispetto delle differenze” e l’importanza di “rifondare un’etica politica”. Il giornalista che riassume la conferenza termina dicendo: “Grazie a Margot Käßmann di aver ravvivato questa fiamma”.

Ecco così come la Käßmann, nel ribadire le solite argomentazioni revisioniste tipiche anche di molti conferenzieri valdo-metodisti italiani di oggi, ripropone l’interpretazione del Protestantesimo dei circoli liberali pervertendone il messaggio e distorcendone ad arte la storia – a partire proprio dall’incomprensione (?) della protesta di Lutero che, certo, affermava il diritto alle sue profonde persuasioni contro la tirannia ecclesiastica, ma non in nome dell’individualismo e dell’autonomia del pensiero illuminista, e il fatto che quella stessa sua coscienza fosse “prigioniera della Parola di Dio”. L’affermazione completa di Lutero è infatti: “‘Finché non mi convincerà di essere in errore la testimonianza della Scrittura o la forza trasparente del ragionamento, io mi atterrò a quei passi della Scrittura a cui ho fatto appello. La mia coscienza è prigioniera della parola di Dio e io non posso, né voglio, ritrattare alcunché. Agire contro la propria coscienza non è né prudente, né lecito. Qui sto fermo. Non posso fare altro. Dio mi aiuti. Amen.”

E’ al messaggio dell’intera Bibbia, infatti, che la coscienza autenticamente cristiana è legata, e non “agli ideali dell’illuminismo” ripresi poi dalla Massoneria e dalla moderna teologia neo-liberale. Non sorprende poi che, scagliandosi in modo neanche tanto velato contro l’etica biblica - definita una “deriva” e un “moralismo inaccettabile e sterile” - di fatto risponda alla domanda: “I protestanti hanno ancora qualcosa da dire?” con un implicito: ‘No’ se si attengono alla loro identità storica, ‘Sì’ se si uniscono alle forze “progressiste” e liberali di oggi, facendo eco ai loro slogan e chiudendo o deformando l’insegnamento biblico, e aprendo le chiese “ad ogni vento di dottrina” (moderna). Critici quindi del passato, ma non critici del presente rispetto al quale certi teologi come la Käßmann sono ciechi come talpe o in mala fede!

Vale la pena, infine, di rammentare come la Käßmann abbia dato le dimissioni da vescovo luterano e dalla presidenza delle chiese evangeliche tedesche non per aver ripensato criticamente al suo ruolo e messaggio, ma per ben altro. Il sito dell’anniversario luterano del 2017 così descrive la Käßmann: “Nell’ottobre del 2009 fu la prima donna nominata ai vertici della Chiesa evangelica in Germania (EKD). Dal 1999 è stata vescovo della Chiesa regionale di Hannover, che è la Chiesa più grande tra i membri dell’EKD. Dopo aver guidato in stato di ebbrezza, nel febbraio del 2010 Margot Käßmann ha dato le dimissioni da tutti gli incarichi ecclesiastici. Il 27 aprile 2012 è divenuta ambasciatrice per l’anniversario della Riforma”. Da notare come la parte in neretto sia stata tolta nell’ultima versione del sito www.luther2017.de/en/node/23341, ma è ancora reperibile nella copia della Google cache http://goo.gl/3UqfI4. La cosa per altro è ben nota e, in modo molto “tollerante”, perdonata.

Indipendentemente dalle vicende personali della Käßmann, ci chiediamo come l’anniversario della Riforma del 2017 sia promosso da tale “ambasciatrice” non della fede biblica della Riforma, ma delle idee dell’Illuminismo - fatte passare ingannevolmente come “l’anima del Protestantesimo”.

Related Posts

One Response to “I protestanti hanno ancora qualcosa da dire? Dipende da “quali”!”

  1. Jhennifer scrive:

    Gli uomini in nulla hanno pedruto la ragione quanto nella religione,nella quale sassi e chiodi fanno dei martiri.[ Thomas Browne - Hydriotaphia, Urn Burial, 1658 ]

Leave a Reply

*

Se il mondo vi odia, sappiate che ha odiato me prima di voi. Se foste del mondo, il mondo amerebbe ciò che è suo; ma poiché non siete del mondo, ma io vi ho scelto dal mondo, perciò il mondo vi odia. Se hanno perseguitato me, perseguiteranno anche voi; se hanno osservato la mia parola, osserveranno anche la vostra.
(Giovanni 15:18-20)

Traduttore

Così dice l'Eterno: «Fermatevi sulle vie e guardate, e domandate dei sentieri antichi, dove sia la buona strada, e camminate in essa; così troverete riposo per le anime vostre». Ma essi rispondono: «Non cammineremo in essa».
(Geremia 6:16)

Link Consigliati

                 

Visitatori 2010 : 43.446

Visitatori 2011 : 81.694

Visitatori 2012(fino a al 13 Novembre) : 85.636

Statistiche visitatori dal 14-11-2012

  • 1975819Totale Visitatori:
  • 744Oggi:
  • 530Ieri:
  • 5300Ultimi 7 giorni:
  • 14235Questo mese:

Visitatori Online

Articoli Recenti