\"NULLA SIA PIÙ FORTE DELLA VOSTRA FEDE\"

GIOSUÈ GIANAVELLO

Ecco la Chiesa Valdese indipendente di Tarariras, Uruguay. Esiste da 16 anni e nessuno ne aveva mai parlato.



Il pastore Esteban Gignous Janavel, information pills membro di Sentieri Antichi Valdesi, help ci dà notizia della Iglesia Valdense di Tarariras (Uruguay), approved una Chiesa Valdese, che ha un pastore, il culto e le attività, un bel tempio e altri locali. La chiesa valdese di Tarariras fu fondata nel 1886 da valdesi emigrati dalle Valli, ma nel 1999 una parte maggioritaria della comunità ha deciso di staccarsi dalla Mesa Valdense (l’equivalente sudamericano della Tavola europea) seguendo il pastore Gerald Nansen. A Tarariras esiste ancora una chiesa valdese dipendente dalla mesa e, secondo il bollettino reperibile nel sito delle Chiese Valdesi del Rio de la Plata (peraltro recentemente riapparso dopo mesi in cui non era online), è guidata dai pastori Hugo Malan (già moderatore) e Oscar Geymonat.

Secondo le notizie che riceviamo, la Chiesa Valdese indipendente di Tarariras non ha seguito la deriva ultra-liberale che anche in Sud America domina il mondo valdese. Tarariras oggi ha poco più di seimila abitanti. Un tempo l’80 per cento erano valdesi, oggi solo il 30 per cento. La separazione delle due chiese ha causato divisioni anche in molte famiglie, ma la comunità indipendente è molto attiva, guidata dal pastore Gerald Nansen e la predicatrice Luz Maria Long. Nansen è nato in Svizzera da genitori di origine norvegese, suo nonno era l’esploratore, scienziato e diplomatico norvegese Fridtjof Nansen, Premio Nobel per la Pace nel 1922.    

Speriamo di avere presto contatti con i fratelli e le sorelle di Tarariras.

 

Non ci stupiamo che i vari mezzi di informazione valdesi ufficiali tengano nascosta questa realtà, data la lunga serie di notizie taciute, dalla contrarietà di gran parte dei valdesi italiani alle benedizioni delle coppie dello stesso  sesso, dalle sconcertanti dichiarazioni televisive della teologa sulla sua vita “affettiva” “in quanto valdese” alla gaffe di Papa Francesco che  invoca l’intercessione della Vergine Maria sui lavori del Sinodo a tante altre cose. A questo punto comprendiamo anche la “deplorazione sinodale” del 2011 nei confronti di questo sito e di chi lo anima, voluta da una nomenklatura troppo abituata a non avere contraddittorio, a nasc0ndere con successo le notizie scomode.



Il pastore Esteban Gignous Janavel, information pills membro di Sentieri Antichi Valdesi, help ci dà notizia della Iglesia Valdense di Tarariras (Uruguay), approved una Chiesa Valdese, che ha un pastore, il culto e le attività, un bel tempio e altri locali. La chiesa valdese di Tarariras fu fondata nel 1886 da valdesi emigrati dalle Valli, ma nel 1999 una parte maggioritaria della comunità ha deciso di staccarsi dalla Mesa Valdense (l’equivalente sudamericano della Tavola europea) seguendo il pastore Gerald Nansen. A Tarariras esiste ancora una chiesa valdese dipendente dalla mesa e, secondo il bollettino reperibile nel sito delle Chiese Valdesi del Rio de la Plata (peraltro recentemente riapparso dopo mesi in cui non era online), è guidata dai pastori Hugo Malan (già moderatore) e Oscar Geymonat.

Secondo le notizie che riceviamo, la Chiesa Valdese indipendente di Tarariras non ha seguito la deriva ultra-liberale che anche in Sud America domina il mondo valdese. Tarariras oggi ha poco più di seimila abitanti. Un tempo l’80 per cento erano valdesi, oggi solo il 30 per cento. La separazione delle due chiese ha causato divisioni anche in molte famiglie, ma la comunità indipendente è molto attiva, guidata dal pastore Gerald Nansen e la predicatrice Luz Maria Long. Nansen è nato in Svizzera da genitori di origine norvegese, suo nonno era l’esploratore, scienziato e diplomatico norvegese Fridtjof Nansen, Premio Nobel per la Pace nel 1922.    

Speriamo di avere presto contatti con i fratelli e le sorelle di Tarariras.

 

Non ci stupiamo che i vari mezzi di informazione valdesi ufficiali tengano nascosta questa realtà, data la lunga serie di notizie taciute, dalla contrarietà di gran parte dei valdesi italiani alle benedizioni delle coppie dello stesso  sesso, dalle sconcertanti dichiarazioni televisive della teologa sulla sua vita “affettiva” “in quanto valdese” alla gaffe di Papa Francesco che  invoca l’intercessione della Vergine Maria sui lavori del Sinodo a tante altre cose. A questo punto comprendiamo anche la “deplorazione sinodale” del 2011 nei confronti di questo sito e di chi lo anima, voluta da una nomenklatura troppo abituata a non avere contraddittorio, a nasc0ndere con successo le notizie scomode.


Il pastore Esteban Gignous Janavel, ailment membro di Sentieri Antichi Valdesi, ci dà notizia della Iglesia Valdense di Tarariras (Uruguay), una Chiesa Valdese, che ha un pastore, il culto e le attività, un bel tempio e altri locali. La chiesa valdese di Tarariras fu fondata nel 1886 da valdesi emigrati dalle Valli, ma nel 1999 una parte maggioritaria della comunità ha deciso di staccarsi dalla Mesa Valdense (l’equivalente sudamericano della Tavola europea) seguendo il pastore Gerald Nansen. A Tarariras esiste ancora una chiesa valdese dipendente dalla mesa e, secondo il bollettino reperibile nel sito delle Chiese Valdesi del Rio de la Plata (peraltro recentemente riapparso dopo mesi in cui non era online), è guidata dai pastori Hugo Malan (già moderatore) e Oscar Geymonat.

Secondo le notizie che riceviamo, la Chiesa Valdese indipendente di Tarariras non ha seguito la deriva ultra-liberale che anche in Sud America domina il mondo valdese. Tarariras oggi ha poco più di seimila abitanti. Un tempo l’80 per cento erano valdesi, oggi solo il 30 per cento. La separazione delle due chiese ha causato divisioni anche in molte famiglie, ma la comunità indipendente è molto attiva, guidata dal pastore Gerald Nansen e la predicatrice Luz Maria Long. Nansen è nato in Svizzera da genitori di origine norvegese, suo nonno era l’esploratore, scienziato, diplomatico

Norvegese Fridtjof Nansen, Premio Nobel per la Pace nel 1922.

Speriamo di avere presto contatti con i fratelli e le sorelle di Tarariras.

Non ci stupiamo che i vari mezzi di informazione valdesi ufficiali tengano nascosta questa realtà, data la lunga serie di notizie taciute, dalla contrarietà di gran parte dei valdesi italiani alle benedizioni delle coppie dello stesso  sesso, dalle sconcertanti dichiarazioni televisive della teologa sulla sua vita “affettiva” “in quanto valdese” alla gaffe di Papa Francesco che  invoca l’intercessione della Vergine Maria sui lavori del Sinodo a tante altre cose. A questo punto comprendiamo anche la “deplorazione sinodale” del 2011 nei confronti di questo sito e di chi lo anima, voluta da una nomenklatura troppo abituata a non avere contraddittorio, a nasc0ndere con successo le notizie scomode.

Sembra che stiano rapidamente per finire i tempi della “società del benessere”. Eppure le aspirazioni prevalenti della maggior parte della gente continuano ad essere concederci materialmente “il meglio” che la vita possa offrire, page una vita facile e comoda, discount molto denaro a disposizione, viagra divertimento e vacanze permanenti, nessuna responsabilità ed impegno, evitare il più possibile dolore e fatica, non prendere mai posizione su nulla perché è “compromettente”, non farsi domande sulle cose, evitare il più possibile guai e “rogne”, prendersela comoda stando “al caldo”, non essere coinvolti, fare il meno possibile sfruttando, magari, il lavoro altrui e “le occasioni”. Sempre di più il criterio con il quale siamo disposti a fare una qualsiasi cosa è chiederci: “E’ divertente?”. Se è facile, comodo e divertente, lo facciamo, altrimenti no, o di malavoglia. Nell’ansia di “vendere” il loro “prodotto” vi sono oggi coloro che propongono un cristianesimo facile e di comodo, che venga incontro a questa mentalità, fatto di vantaggi e profitti, temporali ed eterni, “salvezza” e guarigioni a buon mercato. Eppure quanto il Signore Gesù propone nel testo di questa domenica è ben lontano da tutto questo. E’, anzi, qualcosa che ha fatto fuggire da Lui più di una persona! Di fronte a parole di questo genere, alcuni certamente Gli direbbero oggi: “Gesù, se tu vuoi vendere il tuo prodotto, guardati bene dal dire queste cose…”. Che cos’è che disse Gesù? Lo troviamo nel vangelo di Marco 8:31-38. http://riforma.net/index.php?title=Studi_biblici/Marco_8:31-38B
Paolo Castellina
Sembra che stiano rapidamente per finire i tempi della “società del benessere”. Eppure le aspirazioni prevalenti della maggior parte della gente continuano ad essere concederci materialmente “il meglio” che la vita possa offrire, page una vita facile e comoda, discount molto denaro a disposizione, viagra divertimento e vacanze permanenti, nessuna responsabilità ed impegno, evitare il più possibile dolore e fatica, non prendere mai posizione su nulla perché è “compromettente”, non farsi domande sulle cose, evitare il più possibile guai e “rogne”, prendersela comoda stando “al caldo”, non essere coinvolti, fare il meno possibile sfruttando, magari, il lavoro altrui e “le occasioni”. Sempre di più il criterio con il quale siamo disposti a fare una qualsiasi cosa è chiederci: “E’ divertente?”. Se è facile, comodo e divertente, lo facciamo, altrimenti no, o di malavoglia. Nell’ansia di “vendere” il loro “prodotto” vi sono oggi coloro che propongono un cristianesimo facile e di comodo, che venga incontro a questa mentalità, fatto di vantaggi e profitti, temporali ed eterni, “salvezza” e guarigioni a buon mercato. Eppure quanto il Signore Gesù propone nel testo di questa domenica è ben lontano da tutto questo. E’, anzi, qualcosa che ha fatto fuggire da Lui più di una persona! Di fronte a parole di questo genere, alcuni certamente Gli direbbero oggi: “Gesù, se tu vuoi vendere il tuo prodotto, guardati bene dal dire queste cose…”. Che cos’è che disse Gesù? Lo troviamo nel vangelo di Marco 8:31-38. http://riforma.net/index.php?title=Studi_biblici/Marco_8:31-38B
Paolo Castellina

Il pastore Esteban Gignous Janavel, viagra sale membro di Sentieri Antichi Valdesi, ci dà notizia della Iglesia Valdense di Tarariras (Uruguay), una Chiesa Valdese, che ha un pastore, il culto e le attività, un bel tempio e altri locali. La chiesa valdese di Tarariras fu fondata nel 1886 da valdesi emigrati dalle Valli, ma nel 1999 una parte maggioritaria della comunità ha deciso di staccarsi dalla Mesa Valdense (l’equivalente sudamericano della Tavola europea) seguendo il pastore Gerald Nansen. A Tarariras esiste ancora una chiesa valdese che fa capo alla Mesa e, secondo il bollettino reperibile nel sito delle Chiese Valdesi del Rio de la Plata (peraltro recentemente riapparso dopo mesi in cui non era online), è guidata dai pastori Hugo Malan (già moderatore) e Oscar Geymonat.

Secondo le notizie che riceviamo, la Chiesa Valdese indipendente di Tarariras non ha seguito la deriva ultra-liberale che anche in Sud America domina il mondo valdese. Tarariras oggi ha poco più di seimila abitanti. Un tempo l’80 per cento erano valdesi, oggi solo il 30 per cento. La separazione delle due chiese ha causato divisioni anche in molte famiglie, ma la comunità indipendente è molto attiva, guidata dal pastore Gerald Nansen e la predicatrice Luz Maria Long. Nansen è nato in Svizzera da genitori di origine norvegese, suo nonno era l’esploratore, scienziato e diplomatico norvegese Fridtjof Nansen, Premio Nobel per la Pace nel 1922.    

Speriamo di avere presto contatti con i fratelli e le sorelle di Tarariras.

 

Non ci stupiamo che i vari mezzi di informazione valdesi ufficiali tengano nascosta questa realtà, data la lunga serie di notizie taciute, dalla contrarietà di gran parte dei valdesi recenti immigrati in Italia alle benedizioni delle coppie dello stesso  sesso, dalle sconcertanti dichiarazioni televisive della teologa sulla sua vita “affettiva” “in quanto valdese” alla gaffe di Papa Francesco che  invoca l’intercessione della Vergine Maria sui lavori del Sinodo a tante altre cose. A questo punto comprendiamo anche la “deplorazione sinodale” del 2011 nei confronti di questo sito e di chi lo anima, voluta da una nomenklatura troppo abituata a non avere contraddittorio e a nasc0ndere con successo le notizie scomode.

2 Responses to “Ecco la Chiesa Valdese indipendente di Tarariras, Uruguay. Esiste da 16 anni e nessuno ne aveva mai parlato.”

  1. Questa è una gran bella notizia!!!

  2. Beppe P. scrive:

    Cari fratelli,
    la chiesa di Tarariras si separò per non versare le collette alla Mesa, non certo per avversione allo spirito “liberal” (che per altro in sudamerica è molto annacquato).

    Qualche anno fa, parlando con una sorella di quella comunità, sminuì molto la notizia (che colpì anche me), quindi non ci diedi più peso.

    Aggiungo che non c’è nulla di nobile nel separarsi senza discutere, non trovate? Per di più dividersi indebolisce le nostre già deboli comunità evangeliche.

    Un fraterno saluto.
    Beppe

Leave a Reply

*

Se il mondo vi odia, sappiate che ha odiato me prima di voi. Se foste del mondo, il mondo amerebbe ciò che è suo; ma poiché non siete del mondo, ma io vi ho scelto dal mondo, perciò il mondo vi odia. Se hanno perseguitato me, perseguiteranno anche voi; se hanno osservato la mia parola, osserveranno anche la vostra.
(Giovanni 15:18-20)

Traduttore

Così dice l'Eterno: «Fermatevi sulle vie e guardate, e domandate dei sentieri antichi, dove sia la buona strada, e camminate in essa; così troverete riposo per le anime vostre». Ma essi rispondono: «Non cammineremo in essa».
(Geremia 6:16)

Link Consigliati

                 

Visitatori 2010 : 43.446

Visitatori 2011 : 81.694

Visitatori 2012(fino a al 13 Novembre) : 85.636

Statistiche visitatori dal 14-11-2012

  • 1247443Totale Visitatori:
  • 825Oggi:
  • 1139Ieri:
  • 8589Ultimi 7 giorni:
  • 24911Questo mese:

Visitatori Online

Articoli Recenti