\"NULLA SIA PIÙ FORTE DELLA VOSTRA FEDE\"

GIOSUÈ GIANAVELLO

CHI SIAMO

Siamo Valdesi con certezze e dubbi.

Noi siamo certi che la Confessione di Fede del 1655 sia quella cui attenersi per poter dire di essere Valdesi. Rispettiamo coloro che hanno altre convinzioni o non ne hanno affatto. Ma non può dirsi Valdese chi non condivide la Confessione di Fede valdese.

Noi siamo certi che l’ordinamento valdese sia un prezioso strumento per conservare la buona dottrina che viene tramandata di generazione in generazione, da tempo immemorabile. Ogni infrazione dell’ordinamento reca un danno gravissimo alla Chiesa, poiché esso è il fondamento del nostro essere chiesa. In particolare, noi ribadiamo che nessuna alterazione alla dottrina valdese può essere apportata se non dal Sinodo, invocando sinceramente l’assistenza di Dio, e senza comunque violare le basi fondanti del patto alla base dell’unione delle Chiese. Nessuna autorità può comunque superare la Bibbia, pur se – ove necessario – interpretata più che per la lettera, per lo Spirito. Nessuno potrà mai pretendersi superiore alla Bibbia.

Noi siamo certi che il passato della Chiesa e del popolo Valdese sia un patrimonio incomparabile, di cui è difficile essere degni. Un passato certamente non privo di errori, ma ancor più certamente un passato da non nascondere o alterare. Su di esso è opportuno, anzi, effettuare altre ricerche e non escludere a priori ciò che non è provato.

Noi siamo certi che le dottrine e le ideologie umane non valgano nulla a fronte della Parola di Dio e che la Chiesa non possa in nessun modo subordinarsi ad esse. La Chiesa può prendere posizione nel caso in cui l’Evangelo indichi inequivocabilmente la strada, ad esempio, contro il razzismo, per la libertà religiosa o contro la tirannia. Quanto, però, alle posizioni su partiti e specifiche iniziative, riteniamo che la prudenza debba essere massima per non nuocere, con scelte imprudenti, all’unica missione che la Chiesa ha: essere testimoni di Gesù Cristo fino alle estremità della Terra (Atti 1,8) e far risplendere la luce nelle tenebre (Giovanni 1,5). Chi intende comportarsi diversamente lo può fare assumendosi personalmente le responsabilità, senza farsi scudo della Chiesa o, peggio ancora, della Parola di Dio.

Noi dubitiamo che tra le cose su cui l’Evangelo indichi inequivocabilmente la strada vi siano questioni come la cosiddetta privatizzazione dell’acqua, il riconoscimento da parte dello Stato di particolari diritti per gli omosessuali, la sperimentazione senza limiti nel settore della genetica e sulle cellule riproduttive umane, l’accettazione delle teorie sul riscaldamento globale causato dall’uomo e il conseguente respingimento delle posizioni di centinaia di scienziati che la pensano in modo diverso. Purtroppo, su questi e altri temi la Chiesa Valdese ha preso posizione ufficiale.

 

Siamo i sottoscrittori dell’appello al Sinodo pubblicato in questo sito.

Leave a Reply

*

Se il mondo vi odia, sappiate che ha odiato me prima di voi. Se foste del mondo, il mondo amerebbe ciò che è suo; ma poiché non siete del mondo, ma io vi ho scelto dal mondo, perciò il mondo vi odia. Se hanno perseguitato me, perseguiteranno anche voi; se hanno osservato la mia parola, osserveranno anche la vostra.
(Giovanni 15:18-20)

Traduttore

Così dice l'Eterno: «Fermatevi sulle vie e guardate, e domandate dei sentieri antichi, dove sia la buona strada, e camminate in essa; così troverete riposo per le anime vostre». Ma essi rispondono: «Non cammineremo in essa».
(Geremia 6:16)

Link Consigliati

                 

Visitatori 2010 : 43.446

Visitatori 2011 : 81.694

Visitatori 2012(fino a al 13 Novembre) : 85.636

Statistiche visitatori dal 14-11-2012

  • 1150572Totale Visitatori:
  • 222Oggi:
  • 817Ieri:
  • 5729Ultimi 7 giorni:
  • 20564Questo mese:

Visitatori Online

博彩 屌丝 外围赌球网站 澳门葡京娱乐场 澳门赌博官网 澳门百家乐 申博娱乐官网